A Karlsruhe per scoprire nuovi modelli europei di crescita e innovazione

Visita a KarlsruheNel pomeriggio del 10 maggio ho voluto fare da Strasburgo, dove ero impegnato in una seduta plenaria del Parlamento, una breve visita di lavoro alla vicina città tedesca di Karlsruhe, sull’altra riva del Reno. Quello che ho scoperto nei vari appuntamenti che ho avuto è una realtà vivace, all’avanguardia nell’innovazione tecnologica ed economica, dove tante buone pratiche possono essere prese ad esempio in un’ottica europea.

Alla sede del KVV, il Consorzio dei trasporti della città e del circondario, mi hanno ricevuto l’amministratore delegato Alexander Pischon ed i responsabili dei settori ingegneristico e del
marketing. Ho potuto scoprire una tecnologia importante, quella del TramTreno, che consente ai mezzi tranviari del centro città di viaggiare direttamente sulle linee ferroviarie extraurbane.
Questa innovazione, nata a Karlsruhe, diffusa in una ventina di città del continente e finanziata anche con risorse europee, consente ridurre al minimo il numero di cambi e di collegare anche i paesi minori di campagna e montagna con i centri economici e sociali in tempi ridotti, in modo efficiente ed a costi contenuti. Credo che sia qualcosa da cui dobbiamo prendere spunto, una vera “buona pratica” da studiare ed esportare.

Nel Municipio di Karlsruhe ho poi incontrato i responsabili dei progetti di internazionalizzazione della città. Quello che mi è parso più importante è il modo di intendere le relazioni esterne dell’ente locale: non solo compassati rapporti istituzionali fra politici e funzionari, ma occasione per creare reti ed opportunità di crescita per tutto il territorio, ed in particolare per le piccole e medie imprese. Questa strategia triangolare che tiene insieme politica, impresa e ricerca universitaria mi pare una carta vincente per vincere le sfide dei nostri tempi e per fare della dimensione europea un’occasione per creare nuova e buona occupazione e far ripartire lo sviluppo.

Ho infine partecipato al primo appuntamento pubblico del nuovo Circolo PD di Karlsruhe, formato da italiani che risiedono nella città e nelle zone circostanti, interessati alla politica italiana e desiderosi di dare un contributo in un’ottica europea. Dobbiamo smettere di chiamarli “italiani all’estero”, perché questi sono in realtà italiani in paesi che insieme con noi costruiscono la casa comune europea. Insieme abbiamo parlato delle prospettive e dei problemi dell’Unione, del rapporto fra questa e le città, delle smart cities, di sviluppo sostenibile e economia circolare. Con noi c’era anche il capogruppo della SPD nel Consiglio comunale di Karlsruhe, Parsa Marvi, in un’ottica di collaborazione fra partiti della stessa famiglia politica europea.

Vorrei ringraziare Flavio Venturelli e tutti coloro che si sono impegnati con slancio e passione per organizzare questa mia breve visita di lavoro. Ho conosciuto l’entusiasmo e la passione del Circolo PD di Karlsruhe e degli altri amici che ho incontrato. Mi hanno riferito che quest’incontro ha prodotto tre nuovi iscritti per il Circolo: un bel colpo, avanti così!

Qui il comunicato stampa dell’azienda dei trasporti di Karlsruhe, sulla visita nella loro sede (in tedesco): https://www.kvv.de/aktuell/pressemitteilungen/meldungen/article/eu-abgeordneter-bei-den-vbk-zu-gast.html

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

1 comment to A Karlsruhe per scoprire nuovi modelli europei di crescita e innovazione

  • Antonio

    Buongiorno, in Germania le cose funzionano perché la classe dirigente è all’ altezza del compito assegnato. I cittadini, per quanto compete loro, sono più rispettosi delle regole. Diversamente dall’Italia, il rapporto STATO-CITTADINO e, VICEVERSA, è impostato sulla reciproca fiducia e non sul SOSPETTO. Noi, non saremo mai all’ altezza della Germania e delle DEMOCRAZIE NORDICHE in genere.

    A Karlsruhe, con la SAIPEM dell’ ENI, ho lavorato alla costruzione di un impianto nella locale raffineria una trentina di anni fa.