Talidomide: serve una legislatura europea per le vittime

l43-bambini-malformati-120901232144_mediumIn Europa, oltre agli aborti spontanei e ai bambini nati morti,  le drammatiche conseguenze, dopo oltre 50 anni, della somministrazione a donne in stato di gravidanza di farmaci a base di Talidomide continuano a rappresentare un problema per tante persone che, sopravvissute, versano in condizioni di salute tali, anche a causa dell’invecchiamento, da richiedere un’assistenza specialistica e continuata.

Si calcola che siano 7mila in tutto il mondo le vittime del Talidomide, almeno 500 nella sola Italia, colpite da gravi alterazioni congenite dello sviluppo degli arti, ovvero amelia (assenza degli arti) o vari gradi di focomelia (riduzione delle ossa lunghe degli arti), tutti nati tra il 1958 e il 1969, anni nel quale il Talidomide, oggi sperimentato contro le malattie infiammatorie intestinali, era somministrato alle donne gravide come rimedio alle nausee gestazionali.

Recenti studi della “Contergan Siftung” rappresentano un quadro aggiornato in 21 paesi europei dei bisogni specifici di assistenza, delle indennità e dei diritti assicurati ai sopravvissuti al Talidomide.

Nel mio intervento durante la seduta  plenaria ho chiesto che, nel rispetto della ripartizione delle competenze fra Unione Europea e Stati Membri, la Commissione intervenga per chiedere un equo trattamento di tutti i Talidomidici, superando le ingiuste disparità tutt’ora esistenti non solo fra gli Stati Membri, ma all’interno degli Stati stessi, a seconda per esempio dell’anno di nascita. In Italia infatti il farmaco, pur essendo vietato alle partorienti dal Ministero della Sanità dal 1962, rimase per anni colpevolmente in commercio nelle farmacie, con le relative conseguenze per i nati fino al 1969 mentre l’attuale legge copre le gravi malformazioni solo fino ai nati nel 1966.

Con lo scandalo del Talidomide è nata la prima legislazione europea sulla sicurezza dei farmaci, che ci consente oggi di avere studi più precisi e puntuali per testare gli effetti collaterali dei farmaci immessi nel commercio del nostro continente; anche per questo motivo non possiamo lasciare soli i talidomidici e le loro famiglie.

 

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.