Contro l’inquinamento da microplastiche

microbeads-microplastic-variousLe microplastiche, minuscoli frammenti di plastica che non vengono filtrati dai sistemi di depurazione delle acque, sono un grave problema per i nostri mari; un problema riconosciuto anche dalla strategia europea sulla tutela dell’ambiente marino che le classifica tra i rifiuti marini più pericolosi. Vengono infatti ingerite dagli animali marini causando gravi problemi, che poi possono riflettersi anche sull’uomo, nel caso delle specie commestibili.

Questo tipo di rifiuti si formano in parte dalla disgregazione di fibre plastiche, ma soprattutto derivano dai prodotti cosmetici, dei quali sono un importante componente.

Proprio per questo, facendo anche seguito ad una risoluzione del Parlamento del 14 gennaio 2014, ho firmato una dichiarazione scritta che chiede alla Commissione Europea che i prodotti in plastica monouso che non possono essere riciclati, come le microsfere plastiche, siano gradualmente eliminate dal mercato o proibite del tutto, in particolare per quel che riguarda i prodotti cosmetici.

Qui trovate il testo della dichiarazione scritta: Microplastiche

Piccole e medie imprese: come aumentare la creazione di posti di lavoro

IMG_0007Nell’ultima seduta della Commissione per le politiche regionali, della quale faccio parte, si è iniziato a parlare del parere che la commissione dovrà dare ad una relazione della commissione lavoro, per quel che riguarda il tema dell’aiuto alle piccole e medie imprese europee.

Nel mio intervento ho ricordato come sia fondamentale oggi semplificare le procedure di accesso ai fondi e incentivare l’utilizzo delle nuove tecnologie, soprattutto per quel che riguarda il mercato unico digitale. Non dobbiamo poi dimenticarci delle micro-imprese, quelle con meno di 10 dipendenti, la vera maggioranza delle PMI.

Importante poi aiutare la promozione di nuove tipologie di impresa, in particolare quelle che si occupano di economia verde, di turismo sostenibile, di servizi socio-sanitari , di artigianato creativo e le aziende culturali, che diventeranno sempre più importanti nei prossimi anni.

Per farlo servono soprattutto aiuti alle PMI per collegarsi tra loro e formare reti di imprese, fondamentali per ottenere fondi e finanziamenti.

Un ultimo aspetto è quello legato alla specificità delle imprese cooperative, per le quali vanno pensate forme di sussidio dedicate, che sappiano incentivare il ruolo dell’economia sociale nella nostra società.

Talidomide: serve una legislatura europea per le vittime

l43-bambini-malformati-120901232144_mediumIn Europa, oltre agli aborti spontanei e ai bambini nati morti,  le drammatiche conseguenze, dopo oltre 50 anni, della somministrazione a donne in stato di gravidanza di farmaci a base di Talidomide continuano a rappresentare un problema per tante persone che, sopravvissute, versano in condizioni di salute tali, anche a causa dell’invecchiamento, da richiedere un’assistenza specialistica e continuata.

Si calcola che siano 7mila in tutto il mondo le vittime del Talidomide, almeno 500 nella sola Italia, colpite da gravi alterazioni congenite dello sviluppo degli arti, ovvero amelia (assenza degli arti) o vari gradi di focomelia (riduzione delle ossa lunghe degli arti), tutti nati tra il 1958 e il 1969, anni nel quale il Talidomide, oggi sperimentato contro le malattie infiammatorie intestinali, era somministrato alle donne gravide come rimedio alle nausee gestazionali.

Recenti studi della “Contergan Siftung” rappresentano un quadro aggiornato in 21 paesi europei dei bisogni specifici di assistenza, delle indennità e dei diritti assicurati ai sopravvissuti al Talidomide.

Prosegui la lettura…

Latte e frutta nelle scuole: per una sana alimentazione dei bambini

At the grocery's La Commissione agricoltura del Parlamento europeo, sottolineando che una dieta sana ed equilibrata rappresenta il fondamento di una buona salute, ha messo mano all’ormai storico Programma “Latte e frutta nelle scuole”, incrementandone il finanziamento e unificando i due precedenti distinti regimi (latte e frutta).

