Dalla parte dei bambini

bimbi-2Fin dal mio insediamento al Parlamento Europeo ho aderito,fra i primi, all’ “Intergruppo bambini” che raccoglie parlamentari di nazioni e partiti diversi, uniti da una comune volontà: immaginare e valutare l’impatto che hanno le nostre scelte legislative sulle future generazioni.
Tutti noi vogliamo un’Europa diversa, che guardi al futuro, capace di promuovere speranza.
Tutti noi abbiamo a cuore il bene dei nostri figli e nipoti e vogliamo per loro un domani migliore.
In questa prospettiva ho sostenuto convintamente, come la maggioranza dei miei colleghi, la posizione del Parlamento Europeo che nel “Rapporto annuale sui diritti umani e la democrazia nel mondo” approvato nella seduta del 17/12/2015 ribadisce un principio fondamentale della civiltà giuridica moderna: i bambini non sono oggetti ma soggetti. («Il Parlamento Europeo condanna la pratica della maternità surrogata, che mina la dignità umana della donna, visto che il suo corpo e le sue funzioni riproduttive sono usate come una merce; considera che la pratica della maternità surrogata, che implica lo sfruttamento riproduttivo e l’uso del corpo umano per profitti finanziari o di altro tipo, in particolare il caso delle donne vulnerabili nei Paesi in via di sviluppo, debba essere vietata e trattata come questione di urgenza negli strumenti per i diritti umani» Par.114)
Questa prospettiva ci deve interrogare, al di là di ogni credo religioso e di ogni opzione culturale, sul futuro dell’umanità.
In Italia rimane aperto il dibattito sulla “stepchild adoption” cioè l’adozione “del figliastro” nel caso di unioni omosessuali, prevista dall’art.5 del DDL Cirinnà  che rischia, di fatto, di incentivare un mercato procreativo nel quale gli uteri vengono affittati, con l’impossibilità per i bambini di conoscere chi siano il babbo e la mamma.
Il confronto ha contribuito a chiarire invece un altro punto delicato della proposta di legge: nessuna confusione fra il matrimonio, che è disciplinato dall art.29 della nostra Costituzione, e la nuova norma sulle unioni civili che invece si richiama all’art. 2 della stessa, che disciplina i diritti degli individui e delle formazioni sociali.
Naturalmente nel libero confronto democratico,va rispettata,oltre alla coscienza di ogni singolo parlamentare, la volontà della maggioranza del Parlamento ma è giusto e indispensabile, approfondire fino in fondo i principi in gioco.
Le piazze che si sono riempite e si riempiranno di migliaia e migliaia di cittadini servono non per alimentare delle battaglie ideologiche e per aizzare gli uni contro gli altri ma per favorire una riflessione seria che metta al centro il bene e il futuro dei soggetti più deboli, in questo caso i bambini, che non possono decidere.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.