Progetto Life+ PERHT a Treviso: la prima #storiadisuccesso sui fondi europei

IMG_20151104_163551A novembre dell’anno  scorso ho incontrato per la prima volta il Sindaco di Treviso Giovanni Manildo (nella foto insieme ad altri amministratori locali trevigiani e all’allora Segretario del Pd Veneto Roger De Menech). Ci eravamo lasciati con l’idea che quello fosse l’inizio di un percorso di reciproca collaborazione.

Per questo ho deciso di iniziare proprio da Treviso un percorso di informazione su progetti europei vinti da Comuni veneti ed emiliano-romagnoli. Dopo aver pubblicato due guide sui fondi europei per le PMI e gli enti locali, infatti, ho riflettuto sull’opportunità di valorizzare adeguatamente le storie di successo (#storiedisuccesso).

In altre parole scrivere che esistono dei programmi europei che finanziano progetti è sicuramente utile ma non basta se non si narrano anche gli esempi concreti dei nostri Comuni.

Treviso, dicevamo. Una media città del Nord Italia. Un esempio di come rilanciare i servizi di mobilità in maniera eco-sostenibile attraverso risorse comunitarie. Il progetto è il Life+ PERHT. Di seguito la video-intervista al Sindaco e i risultati del progetto. Concreti. Reali. Tangibili.

BIKE SHARING – Perht ha consentito l’implementazione del servizio che ha portato a 22 le postazioni dedicate, con 120 biciclette a disposizione, 1.500 utilizzatori tesserati, per 36mila utilizzi e 45mila chilometri percorsi in centro storico nel 2015. Il 20% degli utenti dichiara di arrivare in centro storico in auto per poi prendere una bici pubblica, il 15% arriva in bus per poi scegliere di spostarsi su due ruote. Il monitoraggio degli spostamenti ha evidenziato un incremento esponenziale dell’utilizzo tra autunno 2014 e autunno 2015.

BIKE STATION – E’ il servizio di più recente attivazione. Si tratta di 3 parcheggi pubblici dedicati alle biciclette private. Hanno una capienza di 150 posti videosorvegliati (con garanzia anche di assicurazione contro il furto). Nella fase sperimentale il servizio è gratuito ma sarà introdotta una forma di abbonamento, del resto quasi il 70% degli utenti intervistati è disponibile a pagare per il servizio.

INFOMOBILITÀ – L’APP TreviMove è sicuramente il servizio che ha riscontrato il maggior gradimento della cittadinanza. Già oggi oltre 5mila persone hanno fatto il download sul loro smartphone. Ogni giorno si registrano 13mila consultazioni dei servizi informativi legati al trasporto pubblico urbano (orari dei bus, linee, lettura e acquisto del biglietto), altre 7mila consultazioni riguardano il bike sharing e la sosta (l’APP infatti segnala il parcheggio più vicino e grazie ai sensori sugli stalli indica anche con precisione dove e quanti sono i posti liberi). Sono stati inoltre installati 4 totem informativi sui servizi di cui 2 all’aeroporto e uno nella biglietteria MOM (azienda di trasporto pubblico della provincia di Treviso) di fronte alla stazione ferroviaria al fine di favorire l’intermodalità.

AUTO ELETTRICHE – Sono tre le colonnine per la ricarica di mezzi elettrici installate in città, e sono state distribuite in poco tempo le 50 tessere per l’utilizzo ad altrettanti possessori. Il 28% degli utenti dichiara di utilizzare il servizio con assiduità. Al momento le 5 ore di ricarica sono gratuite, ma il 78% è disponibile al pagamento di un piccolo abbonamento.

SOSTA CARICO/SCARICO – Il progetto Perht ha consentito l’installazione di sensori per il controllo della sosta carico/scarico in centro storico. Le aree dedicate sono 176, per una capacità di 216 veicoli e una sosta massima consentita di 20 minuti. Il sistema informatico messo a punto con il sistema Perht sarà in grado di consentire il monitoraggio in tempo reale della sosta grazie ai palmari in dotazioni alla Polizia Locale.

COL-TAXI – Grazie a Perht, in collaborazione con la Cooperativa Taxi Treviso, è stato sperimentato per alcuni mesi il servizio di taxi a chiamata notturno, dedicato agli abbonati del trasporto urbano. Il servizio non è proseguito dopo la fase sperimentale ma è in fase ormai operativa la sperimentazione di un servizio bus a chiamata, gestito attraverso una App sviluppata con l’Università Ca’ Foscari, dedicato al sabato sera.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.