Tutto ciò ricordando che, purtroppo, il consumo di frutta, verdura e latte risulta essere in netto calo in tutta l’Unione. Da qui, la scommessa di incrementare il loro consumo, a partire dalle scuole, puntando anche su un’azione di formazione all’educazione alimentare. Per essere più convincente, l’Europarlamento non solo ha garantito la stabilità finanziaria del Programma, ma ha anche posto dei paletti affinché gli Stati membri non taglino unilateralmente il loro budget o modifichino i criteri di assegnazione dei fondi comunitari assegnati. La commissione Agricoltura ha approvato nei giorni scorsi l’accordo, già raggiunto dai negoziatori del Parlamento e della Presidenza del Consiglio lussemburghese il 10 dicembre scorso.

Le misure riguardanti il consumo di prodotti lattiero-caseari, incrementate di 20 milioni di euro all’anno, raggiungono ora un plafond complessivo di 100 milioni. Le misure inerenti il consumo di frutta e verdura dispongono invece di un fondo di 150 milioni di euro. I deputati hanno, inoltre, insistito per una più equa distribuzione dei fondi comunitari tra gli Stati membri, fissando due criteri fondamentali: sarà interessata la popolazione di alunni avente un’età compresa tra i sei e i dieci anni; sarà valutato il grado di sviluppo della regione all’interno dello Stato membro. Inoltre, saranno considerati i risultati ottenuti con i precedenti Programmi “Latte e frutta nelle scuole” ed effettuato un bilancio tra sei anni.

Prosegui la lettura…

San Marino: fine del segreto bancario

San MarinoDa gennaio 2017 sarà molto più difficile per i cittadini UE aprire conti bancari a San Marino per nascondere capitali al fisco.

É stato infatti approvato giovedì scorso al Parlamento Europeo un accordo tra l’Unione Europea e il piccolo stato romagnolo secondo il quale gli Stati UE e S.Marino si scambieranno automaticamente le informazioni sui conti finanziari dei reciproci residenti; non solo quelle sul reddito ma anche sui saldi e sui proventi della cessione delle attività finanziarie.

L’accordo garantisce anche che S.Marino applicherà misure bancarie più restrittive, equivalenti a quelle in vigore nell’Unione Europea dal marzo 2014 ed è conforme allo standard globale 2014 sullo scambio automatico d’informazioni sui conti finanziari promosso dall’OCSE. Le amministrazioni fiscali degli Stati Membri e di S.Marino potranno:

– identificare in modo chiaro ed inequivocabile i contribuenti interessati

– amministrare e far applicare le loro legislazioni finanziarie in situazioni transfrontaliere

– valutare la probabilità di evasioni fiscali perpetrate e

– evitare ulteriori indagini non necessarie.

L’accordo è stato approvato con 607 voti a favore, 22 contrari e 18 astenuti ed entrerà in vigore da gennaio 2017.

Qui trovate il testo: Modifica dei trattati tra Comunità Europea e Repubblica di San Marino

L’appello per vietare la maternità surrogata in tutto il mondo

utero-in-affittoLa maternità surrogata, lo sfruttamento del corpo delle donne, è una pratica che va vietata, in tutto il mondo.

Anche il Parlamento Europeo si è espresso in questa direzione, approvando qualche mese fa la  Relazione annuale sui diritti umani e la democrazia nel mondo che, tra le altre cose, all’articolo 114 “condanna la pratica della surrogazione, che compromette la dignità umana della donna dal momento che il suo corpo e le sue funzioni riproduttive sono usati come una merce; ritiene che la pratica della gestazione surrogata che prevede lo sfruttamento riproduttivo e l’uso del corpo umano per un ritorno economico o di altro genere, in particolare nel caso delle donne vulnerabili nei paesi in via di sviluppo, debba essere proibita e trattata come questione urgente negli strumenti per i diritti umani”.

Questo articolo, che ho sostenuto, è stato approvato a larga maggioranza.

Seguendo la stessa logica ho firmato con convinzione l’appello, nato da alcuni parlamentari francesi, che chiede che la maternità surrogata venga vietata in tutto il mondo (trovate qui il testo, invito anche voi a firmarlo: http://abolition-gpa.org/charte/italiano/.

La condanna alla maternità surrogata non è un tema che riguarda la laicità dello stato (che non viene messa in discussione e come alcuni vogliono far credere) ma piuttosto la libertà delle donne e del loro corpo, che viene sfruttato, e la tutela dei bambini, che si vedono allontanare dalla figura materna e sottoposti ad un’azione che possiamo catalogare senza troppa vergogna tra le “violenze”.

