Emissioni inquinanti: no a nuovi aumenti

Smoke and exhaustNella sessione di Strasburgo di febbraio abbiamo discusso in plenaria un tema che avevamo già affrontato in commissione ambiente: quello dei limiti di emissioni inquinanti per i motori, in particolare per i NOx (ossidi di azoto).

La Commissione Ambiente ha infatti votato a maggioranza una proposta, presentata al Parlamento, che aveva l’obiettivo di ristabilire i limiti originariamente fissati nel 2007 ed entrati in vigore nel 2015 dalle norme europee per le emissioni inquinanti (Euro6), che sono poi stati alzati dall’intervento di un Comitato Tecnico.

Inizialmente i limiti legali Euro6 sarebbero dovuti entrare in vigore nel settembre 2015, ma poi i cosiddetti “fattori di conformità” ( i periodi di tempo che le case automobilistiche possono chiedere per adeguarsi ai nuovi limiti) hanno concesso proroghe e il Comitato ha aumentato i limiti concedendo la possibilità di emettere più del doppio di NOx rispetto ai limiti Euro6 fino al 2020.

Personalmente in plenaria ho confermato la mia posizione in Commissione, votando a favore dell’obiezione che avevamo proposto e che avrebbe bocciato i fattori di conformità, obbligando le case automobilistiche ad adeguarsi alla normativa Euro6.

Solo dei marziani che non conoscono la realtà nella quale viviamo possono sostenere che, dopo lo scandalo Volkswagen, con le nostre città assediate dall’inquinamento, sia possibile accettare limiti di emissioni più alti di quelli votati nel 2007. La mia posizione è semplice e chiara: nel 2021, trascorsi ormai ben 15 anni, le emissioni reali misurate su strada dovranno essere eguali a quelle registrate in laboratorio ed adeguate alla normativa Euro6.

Purtroppo la nostra obiezione non è passata, ma continueremo il lavoro sia in commissione che in plenaria per assicurarci che il progresso porti davvero ad una riduzione delle sostanze inquinanti e non a deroghe, ritardi, scappatoie.

Ne va del nostro futuro ma soprattutto di quello delle prossime generazioni.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

2 comments to Emissioni inquinanti: no a nuovi aumenti

  • Giorgio Assirelli

    Apprezzo il Suo impegno.
    Credo che i consumatori dovrebbero sapere da parte di quali specifiche lobby sono arrivate le pressioni per gli aumenti dei NOX: le case tedesche? quelle francesi? O anche quelle italiane?
    E soprattutto da quali Governi? Già nel 2013 la Cancelliera Merkel, che tanto si é dimostrata scandalizzata per la truffa sulle emissioni dei Diesel del Gruppo Volkswagen, quando la UE si accingeva a ridurre i limiti di CO2 intervenne per difendere gli interessi delle sole case tedesche, preoccupate dell’aggravio di costi R&D che un inasprimento delle regole avrebbe significato. Penso che i consumatori debbano essere messi a conoscenza di quali sono le case automobilistiche più oneste, e di comportarsi di conseguenza negli acquisti che intendono fare.
    La ringrazio se vorrà o potrà rispondere. Giorgio Assirelli
    Faenza, 18.02.2016

    • Gent.mo Giorgio,
      non è un mistero che ogni azienda automobilistica mondiale abbia i suoi lobbisti che lavorano molto qui al Parlamento Europeo, tutti più o meno allo stesso modo. Non riesco a dirle quali siano quelli che abbiano spinto di più su questo tema, perchè non tutti i Parlamentari parlano con gli stessi lobbisti.
      Allo stesso modo, non so dirle con precisione le posizioni dei governi nazionali, che non si sono spesi in maniera concreta su questo argomento, essendo appunto un argomento in capo al Parlamento Europeo.
      Noi continueremo a fare il nostro lavoro, certamente parlando coi lobbisti ma cercando di prendere le decisioni migliori per i cittadini europei.
      Un caro saluto,
      Damiano