Cielo unico europeo: una proposta per l’ambiente e il risparmio

airplaneUn report appena pubblicato della IATA, l’associazione delle compagnie aeree, mette a nudo tutte le inefficienze e le potenzialità del trasporto aereo europeo.

Leggendo lo studio si scopre che sui cieli d’Europa, ogni volo allunga il tragitto di almeno 50 km rispetto alla tratta più logica che dovrebbe seguire da aeroporto ad aeroporto, portando ad un aumento medio di 10 minuti ogni volo il tempo di permanenza in quota ed aumentando in questo modo i costi per i passeggeri e l’inquinamento ambientale.

Due sono le cause principali di questo problema: la presenza di corridoi militari che gli aerei non possono sorvolare e che li costringono a tragitti non lineari e la mancanza di un coordinamento unico europeo che gestisca i cieli in modo unitario, come già avviene ad esempio negli Stati Uniti d’America, rispetto ai 38 centri di coordinamento statali e regionali presenti oggi in Europa. Unificare il coordinamento dei cieli europei e dare la possibilità ai voli civili di poter aversare i corridoi militari, oltre a diminuire i tempi di percorrenza, consentirebbe un risparmio quantificato in circa 245 miliardi di euro in 20 anni per i cittadini europei.

Per questo dobbiamo lavorare per il progetto del “Single European Sky” (Cielo Unico Europeo); un progetto che potrebbe da solo ridurre del 10% l’impatto sull’ambiente e tagliando i costi complessivi del 50%, aumentando anche gli affari per tutta l’economia (turistica e industriale) che ruota attorno al mondo aeronautico.

 

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.