Profili nutrizionali: no alla classificazione dei cibi, sì ad una dieta sana

parmigiano reggianoOggi nella Sessione plenaria di Strasburgo siamo riusciti a bocciare il sistema inglese dell’etichetta a ‘semaforo’ sugli alimenti e abbiamo chiesto di rimettere in discussione il fondamento scientifico dei cosiddetti “profili nutrizionali”. La richiesta è stata approvata con 402 voti a favore, 285 contrari e 22 astensioni. Con il voto di oggi, l’Europarlamento invita la Commissione europea, visti i “gravi e persistenti problemi”, fra cui quelli “di distorsione della concorrenza” nell’attuazione del regolamento del 2006 relativo alle indicazioni nutrizionali e sulla salute fornite sui prodotti alimentari, “a riesaminare la base scientifica, l’utilità e la fattibilità di tale regolamento nonché eventualmente a eliminare il concetto di profili nutrizionali”.

La mia posizione è quella dei miei colleghi italiani, può essere riassunta in alcuni punti specifici:

I profili nutrizionali non hanno fondamento scientifico. Non esistono cibi “buoni” o cibi “cattivi” ma solo diete buone o diete cattive.

Da un punto di vista economico, le soglie stabilite dai profili nutrizionali possono generare conseguenze estremamente negative sulla competitività di vari settori della filiera agro-alimentare europea.

I profili nutrizionali potrebbero giustificare l’imposizione di etichette “a semaforo”, una misura non appropriata per evitare indicazioni nutrizionali e salutistiche ingannevoli.

Infine, a seguito dell’entrata in vigore del Regolamento UE 1169/2011, relativo alla fornitura di informazioni sugli alimenti, i consumatori possono già disporre di informazioni sui valori nutrizionali degli alimenti in commercio. Il regolamento introduce infatti  una maggiore trasparenza sui grassi presenti, l’obbligo di inserire la presenza di eventuali allergeni, l’obbligo di indicare il luogo di allevamento e macellazione di tutte le carni, una maggiore precisione circa il processo di congelamento e scongelamento e la data di scadenza.

La dieta mediterranea è da sempre riconosciuta come una tra le più complete e salutari e l’Italia è il primo stato dell’Unione per numero di produzioni premiate da marchi di qualità (DOP, IGP, STG) .

Il voto di oggi rappresenta un segnale politico  indirizzato all’esecutivo Ue in difesa delle eccellenze italiane, come il Parmigiano Reggiano o il Prosciutto di Parma, penalizzate in particolare dal sistema di etichettatura adottato dal 95% della distribuzione in Gran Bretagna e che prevede un bollino di colore rosso, giallo o verde a seconda del contenuto di grassi, grassi saturi, sale o zuccheri, si basa su ogni ‘pezzo’ di prodotto e non sulla quantita’ effettivamente consumata.

Nei prossimi mesi dovremo pertanto continuare a lavorare per promuovere stili di vita adeguati e combattere gli abusi alimentari non in maniera strumentale e dannosa ma puntando ancora di più sull’informazione e sull’aiuto ai produttori di cibi di qualità.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.