ETS: i soldi risparmiati dal mercato delle emissioni devono essere redistribuiti ai comuni

CO2 emissionsLa commissione ambiente del Parlamento europeo sta discutendo la riforma degli ETS, il principale strumento adottato dall’Unione europea per ridurre le emissioni di gas a effetto serra nei settori industriali caratterizzati da maggiori emissioni di anidride carbonica. Questo sistema prevede che gli Stati facciano aste pubbliche per vendere “i diritti ad emettere anidride carbonica” alle imprese.

“Sono convinto – specifica l’on. Zoffoli, membro della commissione ambiente del Parlamento Europeo – che gli Stati membri debbano utilizzare il denaro proveniente dai proventi dalle aste ETS, pari per l’Italia nel 2015 a oltre 1 miliardo e 380 milioni, per azioni a sostegno del clima”.

“In questo contesto  – prosegue l’europarlamentare dem – serve un reale impegno a sostegno di quelli che sono i veri attori fondamentali della lotta al cambiamento climatico: gli enti locali. Quando i Sindaci e gli amministratori locali sono stati messi nelle condizioni di operare azioni concrete in questa lotta, ad esempio attraverso il Patto dei Sindaci, hanno dimostrato di essere i principali alfieri del benessere e del futuro dei propri cittadini.”

“Proprio per questo – conclude Zoffoli – plaudo all’iniziativa del membro del Comitato delle Regioni e capogruppo del PD nel consiglio comunale di Vittorio Veneto (TV) Marco Dus, che ha proposto un emendamento approvato l’altro ieri e che prevede che ogni Stato membro destini almeno il 20% degli introiti derivanti dalle vendite all’asta agli enti locali e regionali per opere di mitigazione degli effetti del cambiamento climatico. Questa cifra sarebbe stata pari a circa 276 milioni di euro aggiuntivi per gli enti locali nel 2015. Sosterrò questa proposta attivamente in Parlamento Europeo presentando un emendamento simile alla riforma della Direttiva ETS.”

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.