I video di “Te at chi sit e’ fiol?” 2014

Una selezione di artisti intervenuti alla sesta festa del dialetto romagnolo “Te ad chi sit e’ fiol?” a Villa Silvia di Lizzano (Cesena), domenica 6 luglio 2014.

È possibile visualizzare tutti i filmati della Playlist tramite l’apposito pulsante nella finestra del video, oppure cliccando qui.

Te ad chi sit e’ fiol si sposta a Villa Silvia

Una giornata all’insegna del dialetto romagnolo: domenica 6 luglio la rassegna a Lizzano.

"TE AD CHI SIT E' FIOL?"

La VOCE di Romagna – martedì 17 giugno 2014.

La festa del dialetto romagnolo cambia ancora sede. “Te ad chi sit e’ fiol?” quest’anno si terrà a Villa Silvia di Lizzano. Dopo le prime quattro edizioni a Roversano, quella dello scorso anno nella storica cornice della Rocca Malatestiana di Cesena, domenica 6 luglio la rassegna dialettale si terrà nella dimora cara al Carducci.

L’organizzazione è sempre dell’associazione culturale “Te ad chi sit e’ fiol?”, con il patrocinio del Comune di Cesena e della Regione Emilia-Romagna.

Quella di domenica 6 luglio sarà un ritorno alle radici, una giornata dedicata interamente al dialetto romagnolo: parlato e usato come una lingua viva. E così spazio a musica, poesie, canti, recite e comicità rigorosamente in dialetto: tutti potranno salire sul palco ed esibirsi. La regola è una sola: “am aracmand, us po’ scor soul in dialet”. Insomma, italiano vietato, per un pomeriggio solo dialetto. Alla festa non poteva certo mancare uno stand gastronomico – con i piatti della Romagna – e un mercatino ispirato alla tradizione romagnola.

Prosegui la lettura…

I video di “Te at chi sit e’ fiol?” 2013

Una selezione di artisti intervenuti alla quinta festa del dialetto romagnolo “Te ad chi sit e’ fiol?” alla Rocca Malatestiana di Cesena, domenica 7 luglio 2013.

È possibile visualizzare tutti i filmati della Playlist tramite l’apposito pulsante nella finestra del video, oppure cliccando qui.

Romagnoli c’è la nostra festa

L’associazione “Te ad chi sit e’ fiol?” dà vita alla quinta “Festa del dialetto romagnolo”. L’appuntamento è per domenica alle 16 alla Rocca Malatestiana di Cesena.

"TE AD CHI SIT E' FIOL?"Ecco un annuncio atteso per un intero anno da tutti quei romagnoli, dalla Valmarecchia a Imola, che parlano in dialetto e che hanno origini ben certe in questa bella terra di Romagna. Domenica 7 luglio, dalle ore 16 fino oltre la mezzanotte, l’associazione “Te ad chi sit e’ fiol?” organizza per il quinto anno la “Festa del dialetto romagnolo”.

Attenzione quest’anno per la prima volta il grande evento si terrà presso la Rocca Malatestiana di Cesena. Per chi vuole raggiungere il luogo della festa in tutta tranquillità e comodità saranno disponibili gratuitamente due navette: una in partenza dalla chiesa di San Domenico in viale Mazzoni, ed una in partenza dal piazzale di fronte alla Conad di Ponte Abbadesse, zona cimitero urbano.

Così tutti possono partecipare alla festa che ricorda ad ognuno le proprie origini, i propri cari, i grandi sacrifici, le gioie: tutto vissuto in dialetto, orgoglio delle generazioni che col sudore ci hanno portato a quello che siamo. Nel dialetto stanno le nostre origini. Dove sentiamo parlare dialetto siamo certi di ritrovarci fra amici, a casa nostra. Là dove si parla dialetto si sta bene perchè la cultura ha ancora un significato antropologico e non è solo un insieme di conoscenze per far girare la finanza mondiale.

La festa del dialetto è un’occasione per poterci ritrovare e divertirci senza preoccuparci di essere globalizzati, possiamo essere quello che siamo senza metterci la maschera di chi conosce le complesse dinamiche del mondo economico. Parleremo e ascolteremo solo il dialetto e cosa molto importante faremo funzionare il cervello, il nostro!

Poesie, racconti, comicità, teatro… tutto in dialetto romagnolo. Il famoso studioso austriaco Friedrich Schurr, glottologo ed ermetico studioso di dialetti romagnoli affermava che: “non esiste un dialetto romagnolo, ma un’infinità di parlate romagnole digradanti di luogo in luogo, quali continue variazioni su un fondo comune”.

Prosegui la lettura…

La festa del dialetto si trasferisce a Cesena

Quinta edizione per “Te ad chi sit e’ fiol?”, ospitata quest’anno all’interno della Rocca Malatestiana.

"TE AD CHI SIT E' FIOL?"La festa del dialetto, delle radici romagnole, dell’orgoglio per le tradizioni riscoperte, ha una nuova casa. La prima domenica di luglio ritorna “Te ad chi sit e’ fiol?”, ormai alla quinta edizione, ma non più a Roversano bensì nel cortile della Rocca Malatestiana, nel centro di Cesena.

Il programma ricalca, comunque, quello delle passate edizioni, una formula che ha decretato il successo della manifestazione. L’inizio della rassegna è fissato alle ore 16 con la lettura dei racconti del “Premio Sauro Spada”, al quale seguiranno nel corso del pomeriggio altre letture, poesie, musiche e canti. Tutto, rigorosamente, in dialetto romagnolo.

