Contro l’inquinamento da microplastiche

microbeads-microplastic-variousLe microplastiche, minuscoli frammenti di plastica che non vengono filtrati dai sistemi di depurazione delle acque, sono un grave problema per i nostri mari; un problema riconosciuto anche dalla strategia europea sulla tutela dell’ambiente marino che le classifica tra i rifiuti marini più pericolosi. Vengono infatti ingerite dagli animali marini causando gravi problemi, che poi possono riflettersi anche sull’uomo, nel caso delle specie commestibili.

Questo tipo di rifiuti si formano in parte dalla disgregazione di fibre plastiche, ma soprattutto derivano dai prodotti cosmetici, dei quali sono un importante componente.

Proprio per questo, facendo anche seguito ad una risoluzione del Parlamento del 14 gennaio 2014, ho firmato una dichiarazione scritta che chiede alla Commissione Europea che i prodotti in plastica monouso che non possono essere riciclati, come le microsfere plastiche, siano gradualmente eliminate dal mercato o proibite del tutto, in particolare per quel che riguarda i prodotti cosmetici.

Qui trovate il testo della dichiarazione scritta: Microplastiche

Innovazione e sviluppo in agricoltura: i lavori in Commissione Ambiente

7141315719_ab4413f5a7_zIeri, durante i lavori della Commissione Ambiente,territorio e sicurezza alimentare ho avuto l’onore di essere il relatore del parere che la commissione deve dare al progetto di legge che riguarda la “Promozione dell’innovazione e dello sviluppo economico nella gestione agricola futura dell’Unione Europea”.

Un parere che deve tenere conto di temi importantissimi per tutta la popolazione Europea e che ha a che fare soprattutto con la produzione di cibo, argomento primario nel dibattito politico mondiale anche e soprattutto dopo EXPO, preservando i suoli agricoli; dobbiamo produrre di più ma in modo diverso, utilizzando meno acqua e fertilizzanti.

Importantissimo poi affrontare la questione della lotta agli sprechi nell’industria alimentare e dell’economia circolare, anche nell’ambito agricolo.

Qui trovate il mio intervento:

Sottoprodotti: necessaria una normativa europea per facilitarne il riciclo

recyclingHo presentato alla Commissione Europea un’interrogazione per chiedere di migliorare le norme comunitarie in materia di sottoprodotti.

Sono arrivato alla stesura dell’interrogazione dopo un costante confronto con le consigliere regionali Manuela Rontini presidente della Commissione Ambiente dell’Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna e Lia Montalti relatrice della nuova legge regionale sui rifiuti approvata ad inizio Ottobre che pone come obbiettivo la realizzazione di un’economia circolare e che punta al raggiungimento entro il 2020 di 3 obiettivi precisi come la riduzione dei rifiuti pro capite del 20-25% (cioè meno di 150 kg per abitante), raccolta differenziata al 73% e recupero dei rifiuti al 70%.

Per far questo é fondamentale ridurre la produzione dei rifiuti, ed uno dei passi principali è definire con chiarezza le filiere del riutilizzo e del recupero, in particolare per quel che riguarda i sottoprodotti delle aziende.

Per potere mettere in atto politiche di economia circolare occorre incentivare e rendere favorevole il quadro normativo per il riutilizzo dei sottoprodotti, ma la direttiva vigente in materia, da sola, non è sufficiente a dare fiducia agli operatori industriali che spesso sono costretti a doversi difendere in sede giudiziaria poiché i sottoprodotti vengono, dai più, considerati rifiuti.

L’auspicio è che l’Unione europea, per sostanze ed oggetti specifici, formalizzi criteri certi, tramite apposite linee guida, per poter definire alcuni materiali sottoprodotti, così da dare certezza alle filiere produttive che vogliono riutilizzarli.

È quello che ho chiesto con la mia interrogazione.

Sono convinto che la realizzazione dell’economia circolare, uno dei cardini delle strategie europee su cui l’UE punterà moltissimo nei prossimi anni, si possa raggiungere solo attraverso una assidua collaborazione tra i territori e Bruxelles, ascoltando le esigenze di cittadini ed imprese, e cercando di tradurle in atti chiari e concreti a tutti i livelli istituzionali.

