Due giorni in Veneto, per conoscere e ascoltare il territorio

Veneto, 8-9 febbraio 2016La difesa del patrimonio artistico e naturale. La manifattura, i prodotti della nostra terra, la logistica.

L’Europa.

In 48 ore in Veneto ho incontrato realtà diverse, accomunate da quel grande sforzo di un popolo che si è forgiato nell’etica del lavoro: battersi per il meglio.

Il meglio si riscontra anche – ma non solo – nei primati. Il primo distretto conciario d’Europa, quello dell’ovest vicentino, con oltre 10 mila addetti. Il primo interporto, quello di Verona, confermatosi anche l’anno scorso secondo le analisi del GBB tedesco. Il primo teatro chiuso dell’epoca moderna, l’Olimpico di Vicenza, ultima opera di Andrea Palladio nel 1580.

Produzione, movimenti, eventi. Primati che non conoscevo e che ho analizzato, apprezzato e che voglio continuare ad approfondire. Primati ed eccellenze che spesso non sono adeguatamente conosciute. Valorizzate. Tutelate.

A Bruxelles come a Roma. La sfida è quella di riuscire a rappresentare un territorio che merita. Per questo mi sono portato via dal Veneto una valigetta di questioni da affrontare. Tra queste, per esempio, la pista ciclabile “Via Claudia Augusta” che dovrebbe attraversare il territorio veronese da nord a sud. La valorizzazione e la rimozione di ostacoli normativi sulle applicazioni di alcune ricerche in merito all’utilizzo degli scarti delle produzioni conciarie in un’ottica di economia circolare. La tutela della produzione del formaggio del nostro territorio che ha profonde implicazioni su temi quali lo sviluppo sostenibile, la tracciabilità, la ricerca, il ricambio generazionale, così come ho anche avuto modo di evidenziare nel parere di cui sono stato relatore relativo alla promozione dell’innovazione e dello sviluppo economico nella gestione agricola futura dell’Unione Europea.

Ma andiamo per ordine. Lunedì sono stato nel veronese. Ho incontrato, accompagnato dal consigliere Giancarlo Montagnoli, il Presidente e il Direttore del Consorzio ZAI, il consorzio che gestisce l’interporto di Verona. Ho sottolineato due aspetti: il grande e meritorio impegno nella ricerca di fondi europei da un lato e il significativo aspetto che le attività dell’interporto sarebbero pesantemente compresse dalla chiusura delle frontiere. Questo per dire, con chiarezza, ancora una volta, che un’Europa dove possano circolare merci, persone, capitali e servizi è un’Europa che dà più opportunità e futuro a tutti.

A seguire sono stato a Povegliano, dove ho visitato, insieme all’on. Diego Zardini e alla Sindaco Anna Maria Bigon, nell’area ex base missilistica Hawk 10 che il Comune desidera trasformare con un progetto ambizioso. Ho visto un progetto dove ci sono il passato, il presente e il futuro con un modello intelligente, sostenibile e inclusivo, attento al destino e al futuro di tutti. Mi sento parte in causa nel processo perché merita.

A seguire ci siamo confrontati presso la splendida Villa Balladoro con il gruppo FIAB di Verona e diversi amministratori locali veronesi su due progetti di pista ciclabile. Il secondo è quello che più concretamente ha a che fare con lo sviluppo delle infrastrutture per la ciclabilità in Europa, quello della Via Claudia Augusta.

Alla sera ho partecipato ad un interessante convegno organizzato dal gruppo di lavoro sull’Europa del Pd di Verona. Abbiamo approfondito diversi aspetti dell’attualità politica europea, tra cui il tema dei rifugiati, l’economia, l’utilizzo dei fondi a gestione diretta ed indiretta. Erano con me Andrea Bicchierai, Maurizio Menozzi e il Presidente dell’MFE Giorgio Anselmi.

Martedì sono stato nel vicentino, dove ho potuto approfondire al mattino le attività di Latterie Vicentine, cooperativa di grande importanza nel settore primario veneto. A seguito dell’interessante visita dell’impianto di produzione dei formaggi Asiago, Brenta e Castelgrotta, ho avuto modo di approfondire con gli amministratori locali dei comuni prossimi allo stabilimento le priorità e le esigenze più importanti della zona.

Martedì pomeriggio ho avuto modo di incontrare, accompagnato dal consigliere regionale Fracasso, il Presidente del Distretto della pelle dell’ovest vicentino Paolo Gurisatti e due imprenditori di importanti realtà del distretto stesso. In questo contento ho visitato l’azienda Laba e ho analizzato le problematiche di un settore molto specifico e molto concentrato territorialmente, in Italia, quasi esclusivamente nelle province di Vicenza e Arezzo.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.