Salvaguardia del dialetto: presentata un’interrogazione

7162837943_c689c4cf4b_oContinua anche a Bruxelles l’impegno di Damiano Zoffoli per la salvaguardia del dialetto e delle lingue a rischio di estinzione. Un lavoro già cominciato in Regione Emilia Romagna, da consigliere regionale, e che continua oggi con la presentazione di un’interrogazione alla Commissione Europea sulla situazione europea delle lingue a rischio estinzione e dei fondi che a questo tema sono dedicati.

Esiste infatti una Normativa Europea proprio “Sulle lingue europee a rischio di estinzione e la diversità linguistica nell’Unione Europea”, approvata nel 2013 ma che va attuata.

“Non dobbiamo lasciare che i nostri dialetti muoiano – commenta Damiano Zoffoli – quando si perde una lingua si perde anche un importantissimo pezzo della nostra cultura che poi è impossibile recuperare. Oggi, anche grazie ad internet e alle nuove tecnologie abbiamo la possibilità di trovare metodi nuovi per tramandare le lingue a rischio estinzione, un modo anche questo per costruire un’Europa più unita che valorizza le proprie diversità e le proprie radici.”

Qui trovate l’interrogazione firmata: Interrogazione dialetto

I video di “Te at chi sit e’ fiol?” 2014

Una selezione di artisti intervenuti alla sesta festa del dialetto romagnolo “Te ad chi sit e’ fiol?” a Villa Silvia di Lizzano (Cesena), domenica 6 luglio 2014.

È possibile visualizzare tutti i filmati della Playlist tramite l’apposito pulsante nella finestra del video, oppure cliccando qui.

Salvaguardia e valorizzazione dei dialetti: l’intervento in aula

L’Assemblea legislativa ha approvato all’unanimità la nuova legge regionale recante “Salvaguardia e valorizzazione dei dialetti dell’Emilia-Romagna”, di cui sono primo firmatario. Abbiamo così rimediato ad una svista, ad una patacheda (per dirla proprio in dialetto), fatta a fine anno, involontariamente, durante la annuale sessione di semplificazione, e dato nuova progettualità a questo tema, cogliendo l’occasione per semplificare le procedure di erogazione dei contributi (che erano farraginose) e dare continuità ai finanziamenti (erogati a singhiozzo negli ultimi anni). Proprio nel momento in cui siamo tutti impegnati su una riflessione che riguarda il futuro della nostra Regione, è ancora più importante avere ben chiaro chi siamo e da dove veniamo. Perché, come diceva il professor Raffaello Baldini, “certe cose succedono solo in dialetto”, e non dobbiamo disperderle.

Te ad chi sit e’ fiol si sposta a Villa Silvia

Una giornata all’insegna del dialetto romagnolo: domenica 6 luglio la rassegna a Lizzano.

"TE AD CHI SIT E' FIOL?"

La VOCE di Romagna – martedì 17 giugno 2014.

La festa del dialetto romagnolo cambia ancora sede. “Te ad chi sit e’ fiol?” quest’anno si terrà a Villa Silvia di Lizzano. Dopo le prime quattro edizioni a Roversano, quella dello scorso anno nella storica cornice della Rocca Malatestiana di Cesena, domenica 6 luglio la rassegna dialettale si terrà nella dimora cara al Carducci.

L’organizzazione è sempre dell’associazione culturale “Te ad chi sit e’ fiol?”, con il patrocinio del Comune di Cesena e della Regione Emilia-Romagna.

Quella di domenica 6 luglio sarà un ritorno alle radici, una giornata dedicata interamente al dialetto romagnolo: parlato e usato come una lingua viva. E così spazio a musica, poesie, canti, recite e comicità rigorosamente in dialetto: tutti potranno salire sul palco ed esibirsi. La regola è una sola: “am aracmand, us po’ scor soul in dialet”. Insomma, italiano vietato, per un pomeriggio solo dialetto. Alla festa non poteva certo mancare uno stand gastronomico – con i piatti della Romagna – e un mercatino ispirato alla tradizione romagnola.

