Erasmus: presentata un’interrogazione per un servizio ancora migliore

Optima Erasmus 2015, gli SpagnoliConoscere Paesi e persone diverse, mettersi in crisi, crescere, imparare a conoscere senza giudicare, ad essere intraprendenti. Sono questi alcuni degli obiettivi del programma Erasmus+, un progetto di mobilità studentesca creato nel 1987, che nel solo anno 2013/14 ha permesso un’esperienza all’estero per studio o tirocinio a più di 270 000 persone.

Un progetto europeo, un’esperienza di vita per chi ne prende parte, un’occasione per conoscere altre realtà dell’Unione (e non solo, dal momento che a questo progetto partecipano anche Islanda, Liechtenstein, Norvegia, Svizzera, Macedonia e Turchia), per imparare e perfezionare una lingua straniera, ma soprattutto per vivere appieno lo spirito e i valori fondamentali dell’Unione Europea; valori transfrontalieri, condivisi dai popoli dell’Unione in quanto figli della stessa storia e della stessa cultura.

Un progetto, Erasmus+, che favorisce lo sviluppo di competenze imprenditoriali, di problem solving, di adattabilità, di leadership. Queste si tramutano, in termini di mercato di lavoro, in una maggiore occupabilità di chi è partito, tanto che il rischio di disoccupazione per i giovani che hanno preso parte alla mobilità è del 50% inferiore rispetto a chi è rimasto a casa.

L’Erasmus è, inoltre, un investimento fondamentale nella creazione della cittadinanza europea, in quanto la mobilità permette lo sviluppo di un’identità europea e il rafforzamento del sentimento di appartenenza all’Unione, risultando in una considerevole riduzione del fenomeno dell’euroscetticismo.

E’ proprio apprezzando nel suo insieme la validità e l’efficacia del programma Erasmus+ che abbiamo presentato alla Commissione Europea un’interrogazione con richiesta di risposta scritta nella quale evidenziamo alcune criticità del progetto con il fine di migliorare la qualità del servizio offerto ai cittadini.

In primo luogo chiediamo una semplificazione della complessa procedura burocratica del programma, per rendere più accessibile e fruibile la partecipazione al progetto – e in questo senso va la nostra proposta di creare una piattaforma on-line dedicata alla gestione di tutte le componenti burocratiche della mobilità. Domandiamo, poi, di favorire e ampliare la partecipazione attraverso un finanziamento più adeguato – ad oggi i partecipanti, nello svolgimento della mobilità, ricevono tra i 230 e i 280 euro al mese, quasi mai sufficienti a coprire le sole spese di affitto.

Chiediamo, in secondo luogo, come si intenda promuovere l’insegnamento dell’UE nelle scuole, materia di grande importanza e attualità, constatato che il 44% dei cittadini dell’Unione ritiene di avere una comprensione limitata del funzionamento dell’UE.

La mancanza di conoscenza si trasforma troppo spesso in euroscetticismo, adducendo all’Europa la colpa dei nostri problemi, e nel cosiddetto deficit democratico: secondo il 52% degli europei, infatti, la loro voce non è ascoltata dalle istituzioni dell’UE.

E’ per contrastare e rispondere a tali fenomeni che è necessario procedere alla creazione di un corpo docente con la qualifica di euro-insegnante, che possa, utilizzando metodi di insegnamento appropriati basati su esperienza pratica e vita reale, trasmettere quei valori su cui si fonda l’Unione e quelle conoscenze necessarie per capire i meccanismi e imparare a far sentire la propria voce nel vivere una cittadinanza europea piena, cosciente e responsabile.

Qui il testo dell’interrogazione: Erasmus +

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

1 comment to Erasmus: presentata un’interrogazione per un servizio ancora migliore

  • Salvatore Zappala'

    caro Damiano
    come sempre eccellente nel tuo lavoro.
    Condivido l’interrogazione. Ottima la proposta di piattaforma on-line, anche perché. ad es., ogni università ha scadenze diverse in cui gli studenti fanno domanda per andare all’estero… spesso ci sono procedure o documenti differenti…. ecc.
    un caro saluto
    salvatore zappala’