Trovate qui inoltre il testo della lettera inviata dal sottoscritto, insieme ad altri 8 colleghi del gruppo PD al Parlamento Europeo, ai parlamentari italiani membri del Consiglio Europeo, a sostegno della richiesta di vietare la maternità surrogata in tutto il mondo: Lettera ai Parlamentari PD maternità surrogata

Status di Economia di Mercato alla Cina? No senza nuove regole chiare.

China ShippingSi possono chiaramente quantificare in centinaia di migliaia i posti di lavoro europei che sono a rischio nel caso della concessione automatica, senza condizioni, dello status di economia di mercato alla Cina, previsto per dicembre 2016, esattamente 15 anni dopo l’ingresso della cina nel WTO.

La Commissione Europea dovrebbe invece prendere atto che il paese orientale ad oggi non rispetta le regole basilari che consentono di definire la sua economia “di mercato”, a causa di una forte ingerenza dello stato nelle industrie private, di piani quinquennali per la produzione, di condizioni di lavoro e di diritti per i lavoratori ancora insufficienti.

Dare la possibilità alla Cina di esportare liberamente prodotti fabbricati in queste condizioni sui mercati europei, e quindi venduti a prezzi molto più bassi, avrebbe la conseguenza di provocare un’ “invasione” di prodotti cinesi sui nostri mercati, che oggi sono tenuti controllati dalle norme antidumping, con conseguenze soprattutto sull’Italia, tradizionalmente manifatturiera, in particolare sulle nostre industrie siderurgiche, ciclistiche e ceramiche.

Stiamo lavorando come gruppo S&D per chiedere che la Commissione metta in atto una valutazione di impatto per capire e quantificare in maniera chiara le conseguenze di questa scelta sui mercati e sui posti di lavoro europei, che ancora ad oggi non esiste; ci sembra il minimo per affrontare seriamente e con competenza la discussione. Chiediamo poi che il Parlamento venga coinvolto su tutti i prossimi passaggi che riguardano il commercio con la Cina. Vogliamo evitare che le cose vengano fatte in fretta e si ripetano errori già fatti in passato a causa del non-coinvolgimento dell’Assemblea Parlamentare. Chiediamo anche al Consiglio Europeo che vengano definiti in tempi brevi nuovi accordi per la difesa del commercio.

L’economia mondiale, per essere equa, deve vedere tutti gli attori giocare con le stesse regole. Se questo non avviene dobbiamo lavorare perchè le nostre industrie vengano preservate e tutelate da chi quelle regole non le rispetta.

Dalla parte dei bambini

bimbi-2Fin dal mio insediamento al Parlamento Europeo ho aderito,fra i primi, all’ “Intergruppo bambini” che raccoglie parlamentari di nazioni e partiti diversi, uniti da una comune volontà: immaginare e valutare l’impatto che hanno le nostre scelte legislative sulle future generazioni.
Tutti noi vogliamo un’Europa diversa, che guardi al futuro, capace di promuovere speranza.
Tutti noi abbiamo a cuore il bene dei nostri figli e nipoti e vogliamo per loro un domani migliore.
In questa prospettiva ho sostenuto convintamente, come la maggioranza dei miei colleghi, la posizione del Parlamento Europeo che nel “Rapporto annuale sui diritti umani e la democrazia nel mondo” approvato nella seduta del 17/12/2015 ribadisce un principio fondamentale della civiltà giuridica moderna: i bambini non sono oggetti ma soggetti. («Il Parlamento Europeo condanna la pratica della maternità surrogata, che mina la dignità umana della donna, visto che il suo corpo e le sue funzioni riproduttive sono usate come una merce; considera che la pratica della maternità surrogata, che implica lo sfruttamento riproduttivo e l’uso del corpo umano per profitti finanziari o di altro tipo, in particolare il caso delle donne vulnerabili nei Paesi in via di sviluppo, debba essere vietata e trattata come questione di urgenza negli strumenti per i diritti umani» Par.114)
Questa prospettiva ci deve interrogare, al di là di ogni credo religioso e di ogni opzione culturale, sul futuro dell’umanità.
In Italia rimane aperto il dibattito sulla “stepchild adoption” cioè l’adozione “del figliastro” nel caso di unioni omosessuali, prevista dall’art.5 del DDL Cirinnà  che rischia, di fatto, di incentivare un mercato procreativo nel quale gli uteri vengono affittati, con l’impossibilità per i bambini di conoscere chi siano il babbo e la mamma.
Il confronto ha contribuito a chiarire invece un altro punto delicato della proposta di legge: nessuna confusione fra il matrimonio, che è disciplinato dall art.29 della nostra Costituzione, e la nuova norma sulle unioni civili che invece si richiama all’art. 2 della stessa, che disciplina i diritti degli individui e delle formazioni sociali.
Naturalmente nel libero confronto democratico,va rispettata,oltre alla coscienza di ogni singolo parlamentare, la volontà della maggioranza del Parlamento ma è giusto e indispensabile, approfondire fino in fondo i principi in gioco.
Le piazze che si sono riempite e si riempiranno di migliaia e migliaia di cittadini servono non per alimentare delle battaglie ideologiche e per aizzare gli uni contro gli altri ma per favorire una riflessione seria che metta al centro il bene e il futuro dei soggetti più deboli, in questo caso i bambini, che non possono decidere.