Prosegui la lettura…

Una nuova legge per i dialetti e le tradizioni locali

"TE AD CHI SIT E' FIOL?"L’abrogazione della vecchia legge regionale sulla tutela e valorizzazione dei dialetti è stato un errore da correggere. L’ho affermato in passato e lo ribadisco. Alla base di quella cancellazione, nessuna volontà di mandare in soffitta i dialetti, ma la presa d’atto che il provvedimento non era più finanziato. Per questo è finito sotto la scure della semplificazione, assieme a tante altre leggi e regolamenti non più finanziati da tempo.

Gli strumenti comunque, siano leggi o regolamenti, possono cambiare, quello che non deve venire mai meno è l’impegno sul fronte della tutela e valorizzazione dei nostri dialetti. Un impegno al quale ho cercato di dare sempre un mio contributo, organizzando, ad esempio, assieme ad associazioni culturali, studiosi della materia, artisti e tanti appassionati, momenti di approfondimento e manifestazioni conviviali, proprio per tenere vive le nostre radici e la nostra storia.

Questo impegno si concretizza oggi in una forma nuova, un nuovo provvedimento sul dialetto. Una proposta di legge mirata ad un’attenzione ancora maggiore della Regione, ma non solo, ai dialetti. L’iter di questa nuova legge è partito oggi in Assemblea legislativa e mi vede primo firmatario del provvedimento. Si chiama “Salvaguardia e valorizzazione dei dialetti dell’Emilia-Romagna” e mira a tutelare non solo le lingue, ma anche le tradizioni e la cultura popolare del nostro territorio, con finanziamenti certi per gli anni a venire.

Prosegui la lettura…

Verso nuove forme di tutela dei dialetti dell’Emilia-Romagna

Nella IV puntata (21 marzo 2014) di “Assemblea ON E-R”, la trasmissione televisiva dell’Assemblea legislativa, il Consigliere regionale Damiano Zoffoli interviene, con altri colleghi, sul futuro della tutela dei dialetti. A seguito dell’abrogazione della legge 45/1994 alcuni Consiglieri si sono subito attivati per la riproposizione di una nuova proposta di legge per promuovere le lingue di origine locale, che si accompagnano, naturalmente, anche alla valorizzazione delle tradizioni e della cultura popolare.

Dialetti, la revisione della normativa di settore inizia da un patto con studiosi e associazioni

“L’immediatezza e la semplicità di queste lingue ci aiutano ad immaginare con più concretezza il futuro, per uscire dalla crisi”.

Facciamo vivere i nostri dialettoI dialetti nel loro aspetto storico-culturale sono stati al centro di una conferenza stampa che si è svolta negli spazi dell’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna, organizzata da un gruppo di studiosi che hanno a cuore la tutela del dialetto emiliano-romagnolo: Giuseppe Bellosi, Paolo Galletti e Fausto Carpani.

L’occasione per riparlarne è stato l’accidentale errore tecnico che ha portato all’abrogazione della L.R. 45/1994 nella sessione di semplificazione durante l’ultimo Consiglio regionale del 2013, non per volontà politica. Una situazione che verrà recuperata, ma che ha segnato un rilancio dei principi che avevano ispirato quella legge. Facendole compiere un passo avanti.

Il Gruppo regionale del Partito democratico era presente alla conferenza stampa, rappresentato dal Consigliere regionale Damiano Zoffoli.

Prosegui la lettura…

Facciamo vivere i dialetti

Ora lavoriamo assieme per rafforzare l’opera di promozione e valorizzazione delle nostre lingue locali.