Qui trovate il testo dell’interrogazione: Interrogazione sottoprodotti

Pesca alle vongole: presentate due interrogazioni

11351365_10206988294889247_6338152751078969621_nSono due le interrogazioni presentate in settimana dall’ On. Damiano Zoffoli alla Commissione Europea, ed entrambe riguardano il tema della pesca delle vongole; un settore che nel solo mare Adriatico è rappresentato da circa 650 imbarcazioni e 1300 addetti creando un indotto importante per centinaia di famiglie.

La prima interrogazione riguarda i danni causati all’ecosistema marino in base alle norme comunitarie introdotte dal regolamento europeo 1624/94 poi riprese in maniera più restrittiva da quello 1976U/2006  ed entrato in vigore nel 2010 il quale vieta la pesca delle vongole entro i 550 metri dalla riva e imposto una taglia minima di pesca di misura pari a 25mm.

Considerando il fatto che la maggior abbondanza di vongole mature si trova nella fascia tra i 200 e i 1000 metri dalla costa il divieto di pesca entro i 550 metri induce ad insistere in maniera continuativa su una porzione limitata dell’area interessata dalla presenza di banchi di vongole, con la conseguenza di un innaturale sfruttamento dei fondali e conseguenti danni all’ecosistema.

Prosegui la lettura…

Contro la Poliomielite infantile

7037952515_7afe8a8608_zIn queste prime settimane di attività parlamentare, ho scelto con orgoglio, di fare parte dell’Intergruppo bambini; si tratta di un intergruppo che ha il compito di vigilare in tutte le Commissioni Parlamentari perché le leggi e i regolamenti europei tengano conto delle necessità dei minori, che sono spesso diverse da quelle degli adulti e che non sempre vengono ricordate. Per quel che mi riguarda dovrò rappresentare l’intergruppo bambini nella commissione Ambiente e Salute Pubblica, del quale sono membro (qui trovate maggiori informazioni).

Uno dei primi atti del gruppo è l’impegno nella lotta contro la Poliomielite infantile; una malattia quasi del tutto debellata ma della quale è difficile riuscire a sconfiggere quei pochi casi che ancora purtroppo si verificano. Ho firmato una dichiarazione scritta che chiede alla Commissione e al Consiglio Europeo di investire risorse nella ricerca e nella vaccinazione infantile per evitare quell’ 1% di casi di poliomielite che ancora si verificano e dichiarare finalmente sconfitta la malattia.

La poliomielite si può cancellare definitivamente, basta poco.

Qui trovate il testo della dichiarazione scritta (in inglese): Polio eradication

Intervista ad Agrilinea: pesca e futuro dell’industria ittica

_DSC9981Trovate qui il video dell’intervista che Sauro Angelini, di Agrilinea, mi ha fatto in occasione del Global Seafood Expo di Bruxelles, una delle più importanti fiere mondiali per quanto riguarda il settore della pesca e dell’industria ittica.

Abbiamo parlato di Mare Adriatico, di filiera produttiva del pesce, di sostenibilità economica ed ambientale e di quel che fa e che potrebbe fare il Parlamento Europeo su questo tema.

Ringrazio Sauro e tutta la redazione di Agrilinea per questa opportunità.

www.agrilinea.tv 

www.maretv.eu

Prosegui la lettura…

Seafood expo: Bruxelles capitale della pesca

_DSC9989 - CopySi sta svolgendo in questi giorni a Bruxelles il “Seafood Global Expo”, la più grande fiera mondiale per quel che riguarda l’industria ittica, dalla pesca alla commercializzazione del prodotto finito.

Ho avuto ieri il piacere di visitare la fiera, in particolare lo stand italiano e di apprezzare il lavoro dei pescatori e dei commercianti di pesce che operano in un mercato difficile ma importantissimo per la nostra economia, che nella sola Emilia Romagna impiega circa 5000 persone (tra pescatori e maricoltori) e produce annualmente più di 55 ooo tonnellate di prodotto finito.

Penso che sia importantissimo garantire la qualità del pescato attraverso controlli precisi e puntuali, e di come si debba lavorare sulla tracciabilità; garantire ai consumatori la provenienza del prodotto non è solo importante per la salute, ma anche per tutelare economicamente i pescatori delle nostre zone.

Prosegui la lettura…