Europa – Iran: per un Medio Oriente di dialogo e cooperazione

Europa - Iran: per un medio oriente di dialogo e cooperazioneNella prestigiosa cornice della Sala “Renzo Imbeni” di Palazzo d’Accursio a Bologna, ho organizzato sabato scorso un convegno dal titolo “Europa – Iran: per un Medio Oriente di dialogo e cooperazione”, per discutere con ospiti qualificati e con il numeroso pubblico presente delle novità e delle potenzialità nei rapporti fra il nostro continente e l’Iran. Con l’intenzione di un’approfondita analisi dell’attualità, l’evento si è svolto all’indomani delle elezioni tenutesi in Iran per il rinnovo del Parlamento e dell’Assemblea degli esperti, ed in coincidenza con l’entrata in vigore del cessate il fuoco in Siria concordato fra Stati Uniti d’America e Federazione Russa.

Nel mio intervento ho sottolineato che incontri come questi hanno senso per comprendere e conoscere questa regione del mondo, comprenderne opportunità, rischi ed anche criticità. L’accordo siglato a Vienna è «un segno di speranza per il mondo», un importante primo passo per creare e riallacciare fiducia e relazioni, anche perché senza l’Iran o contro l’Iran sono impensabili soluzioni di pace in Medio Oriente, a partire dalla Siria. Ho altresì annunciato che in maggio andrò, insieme con la Delegazione di cui sono Vicepresidente, in visita ufficiale in Iran, e che quindi mi interessa far tesoro del lavoro di confronto ed approfondimento in Italia e nel mio collegio elettorale per i rapporti che avremo con i rappresentanti della Repubblica islamica eletti proprio in queste ore. Se non immaginiamo il nostro destino come “museo del mondo”, possiamo pensare ad un ruolo ed una funzione dell’Europa anche nelle vicende mondiali, come ha dimostrato il ruolo giocato da Federica Mogherini e dal Servizio europeo d’azione esterna nel negoziato con l’Iran di questi anni.

L’analista di “Limes. Rivista italiana di geopolitica” Federico Petroni ha moderato il nostro incontro ed ha avuto modo di sottolineare come la firma dell’accordo sul nucleare iraniano sia stata una “buona notizia” nella scena politica internazionale degli ultimi anni, poiché ha permesso di aprire la via al reintegro del Paese. L’importanza dell’Iran per l’Europa è stata evidenziata anche grazie al pregevole apparato cartografico di “Limes”: il nostro continente ha bisogno di Teheran per ridurre l’intrico mediorientale costellato di conflitti e dove sono pochi i veri Stati con cui poter interloquire, con una robusta storia di autorità statuale, una certa stabilità delle istituzioni, una società civile ed una classe giuridico-burocratica sviluppate (Iran, Turchia ed Israele). Le maggiori crisi presenti nell’area mediorientale vengono contestualizzate come una sorta di “guerre di successione ottomana”, in territori appartenuti a quell’Impero e che dalla sua fine spesso stanno continuando a conoscere un percorso molto travagliato per l’affermazione di un’effettiva autorità statuale. Innescare dunque un dialogo con un attore strategico come l’Iran, con una sfera d’influenza politica che va da Herat (Afghanistan) a Bagdad, Damasco e Beirut, può giocare a favore dell’Europa ed in un suo tentativo di risolvere con la diplomazia le crisi presenti. Anche i progetti della Cina relativi a vie di comunicazione e scambio commerciale (le “nuove vie della seta”) per raggiungere l’Europa transitano attraverso l’Iran e sono già in corso di realizzazione e prova: essendo interesse dell’Europa non dipendere da un’unica dimensione d’integrazione economica, l’Iran potrebbe giocare il ruolo di importante tassello per ridefinire i nostri equilibri commerciali.

Nostro ospite è stato Benedetto Zacchiroli, responsabile politiche internazionali del PD Bologna e presidente del network UNESCO delle città europee contro il razzismo e le discriminazioni, che ha sottolineato il ruolo della diplomazia fra le città nelle relazioni fra i popoli, per intessere reti di reciproca conoscenza e fiducia. Nelle relazioni fra Europa e comunità islamiche ha poi portato l’esempio della città tedesca di Mannheim, in cui la locale comunità musulmana aveva chiesto di poter costruire una moschea nella periferia, ma il comune ha chiesto invece che essa fosse costruita nel centro cittadino, per evitare un’auto-ghettizzazione, e potesse diventare luogo collaborazione con le autorità civili locali per far conoscere a tutti la cultura islamica, stimolando nel tessuto sociale compenetrazione e tranquillità. La conoscenza, anche a livello di politica locale, di realtà come quella iraniana aiuta la diplomazia ufficiale e dà l’occasione di relazioni durevoli fra i popoli.