"TE AD CHI SIT E' FIOL?"Prima di Natale, nell’ultima seduta dell’Assemblea legislativa del 2013, la Regione ha abrogato la legge regionale n. 45 del 1994, recante “Tutela e valorizzazione dei dialetti dell’Emilia-Romagna”.

Desidero spiegare un po’ meglio come sono andate le cose, perché molto si è letto in questi giorni, e al contempo confermare la mia volontà, e quella della nostra Regione, di continuare a lavorare per tutelare, promuovere e valorizzare i nostri dialetti.

Periodicamente gli uffici legislativi della Regione, in virtù della legge sulla semplificazione amministrativa, predispongono un pdl abrogativo delle leggi prive di copertura finanziaria, e per questo inapplicate da diversi anni. È una procedura burocratica di routine, che certamente richiederebbe anche una valutazione di opportunità politica. Purtroppo, nella tagliola della semplificazione (assieme ad altre 66 leggi e a 20 regolamenti), è incappata anche questa legge che, come sappiamo, parla al comune sentire di migliaia di cittadini per il suo valore simbolico, come dimostrano anche le prese di posizione e le tante sollecitazioni che abbiamo ricevuto in questi giorni.

Prosegui la lettura…

I video di “Te at chi sit e’ fiol?” 2013

Una selezione di artisti intervenuti alla quinta festa del dialetto romagnolo “Te ad chi sit e’ fiol?” alla Rocca Malatestiana di Cesena, domenica 7 luglio 2013.

È possibile visualizzare tutti i filmati della Playlist tramite l’apposito pulsante nella finestra del video, oppure cliccando qui.

Romagnoli c’è la nostra festa

L’associazione “Te ad chi sit e’ fiol?” dà vita alla quinta “Festa del dialetto romagnolo”. L’appuntamento è per domenica alle 16 alla Rocca Malatestiana di Cesena.

"TE AD CHI SIT E' FIOL?"Ecco un annuncio atteso per un intero anno da tutti quei romagnoli, dalla Valmarecchia a Imola, che parlano in dialetto e che hanno origini ben certe in questa bella terra di Romagna. Domenica 7 luglio, dalle ore 16 fino oltre la mezzanotte, l’associazione “Te ad chi sit e’ fiol?” organizza per il quinto anno la “Festa del dialetto romagnolo”.

Attenzione quest’anno per la prima volta il grande evento si terrà presso la Rocca Malatestiana di Cesena. Per chi vuole raggiungere il luogo della festa in tutta tranquillità e comodità saranno disponibili gratuitamente due navette: una in partenza dalla chiesa di San Domenico in viale Mazzoni, ed una in partenza dal piazzale di fronte alla Conad di Ponte Abbadesse, zona cimitero urbano.

Così tutti possono partecipare alla festa che ricorda ad ognuno le proprie origini, i propri cari, i grandi sacrifici, le gioie: tutto vissuto in dialetto, orgoglio delle generazioni che col sudore ci hanno portato a quello che siamo. Nel dialetto stanno le nostre origini. Dove sentiamo parlare dialetto siamo certi di ritrovarci fra amici, a casa nostra. Là dove si parla dialetto si sta bene perchè la cultura ha ancora un significato antropologico e non è solo un insieme di conoscenze per far girare la finanza mondiale.

La festa del dialetto è un’occasione per poterci ritrovare e divertirci senza preoccuparci di essere globalizzati, possiamo essere quello che siamo senza metterci la maschera di chi conosce le complesse dinamiche del mondo economico. Parleremo e ascolteremo solo il dialetto e cosa molto importante faremo funzionare il cervello, il nostro!

Poesie, racconti, comicità, teatro… tutto in dialetto romagnolo. Il famoso studioso austriaco Friedrich Schurr, glottologo ed ermetico studioso di dialetti romagnoli affermava che: “non esiste un dialetto romagnolo, ma un’infinità di parlate romagnole digradanti di luogo in luogo, quali continue variazioni su un fondo comune”.

Prosegui la lettura…