Immigrazione: necessario un approccio globale; approvato il rapporto UE.

Idomeni, aprile 2016. Ph. Ivano di Maria - www.aroundtheborders.eu

Idomeni, aprile 2016. Ph. Ivano di Maria – www.aroundtheborders.eu

Approvata oggi nella Sessione Plenaria di Strasburgo la Relazione della collega Cécile Kyenge che analizza e modella il nuovo approccio che l’Unione Europea deve avere al tema dell’immigrazione. Abbiamo infatti rilevato come gli strumenti adottati fino ad oggi si stiano rivelando inefficaci a gestire il grande flusso di persone che continua ad arrivare ai confini europei e con questa relazione, che io ho convintamente votato, si disegna una vera e propria politica comune europea in materia di immigrazione che si basa su quei principi di solidarietà e condivisione delle responsabilità previsti dai Trattati ma rimasti inattuati.

Qui i punti principali della relazione Metsola – Kyenge:

Solidarietà: nella relazione viene richiamato il concetto europeo di solidarietà, che deve stare alla base delle nostre politiche. Si è disegnato un sistema coerente basato sulla condivisione delle responsabilità tra tutti gli Stati Membri.

Regolamento di Dublino: Una parte fondamentale della relazione è il superamento dell’attuale Regolamento di Dublino, che ha fallito alla prova, penalizzando in particolare i  Paesi frontalieri del sud Europa come l’Italia e la Grecia. Proponiamo che la domanda d’asilo non sia più rivolta allo Stato di prima accoglienza, ma all’Unione Europea e gestita solidalmente fra tutti i 28 Stati Membri.

Gestione frontiere esterne: Schengen è l’Europa, sospenderlo non risolve alcun problema. Nel Rapporto è indicata la chiave di soluzione per salvare la grande conquista di libertà che è Schengen, sinonimo e simbolo del sogno europeo.  E’ decisiva la gestione comunitaria delle frontiere esterne dell’Europa accelerando l’istituzione della Guardia Costiera e di Frontiera europea.

Visti umanitari: Basta viaggi della morte. Nella relazione si propone che che tutte le persone bisognose di protezione internazionale possano richiedere un visto umanitario presso ogni consolato o ambasciata di uno Stato terzo.

Risorse tecniche e finanziarie: Abbiamo chiesto una maggiore allocazione delle risorse tecniche e finanziare per aiutare gli Stati membri di primo approdo come l’Italia e la Grecia, che negli anni si sono trovate ad essere spesso sole nell’affrontare il problema.

Canali legali di immigrazione: Nella proposta votata oggi sono previsti corridoi umanitari, canali legali di immigrazione attraverso un sistema permanente e obbligo di reinsediamento che prenda in considerazione un numero significativo di beneficiari, pari a quello definito dall’UNHCR. Proponiamo un meccanismo vincolante e permanente per il cosiddetto reinsediamento di un numero considerevole di richiedenti asilo dai campi profughi dei Paesi Terzi agli Stati membri, insieme agli altri strumenti di solidarietà, quali l’ammissione umanitaria e i visti umanitari.

Modifica della Blue Card: Nella relazione si propone una modifica della cosiddetta Blue Card per l’ingresso legale di lavoratori nell’Unione; la concessione della blue card deve essere all’altezza dei bisogni identificati nel mercato dei lavoro dei diversi Stati membri.

Integrazione: All’apertura dei canali per l’ingresso legale dei migranti all’interno del suolo europeo deve far seguito l’adozione di misure e politiche dirette in primo luogo all’integrazione dei migranti. Dobbiamo sviluppare un approccio che abbia l’obiettivo prioritario dell’integrazione dei flussi migratori nel tessuto sociale, economico e politico dei paesi europei, garantendo loro diritti e al contempo imponendo obblighi analoghi a quelli dei cittadini europei. L’integrazione dei migranti deve per forza passare attraverso misure che prevedono necessariamente l’accesso all’educazione, la possibilità di frequentare corsi di lingua e corsi professionali.  Ma il principale strumento di integrazione è rappresentato dal lavoro. Chiediamo agli Stati Membri ad applicare correttamente l’articolo 15 della direttiva accoglienza e consentire di accedere al mercato del lavoro ai beneficiari di protezione internazionale.

Protezione dei minori: Una proposta specifica riguarda i minori, ai quali dobbiamo garantire un protezione particolare alla luce degli ultimi dati pubblicati dall’UNHCR: a febbraio 2016 il 22% di arrivi in Grecia via mare è rappresentato da donne e il 40% di arrivi da bambini. Solo nelle prime nove settimane del 2016 settantasette bambini sono morti nel mediterraneo, secondo IOM e Unicef. Secondo gli ultimi dati Europol almeno 10 mila bambini non accompagnati sono scomparsi dopo essere giunti in Europa. Proponiamo l’accesso all’assistenza giuridica, ai sistemi sanitari, all’educazione e soprattutto abbiamo insistito sulla non detenzione dei minori.

Agire sulle cause profonde: Serve una nuova strategia a lungo termine per agire su queste cause profonde, a partire da quei Paesi che sono teatro di violenze, guerre, conflitti e persecuzioni. Esistono già tanti strumenti di cooperazione internazionale che vanno meglio orientati e coordinati, con il pieno coinvolgimento di tutti gli attori internazionali.

3 ottobre, giorno della memoria: Abbiamo voluto che il 3 ottobre, data della tragedia di Lampedusa, diventasse il “giorno della memoria” per tutte le donne, uomini e bambini che sono morti nel tentativo di lasciare il proprio Paese a seguito di persecuzioni conflitti e guerre, e per chi giorno rischia la vita per salvarli.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.