Olio tunisino: no ad aumenti alle importazioni

OLIVESL’accordo con la Tunisia per l’importazione di 35mila tonnellate di olio d’oliva senza dazio in più, all’anno, che si vanno ad aggiungere alle 56 700 che già vengono importate, è sbagliato sotto vari punti di vista. É per questo che il mio voto oggi in plenaria è stato contrario.

Nonostante alcuni emendamenti, voluti soprattutto dalla delegazione del Partito Democratico, abbiano migliorato il testo di partenza introducendo soglie di importazione mensili, obbligo di tracciabilità dell’olio e divieto di proroga della misura, rimaniamo contrari ad un accordo che danneggia i produttori italiani, non aiuta i produttori tunisini e aumenta il rischio di frodi.

Infatti, calcoli alla mano, l’aumento di export corrisponde ad un 3% rispetto all’anno passato; troppo poco per aiutare veramente i produttori tunisini, che invece chiedono aiuti sulle tecnologie di produzione più che sull’acquisto di prodotto finito.

Tanto più che purtroppo sono già molti i casi scoperti in questi anni di frodi alimentari con olio prodotto in Tunisia mischiato a olio italiano e venduto come europeo; un aumento della fornitura tunisina a basso costo sul mercato non può che aumentare il rischio di contraffazioni alimentari.

Tutti noi siamo favorevoli ad aiutare la Tunisia, nostro alleato in prima linea nella lotta al terrorismo dell’Isis, che ha subito negli ultimi anni attacchi e violenze, ma non possiamo agire con provvedimenti simbolici che scontentano tutti; serve un piano serio e a lungo termine di collaborazione col paese nordafricano che preveda non solo una collaborazione a livello commerciale, ma anche a livello politico.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

1 comment to Olio tunisino: no ad aumenti alle importazioni

  • Barzanti Fiorenzo

    Lei DamianoZoffoli sta facendo una confusione tremenda. Prima delle opinioni sarebbe bene conoscere i dati. L’Italia produce 400.000 tonnellate di olio, ne consuma 580.000 tonnellate, ne esporta 320.000 tonnellate (verificare la fonte). Quindi l’Italia ha necessità di importare 500.000 tonnellate circa ogni anno. L’importazione di olio dalla Tunisia rappresenta una percentuale risibile sul totale. Ora i commenti (soggettivi ovviamente). 1- Il fatto che l’Italia importi e trasformi olio da esportare è una ricchezza per l’Italia. La specialità delle aziende italiane è quella della trasformazione delle materie prime e quindi la vendita all’estero. Si pensi che l’Italia esporta ben 100.000 tonnellate all’anno negli USA. 2- Si è sempre detto e concordo che per contenere l’emigrazione dai paesi poveri occorre occorre aiutare quei paesi in casa loro. Quindi quale fastidio procura importare ulteriori 37.000 tonnellate dalla Tunisia senza dazio? Un piccolo beneficio per la Tunisia si. 3- E’ evidente che le piccole lobby interne non vogliono, così il prezzo si mantiene alto. I cittadini sono intelligenti e se vogliono comprare olio italiano sanno dove trovarlo ed anche il prezzo.4- Introdurre il discorso delle sofisticazioni serve solo per confondere le idee. Chi lo dice che l’olio tunisino sia più contraffatto di quello italiano e di quello importato dagli altri paesi? Lo Stato fa e deve fare i controlli.. 5- Conclusioni: ognuno è libero di pensarla come vuole ma non è AMMISSIBILE che un parlamentare europeo abbia le idee così confuse e non conosca i dati. Il suo stipendio lo obbliga ad informarsi. Scusate la sincerità ma a tutto c’è un limite. Barzanti Fiorenzo