Risultati elettorali in tre Länder tedeschi: un’analisi

germaniaSono andati ieri al voto tre repubbliche federate in Germania, con una popolazione pari ad oltre il 20% del totale tedesco. I tre Länder al voto – Baden-Württemberg, a sud-ovest; Rheinland-Pfalz, nella parte centro-occidentale del Paese; Sachsen-Anhalt, a nord-est – hanno rappresentato indubbiamente un test politico di portata generale, di cui si cercano di tratteggiare qui alcuni elementi.

1) La politica sui profughi (Flüchtlingspolitik) è stata senza dubbio elemento dirimente di queste elezioni, con ciò invertendo la tradizionale compostezza dell’elettorato tedesco, il quale assai di rado confonde candidati locali con temi nazionali e viceversa. È però sbagliato dire (come ha fatto Salvini stamattina) che queste elezioni rappresentino uno schiaffo per la politica d’accoglienza della Merkel: il tema dei profughi ha infatti determinato sia le fortune del neonato partito populista di destra AfD, sia quelle di candidati esterni alla CDU ma favorevoli alla linea Merkel (i primi ministri uscenti a Stoccarda, Kretschmann, e Magonza, Dreyer). Il tema ha dunque polarizzato il voto fra favorevoli e contrari, e a farne le spese è stata invece senza dubbio la stessa CDU, cui gli elettori hanno fatto pagare un lungo dibattito interno che ha cercato di tenere insieme favorevoli e contrari nel partito.

2) Il fattore personale, ovvero la capacità dei trascinamento dei candidati specie se capi del governo uscenti, è risultato oltremodo decisivo. La CDU ha subito in due Länder su tre perdite pesantissime (sia in Baden-Württemberg sia in Rheinland-Pfalz), ma nell’unico Land dove esprimeva il capo del governo regionale (Reiner Haseloff, presidente del Sachsen-Anhalt) ha invece ottenuto un buon risultato e limitato perdite a destra verso l’AfD. In crisi gravissima si conferma la SPD, con risultati da tracollo in due Länder su tre, mentre laddove esprimeva il capo del governo (Malu Dreyer nel Rheinland-Pfalz) il risultato del partito è buono oltre ogni attesa della vigilia. Clamorosa l’affermazione elettorale dei Verdi, che s’incoronano di un risultato storico nel Baden-Württemberg trascinati dal presidente uscente Winfried Kretschmann (primo partito col 30,3%), mentre negli altri due Parlamenti superano appena la soglia del 5%.

In sintesi, tutti i primi ministri uscenti hanno vinto, ma tutte le coalizioni di governo uscenti hanno perso per il tracollo del secondo partner di coalizione (in due casi è toccato alla SPD, in uno ai Verdi). Questa deriva appare potenzialmente pericolosa, perché capace d’ingenerare l’idea che “chi si allea, muore”.

Nel campo S&D, la crisi della SPD appare talmente profonda ad ogni occasione elettorale che la vittoria nel Rheinland-Pfalz suona come un’eccezione che conferma la regola: laddove la sinistra democratica non riesce ad esprimere un candidato forte e capace di un sostanziale trascinamento sul partito, questo appare condannato ad un apporto di pura testimonianza con percentuali davvero scarse.

Il tracollo della SPD ha un’ulteriore conseguenza: i tradizionali alleati Verdi sono ora costretti ha guardare altrove, e segnatamente al centro, perché l’unione delle due forze non è più sufficiente ad esprimere governi. Se, com’è probabile, si andrà verso un governo Verdi-CDU in Baden-Württemberg ed una coalizione a tre CDU-SPD-Verdi in Sachsen-Anhalt, sarà confermata una trasformazione del partito ecologista da forza della sinistra a forza ampiamente centrista. Un governo CDU-Verdi regge infatti già dal 2013 il Land Assia, e la prospettiva potrebbe diventare nazionale nel 2017 con le elezioni federali.

3) La affluenza in netta crescita dà infine il segnale della conservata forza del sistema politico tedesco, e quindi smentisce quegli interessati commentatori che vorrebbero con queste elezioni suonare un lutto per la leadership di Angela Merkel in Europa. La cancelliera ha di che dolersi per i risultati del suo partito, ma ha invece di che gioire per la tenuta strategica e prospettica della democrazia tedesca.

È vero che queste elezioni hanno consacrato la lista populista anti-europea AfD come “forza politica pan-tedesca” (così la sua leader) e come “problema politico federale” (così il presidente del Sachsen-Anhalt R. Haseloff). È non meno vero tuttavia che, mentre altrove la partecipazione tracolla, qui cresce sensibilmente, con l’AfD che in parte concausa questa corsa alle urne. La democrazia rappresentativa si conferma dunque un modello assolutamente in auge per l’elettorato tedesco.

Pur con le difficoltà evidenziate, il sistema politico tedesco si conferma dotato di una stabilità ed autorevolezza interne che gli rendono possibile una leadership all’esterno, come minimo quale perno di alleanze intra-europee, che hanno bisogno di un paese economicamente e politicamente forte cui appoggiarsi.

Se saprà risolvere la questione dell’ondata migratoria in modo onorevole, infine, la CDU in particolare ha ancora margine per riconquistare i propri elettori che hanno guardato alle liste populiste dell’AfD, giacché questo movimento all’infuori dell’immigrazione appare attualmente (ancora?) incapace di una visione politica complessiva. Il palese ostracismo di cui è fatto oggetto da parte degli altri partiti potrebbe, in combinato con una soluzione dell’emergenza migratoria, far rientrare questa ondata elettorale di destra.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.