“Ritrovandoci per ascoltare e parlare il dialetto – commenta Damiano Zoffoli, ideatore della prima edizione della rassegna – ritroviamo una parte di noi in molti casi sepolta, eppure tremendamente vitale. Nel dialetto stanno le nostre radici, i ricordi profondi della nostra famiglia. Non è un caso che una delle più celebri domande che si pongono in dialetto, quel Te ad chi sit e’ fiol? che dà il nome all’associazione, facciano riferimento proprio alla casata d’origine”.

Prosegui la lettura…

Il dialetto è una rockstar

Domenica 9 giugno i giovani del 1969, ma anche quelli di oggi, si danno appuntamento al Castello di Sorrivoli, grazie agli amici dell’associazione “Te ad chi sit e’ fiol?”, per “Amarcord Vudstok”.

"AMARCORD VUDSTOCK"La VOCE di Romagna – lunedì 3 giugno 2013.

Il Festival di Woodstock si svolse a Bethel, una piccola città rurale nello stato di New York, dal 15 al 18 agosto del 1969, all’apice della diffusione della cultura hippy, che voleva riunire con tre giorni dedicati alla Pace e alla musica. Il mito prese il nome dalla città di Woodstock nella contea di Ulster e fu l’ultima grande manifestazione del movimento che da allora si diffuse fuori dagli Stati Uniti senza quella coesione e originalità che avevano permesso, negli anni sessanta, eventi come il Monterey Pop festival, la Summer of love a San Francisco e il festival di Woodstock. In tre giorni i partecipanti furono oltre cinquecentomila, qualcuno si spinge a dire fino a due milioni, ed è rimasto nell’immaginario di almeno quattro generazioni.

Dopo questa premessa ritorno ai nostri giorni e vi annuncio che: domenica 9 giugno, dalle ore 16 alle 24, al Castello di Sorrivoli, situato nelle prime colline sopra Cesena, prenderà vita un evento che sono sicuro farà accorrere tanti giovani di oggi e tanti che lo erano nel lontano 1969.

L’associazione “Te ad chi sit e’ fiol?” e tanti altri amici daranno vita a: “Amarcord Vudstok”.

Il dialetto non è melodico e il romagnolo con la sua durezza si adatta perfettamente alla musica rock. Gruppi che fanno rock dialettale esistono da tempo, sono diversi e sparsi in tutta la Romagna. Da qui l’idea di raccoglierli in una specie di festival: “Amarcord Vudstok: un dé ad pèsa amour musica e dialet”.

Prosegui la lettura…

Tante serate nel nome del dialetto romagnolo

Nelle prossime settimane l’associazione “Te ad chi sit e’ fiol?” ha messo in cantiere un ricco programma di iniziative.

"TE AD CHI SIT E' FIOL?"L’attività dell’associazione “Te ad chi sit e’ fiol?” non conosce sosta. L’evento principale che ha fatto conoscere e apprezzare l’associazione in tutta la Romagna è, naturalmente, l’annuale festa del dialetto che si tiene in luglio nel borgo di Roversano.

Ma serate di poesie, musica, racconti e letture in dialetto si susseguono senza soluzione di continuità per tutto il corso dell’anno. Tanto che nelle prossime settimane l’associazione ha in programma ben cinque appuntamenti a Cesena.

Il primo, sabato 26 gennaio, è dedicato al poeta cesenate Walter Galli. A partire dalle 20,45, nella sala Monty Banks dell’ex Comandini (accessibile dal Corso omonimo), ci saranno letture di Franco Mescolini, Ilario Sirri e Giancarlo Romagnoli, accompagnati dalle musiche di Mino Savadori e dagli interventi del regista Corrado Bertoni. Conduttore della serata, il giornalista Diego Angeloni.

Pochi giorni dopo, mercoledì 30 gennaio alle 20,00 al Magazzino Parallelo di via Genova (zona ex Mercato ortofrutticolo), è in programma una cena etnica romagnola accompagnata dalle letture in dialetto di Denis Campitelli.

Prosegui la lettura…

Il rosario in dialetto romagnolo di don Luigi Giovannardi

Pregare in romagnolo non è una cosa da ridere. Per quanto il nostro dialetto sia schietto, sanguigno e a volte volgare, le preghiere in romagnolo sono di una tenerezza struggente. Non solo, e non tanto, per il testo, che in dialetto viene illuminato di luce nuova. Ma soprattutto perché quelle preghiere, recitate in quel modo, ci ricordano i nostri cari. Persone che abbiamo conosciuto, animate da una fede semplice ma sincera, e che ci hanno accompagnato nella nostra crescita.

Se oggi siamo ciò che siamo lo dobbiamo alle nostre radici. Alle tradizioni della nostra terra, ai nostri cari. Ricordarlo è, allo stesso tempo, un modo di rendere grazie e una spinta per guardare con più serenità al domani.

Per questo mi piace riportare in questo sito le preghiere in dialetto romagnolo di don Luigi Giovannardi di Ravenna, utilizzate lo scorso luglio a Roversano nel corso di “Te ad chi sit e’ fiol?” per pregare il Rosario in dialetto.

Le preghiere sono state raccolte in un unico documento scaricabile qui.

“TE AD CHI SIT E’ FIOL?” – Lo Speciale di TeleRomagna sulla 4a Festa del dialetto romagnolo

La rubrica “ROMAGNA INIZIATIVE Magazine”, ideata e condotta da Fabiola Denise Casadei, dedicata all’evento “Te ad chi sit e fiol?”, andata in onda su TeleRomagna a partire dal 22 Luglio scorso.

In merito alla festa, oltre a questo speciale televisivo, sono a segnalarvi anche i video realizzati dal vicepresidente dell’Associazione “Te ad chi sit e’ fiol?”, Maurizio Balestra, visibili sul suo canale YouTube.