Status di Economia di Mercato alla Cina? No senza nuove regole chiare.

China ShippingSi possono chiaramente quantificare in centinaia di migliaia i posti di lavoro europei che sono a rischio nel caso della concessione automatica, senza condizioni, dello status di economia di mercato alla Cina, previsto per dicembre 2016, esattamente 15 anni dopo l’ingresso della cina nel WTO.

La Commissione Europea dovrebbe invece prendere atto che il paese orientale ad oggi non rispetta le regole basilari che consentono di definire la sua economia “di mercato”, a causa di una forte ingerenza dello stato nelle industrie private, di piani quinquennali per la produzione, di condizioni di lavoro e di diritti per i lavoratori ancora insufficienti.

Dare la possibilità alla Cina di esportare liberamente prodotti fabbricati in queste condizioni sui mercati europei, e quindi venduti a prezzi molto più bassi, avrebbe la conseguenza di provocare un’ “invasione” di prodotti cinesi sui nostri mercati, che oggi sono tenuti controllati dalle norme antidumping, con conseguenze soprattutto sull’Italia, tradizionalmente manifatturiera, in particolare sulle nostre industrie siderurgiche, ciclistiche e ceramiche.

Stiamo lavorando come gruppo S&D per chiedere che la Commissione metta in atto una valutazione di impatto per capire e quantificare in maniera chiara le conseguenze di questa scelta sui mercati e sui posti di lavoro europei, che ancora ad oggi non esiste; ci sembra il minimo per affrontare seriamente e con competenza la discussione. Chiediamo poi che il Parlamento venga coinvolto su tutti i prossimi passaggi che riguardano il commercio con la Cina. Vogliamo evitare che le cose vengano fatte in fretta e si ripetano errori già fatti in passato a causa del non-coinvolgimento dell’Assemblea Parlamentare. Chiediamo anche al Consiglio Europeo che vengano definiti in tempi brevi nuovi accordi per la difesa del commercio.

L’economia mondiale, per essere equa, deve vedere tutti gli attori giocare con le stesse regole. Se questo non avviene dobbiamo lavorare perchè le nostre industrie vengano preservate e tutelate da chi quelle regole non le rispetta.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

2 comments to Status di Economia di Mercato alla Cina? No senza nuove regole chiare.

  • Mario

    E quali sarebbero le “regole basilari”. E chi è già dentro le “economie di mercato” le rispetta?

    • Gent.mo Mario,
      l’Unione Europea riconosce 5 criteri per il riconoscimento dello status di Economia di mercato, che attualmente vengono rispettati da tutti i paesi che hanno scambi commerciali senza dazi nei confronti dell’Unione Europea; i criteri sono:
      Scarsa ingerenza del governo, specie in termini di discriminazione fiscale.
      Adeguati sistemi per la corporate governance.
      Regolamentazione chiara a garanzia dei diritti di proprietà e dell’applicazione di un regime fallimentare.
      Un settore fiscale che operi indipendentemente dallo stato.
      Assenza di distorsioni da parte dello stato all’allocazione delle risorse e le decisioni delle imprese.

      Spero di essere stato esaustivo,
      un cordiale saluto

      Damiano