Una proposta per un piccolo grande passo verso un’accoglienza condivisa

Ph. Ivano di Maria - www.aroundtheborders.eu

Ph. Ivano di Maria – www.aroundtheborders.eu

Rendere gli hotspot – i centri, cioè, di prima accoglienza ed identificazione dei migranti, sostanzialmente localizzati in Grecia e Italia – territori sovranazionali e non più parte dello Stato Membro nei quali sono insediati.

É questa la proposta, che io condivido, ribadita anche ieri dal collega Antonio Panzeri nel corso di un incontro del gruppo dei Socialisti e Democratici al Parlamento Europeo sulla Grecia e sul nuovo piano per l’immigrazione, che permetterebbe di risolvere il problema connesso col trattato di Dublino che oggi è uno dei principali ostacoli alla gestione del flusso di migranti che arrivano in Europa.

Basterebbe infatti che gli hotspots passassero da gestioni nazionali ad una gestione sovranazionale con personale dell’Ue per ottenere una più equa condivisione dei costi e delle responsabilità. Se poi lo stato ospitante desse a tali centri carattere di extraterritorialità, come avviene per le ambasciate, i migranti accettati verrebbero ammessi direttamente in Europa e non in un singolo stato. Si supererebbe così alla radice il problema della revisione del trattato di Dublino, che come ogni trattato internazionale richiede revisioni condivise e non ammette modifiche unilaterali.

Potrebbe sembrare un passo di poco conto, ma non è così, sarebbe un passaggio fondamentale nell’accoglienza dei migranti, che avrebbero lo status di cittadini europei e non di cittadini greci, o italiani, e di conseguenza la possibilità di potersi spostare in Europa per raggiungere parenti o amici o semplicemente altri stati, consentendo una redistribuzione più equa dei migranti, che non sono tanti se suddivisi tra tutti i 28 stati membri, ma diventano difficili da gestire se si concentrano solo in alcuni paesi.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.