Schengen in crisi? La “generazione Erasmus” si ribelli.

COPERTINA4In questi giorni di preoccupazione sul futuro del trattato di Schengen e della libera circolazione di persone e merci attraverso l’Europa sono stati resi noti i dati del programma Erasmus+ per il 2014.

Il programma più conosciuto tra i finanziamenti europei, che proprio dal 2014 aggiunge anche i lavoratori, oltre agli studenti, tra i candidati a passare qualche mese all’estero sembra essere la risposta più adatta ai venti di divisione che soffiano in Europa, programma che tra l’altro é stato da poco rifinanziato con 15 miliardi di euro per i 7 anni 2014-2020, con un aumento del 40% dello stanziamento rispetto al precedente.

Le cifre parlano di 650mila borse di studio erogate in tutta Europa nel solo 2014, delle quali 57 832 solo in Italia, con un investimento in termini monetari che supera i 93milioni di euro.

Per tutte queste ragioni la collega Silvia Costa ha promosso la campagna #schengeniserasmus, che faccio anche mia e che rilancio.

Infatti per comprendere il valore di Schengen bisogna parlare coi ragazzi della “generazione Erasmus”; quei ragazzi che hanno avuto la possibilità di studiare all’estero e che si sono resi conto direttamente di quanto i confini tra gli stati europei ormai siano solo “divisioni amministrative” e che l’Europa è un mix di culture e di sensibilità dal quale ormai sarebbe antistorico e controproducente tornare indietro.

Mia figlia Benedetta è nata nel 1989, lo stesso anno della caduta del Muro di Berlino. Il programma Erasmus ha più o meno la stessa età. Mi auguro che i ragazzi e i giovani come mia figlia, quelli della “generazione erasmus”, di fronte al sorgere di “nuovi muri” si ribellino e spero di vedere alle frontiere gruppi numerosi dei nostri ragazzi che protestano per difendere le libertà acquisite che hanno accompagnato la loro formazione e la crescita dell’Europa.

Sicurezza stradale: serve un maggiore impegno

AccidentAll’interno dell’Unione Europea, nel solo 2015 circa 200mila persone hanno subito gravi conseguenze invalidanti provocate da incidenti stradali.

Un problema, quello degli incidenti stradali, che oltre ad avere conseguenze su chi è coinvolto ha un’elevata incidenza negativa nella sfera socioeconomica, se si pensa che i costi totali delle lesioni provocate da incidenti stradali sono circa il 2% del PIL.

Esiste un documento, già presentato dalla Commissione, dal titolo “Le prime tappe di una strategia per le lesioni causate da incidenti stradali”, che pone degli obiettivi realistici ma ambiziosi per limitare questo fenomeno tramite importanti raccomandazioni, che però ancora non sono state attuate.

Per questo ho deciso di firmare una dichiarazione scritta che chiede alla Commissione di dare seguito nel più breve tempo possibile ai suoi progetti sulla sicurezza stradale definendo obiettivi e tempistiche precise, per affrontare in maniera seria il problema degli incidenti stradali.

Trovate qui il testo della dichiarazione: Obiettivi in materia di riduzione infortuni stradali