Una guida per comuni, province e città metropolitane alla ricerca di finanziamenti europei

finanziamenti3 miliardi e mezzo per progetti in ambito ambientale, 1 miliardo e mezzo per progetti in ambito culturale, 180 milioni per progetti con le città gemellate. Ogni settimana nella casella di posta di un amministratore locale o di un funzionario pubblico arrivano messaggi roboanti. Sembra che i fondi europei stiano per invadere ogni angolo del Paese.

Si sente dire che non siamo capaci di sfruttarli a dovere. Si sente dire che il Comune accanto ne ha fatto uso. Si sentono tante cose e si alimenta un racconto che sta a metà tra un mito e la realtà.
Il mito è che i fondi europei siano “soldi facili” per qualsiasi cosa. La realtà è che presentare proposte vincenti per un ente locale è possibile, sempre che sappia seguire alcune regole auree.

La prima regola è che si deve partire dai propri bisogni e problemi, evitando quella pericolosa pratica per la quale si tenta di partecipare ai bandi europei partendo da quello che propongono, anche se non sono necessità reali della propria amministrazione locale.
La seconda regola è che l’Europa non è un bancomat: a discapito di una certa narrazione partecipare e vincere i bandi europei non è facile. Serve un impegno importante di risorse umane interne e/o di consulenti esterni nella fase di progettazione, gestione e rendicontazione.
La terza regola è che i progetti devono realizzare gli obiettivi dell’Unione Europea: l’UE ha creato questi programmi per realizzare gli obiettivi che si è data. In particolare gli obiettivi più importanti sono quelli definiti nella Strategia Europa 2020, oltre a quanto stabilito nelle diverse strategie settoriali. Cercare risorse per obiettivi propri in contraddizione o non coerenti con gli obiettivi europei è tempo perso.

Per tutto questo ho deciso di realizzare una guida ai fondi europei che trovate qui. Nel primo capitolo si offre una breve introduzione in merito a quanto l’Unione Europea faccia per gli Enti locali. Nel secondo capitolo c’è un’analisi dettagliata dei programmi comunitari che emettono bandi per il finanziamento di progetti che sono rivolti totalmente o in parte agli enti locali. Nel terzo capitolo, infine, c’è una breve guida sulle regole della progettazione europea, con alcuni suggerimenti dedicati agli Enti locali.

Per chi invece volesse richiedere una versione cartacea della guida, vi invito a scrivere a damiano.zoffoli@ep.europa.eu

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

4 comments to Una guida per comuni, province e città metropolitane alla ricerca di finanziamenti europei

  • Gentile Onorevole,

    le richiediamo gentilmente un paio di copie per l Servizio Sviluppo Economico e Progetti Europei del Comune di Imola.

    Grazie per l’attenzione

    eg

    Elena Gardenghi
    0542 602389-602111
    Comune di Imola
    Servizio Sviluppo economico e Progetti Europei
    Piazza Gramsci 21, 4°piano
    40126 Imola BO

  • Franco Signorini

    Carissimo,Damiano per ripristinare anche in parte quello che resta della Miniera di Formignano c’è qualcosa?

    Ciao e Grazie.

  • Gentile Onorevole,
    grazie della sua pronta risposta. Ho scaricato il file e ora lo diffondo fra amici, colleghi universitari ed ex studenti oggi impiegati presso varie Amministrazioni locali.
    Buon lavoro
    Gianfranco Franz

  • franca soglia

    Gentile Damiano Zoffoli,sono Franca Soglia della coop. soc. Kara Bobowski.Ci siamo incontrati alla Camera di Commercio di FORLI.

    Riceverei volentieri un paio di copie della guida ai finanziamenti europei x enti locali,versione cartacea.
    La ringrazio e la saluto cordialmente.