L’ambasciatore Alberto Bradanini, che ha guidato la rappresentanza diplomatica d’Italia in Iran e poi in Cina, ha sottolineato come l’Europa, pur essendo una realtà notevole dal punto di vista commerciale, rimane marginale sul piano politico internazionale ed al traino di altre grandi potenze, come gli Stati Uniti. Sul tema dei diritti umani, pur non negando le gravi criticità presenti in Iran, ha evidenziato come gli stati occidentali spesso si diano a double standards, trascurando situazioni non meno gravi in Paesi vicini, come ad esempio il Bahrein, dove la popolazione sunnita vive una condizione assolutamente inaccettabile. Anche il sistema democratico persiano, pur potendosi definire attenuato, è sicuramente fra i più avanzati rispetto agli altri Paesi della regione, e questo dovrebbe esser tenuto presente perché qualsiasi autorità statuale, per quanto spietata, è sempre preferibile all’anarchia ed alla conseguente violenza bruta, che spesso sono seguite a guerre ed invasioni in Medio Oriente. Compito della nostra azione politica internazionale dovrebbe dunque essere convincere gli stati dittatoriali ad aprire i loro sistemi politici, anziché bombardarli e creare situazioni terrificanti per le loro conseguenze umane, che tra l’altro generano i flussi migratori di cui tanto si parla. La situazione interna dell’Iran, uno dei soli sette paesi al mondo a non essere mai stati colonizzati, è stata illustrata dall’ambasciatore, con particolare riferimento alla sua complessità etnica ed al ruolo dello sciismo come elemento di coesione nazionale: non si deve dar dunque per scontato che evoluzioni politiche che accantonassero il ruolo sociale della confessione sciita potrebbero pacificamente condurre ad una convivenza di tutte le etnie presenti nello spazio dell’ex Impero persiano. Anche l’aspetto energetico non è da sottovalutare: l’Iran è il secondo paese al mondo (dopo la Russia) per riserve di gas e petrolio, in particolare per il giacimento sottomarino di gas che condivide con il Qatar, il più grande del mondo. L’intervento dell’ambasciatore Bradanini ha poi trattato il quadro delle relazioni dell’Iran con la SCO, la WTO, la Cina e la Russia, con il rischio che l’Europa diventi marginale anche dal punto di vista economico-commerciale rispetto ad altri attori mondiali.

Il professore di Storia della cooperazione internazionale all’Università del Salento e Console della Federazione Russa a Bologna, Igor Pellicciari, s’è invece concentrato sull’atteggiamento assunto dalla Russia nello scacchiere mediorientale e sui suoi rapporti con l’Iran e con l’Unione Europea. Il console Pellicciari ha messo in guardia da un’eccessiva personalizzazione data alla lettura della politica russa sulla figura del Presidente Putin: in realtà lo Stato russo avrebbe priorità ed atteggiamenti persistenti, anche al di là dell’inquilino pro tempore del Cremlino. Proprio il caso mediorientale lo dimostra: la Federazione interviene in quella regione in ragione di una lunga preparazione politica, diplomatica e militare. A differenza degli Stati Uniti, in Siria la Russia non ha sottovalutato la tenuta dell’entourage attorno al Presidente Assad: sarà irrilevante – così il console – la città che egli sceglierà per il suo esilio a guerra finita, mentre non irrilevante sarà il ceto politico-militare che ha retto alle varie stagioni delle “primavere arabe”. «Formare un poliziotto in Bosnia non è la stessa cosa che formarne uno a Mosul»: mentre programmi anche europei per la formazione di corpi armati di polizia locali nell’ex Jugoslavia funzionarono bene, una loro mera trasposizione nella regione mesopotamica avrebbe invece finito per armare gruppi poi finiti fuori controllo (come l’ISIS), dimostrando un’incapacità di analisi dei Paesi donatori di questo tipo di aiuti militari. Venendo all’Iran, il Cremlino era ben consapevole che un reintegro di Teheran nella comunità internazionale non sarebbe stato indolore per l’economia russa, ciononostante si è molto adoperato per questo passaggio, dimostrando che per la Russia la finalità (geo-)politica prevale sul costo economico. Anche l’intervento russo in Siria, coordinato con la leadership iraniana, va letto in un’ottica di obiettivi geopolitici piuttosto che economici o di difesa di questo o quel gruppo etnico o confessionale.

È poi intervenuto Franz Wurzel, coordinatore della CDU in Italia, il quale ha evidenziato come le potenzialità dell’Iran siano sottovalutate, dal punto di vista commerciale, ma anche da quello industriale (p. es. nel settore metalmeccanico) e da quello dello scambio culturale e sociale. Wurzel ha riferito di alcune gravi criticità nel trattamento delle minoranze etniche in Iran, ma per poter avviare un dialogo di questo genere con Teheran occorre essere in un rapporto di partnership, creando opportunità di prosperità: in questo senso le sanzioni ad Iran e Russia sarebbero dunque insensate, anche perché rivolte a paesi meno dittatoriali di altri vicini ancor più feroci, come l’Arabia Saudita, i quali invece non vengono in alcun modo sanzionati. L’Europa deve dunque aprire canali di relazione politica ed economica laddove vi siano più opportunità, con un approccio multidirezionale e sfruttando la propria apertura per dare migliori prospettive alla popolazione locale in termini di progresso sia materiale sia nei diritti.

Infine il Direttore del Centro studi di Unioncamere Emilia-Romagna, Guido Caselli, ha illustrato i dati dell’interscambio commerciale tra l’Iran e l’Emilia-Romagna. Nel 2016 in Iran è prevista una crescita complessiva del +4,4%, con le importazioni che aumenteranno del +16%. Il 20% di quanto esportato dall’Italia in Iran viene dalla nostra regione. L’Emilia-Romagna esporta in Iran macchinari per il packaging, l’industria agricolo-alimentare e quella chimico-farmaceutica. Interessante è anche la dimensione delle imprese esportatrici emiliano-romagnole: da un lato le prime dieci imprese assommano il 50% dell’export complessivo, ma d’altro canto il numero complessivo ci prova che le opportunità sono colte anche da imprese medio-piccole (circa il 60% del totale) e artigianali (13% del totale).

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.