Progetto Life+ PERHT a Treviso: la prima #storiadisuccesso sui fondi europei

IMG_20151104_163551A novembre dell’anno  scorso ho incontrato per la prima volta il Sindaco di Treviso Giovanni Manildo (nella foto insieme ad altri amministratori locali trevigiani e all’allora Segretario del Pd Veneto Roger De Menech). Ci eravamo lasciati con l’idea che quello fosse l’inizio di un percorso di reciproca collaborazione.

Per questo ho deciso di iniziare proprio da Treviso un percorso di informazione su progetti europei vinti da Comuni veneti ed emiliano-romagnoli. Dopo aver pubblicato due guide sui fondi europei per le PMI e gli enti locali, infatti, ho riflettuto sull’opportunità di valorizzare adeguatamente le storie di successo (#storiedisuccesso).

In altre parole scrivere che esistono dei programmi europei che finanziano progetti è sicuramente utile ma non basta se non si narrano anche gli esempi concreti dei nostri Comuni.

Treviso, dicevamo. Una media città del Nord Italia. Un esempio di come rilanciare i servizi di mobilità in maniera eco-sostenibile attraverso risorse comunitarie. Il progetto è il Life+ PERHT. Di seguito la video-intervista al Sindaco e i risultati del progetto. Concreti. Reali. Tangibili.

Prosegui la lettura…

Contro l’inquinamento da microplastiche

microbeads-microplastic-variousLe microplastiche, minuscoli frammenti di plastica che non vengono filtrati dai sistemi di depurazione delle acque, sono un grave problema per i nostri mari; un problema riconosciuto anche dalla strategia europea sulla tutela dell’ambiente marino che le classifica tra i rifiuti marini più pericolosi. Vengono infatti ingerite dagli animali marini causando gravi problemi, che poi possono riflettersi anche sull’uomo, nel caso delle specie commestibili.

Questo tipo di rifiuti si formano in parte dalla disgregazione di fibre plastiche, ma soprattutto derivano dai prodotti cosmetici, dei quali sono un importante componente.

Proprio per questo, facendo anche seguito ad una risoluzione del Parlamento del 14 gennaio 2014, ho firmato una dichiarazione scritta che chiede alla Commissione Europea che i prodotti in plastica monouso che non possono essere riciclati, come le microsfere plastiche, siano gradualmente eliminate dal mercato o proibite del tutto, in particolare per quel che riguarda i prodotti cosmetici.

Qui trovate il testo della dichiarazione scritta: Microplastiche

San Marino: fine del segreto bancario

San MarinoDa gennaio 2017 sarà molto più difficile per i cittadini UE aprire conti bancari a San Marino per nascondere capitali al fisco.

É stato infatti approvato giovedì scorso al Parlamento Europeo un accordo tra l’Unione Europea e il piccolo stato romagnolo secondo il quale gli Stati UE e S.Marino si scambieranno automaticamente le informazioni sui conti finanziari dei reciproci residenti; non solo quelle sul reddito ma anche sui saldi e sui proventi della cessione delle attività finanziarie.

L’accordo garantisce anche che S.Marino applicherà misure bancarie più restrittive, equivalenti a quelle in vigore nell’Unione Europea dal marzo 2014 ed è conforme allo standard globale 2014 sullo scambio automatico d’informazioni sui conti finanziari promosso dall’OCSE. Le amministrazioni fiscali degli Stati Membri e di S.Marino potranno:

– identificare in modo chiaro ed inequivocabile i contribuenti interessati

– amministrare e far applicare le loro legislazioni finanziarie in situazioni transfrontaliere

– valutare la probabilità di evasioni fiscali perpetrate e

– evitare ulteriori indagini non necessarie.

L’accordo è stato approvato con 607 voti a favore, 22 contrari e 18 astenuti ed entrerà in vigore da gennaio 2017.

Qui trovate il testo: Modifica dei trattati tra Comunità Europea e Repubblica di San Marino

Sicurezza stradale: serve un maggiore impegno

AccidentAll’interno dell’Unione Europea, nel solo 2015 circa 200mila persone hanno subito gravi conseguenze invalidanti provocate da incidenti stradali.

Un problema, quello degli incidenti stradali, che oltre ad avere conseguenze su chi è coinvolto ha un’elevata incidenza negativa nella sfera socioeconomica, se si pensa che i costi totali delle lesioni provocate da incidenti stradali sono circa il 2% del PIL.

Esiste un documento, già presentato dalla Commissione, dal titolo “Le prime tappe di una strategia per le lesioni causate da incidenti stradali”, che pone degli obiettivi realistici ma ambiziosi per limitare questo fenomeno tramite importanti raccomandazioni, che però ancora non sono state attuate.

Per questo ho deciso di firmare una dichiarazione scritta che chiede alla Commissione di dare seguito nel più breve tempo possibile ai suoi progetti sulla sicurezza stradale definendo obiettivi e tempistiche precise, per affrontare in maniera seria il problema degli incidenti stradali.

Trovate qui il testo della dichiarazione: Obiettivi in materia di riduzione infortuni stradali

In dialogo con l’Europa 07 – Un riassunto delle ultime settimane

Ultimo appuntamento coi filmati de “In dialogo con l’Europa”. Si parla di Conferenza di Parigi, di ambiente, di mercato unico digitale, di abolizione del geoblocking e di Unione Europea.

E tanti auguri di un felice Natale.

OGM: ancora un no dal Parlamento Europeo

Sul problema dell’uso e della commercializzazione degli Organismi Geneticamente Modificati negli Stati Membri, sono intervenuto in aula a Strasburgo esprimendo una forte contrarietà alla proposta di regolamento della Commissione di lasciare ai singoli stati la possibilità di scegliere.

Un regolamento che manca di una valutazione di impatto seria, che è incompatibile con le regole del mercato interno europeo e del WTO, che avrebbe avuto un forte impatto sul settore dell’allevamento nella UE e che avrebbe riportato la necessità di controlli alle frontiere ormai superati da anni; un regolamento che infatti è stato bocciato a larga maggioranza dal Parlamento.

Qui trovate il video del mio intervento:

Ancora Europa

Il prossimo fine settimana, a Trieste, andrà in scena la prima edizione di Ancora Europa, che, come spiega l’organizzatrice e collega On. De Monte “non è un semplice convegno ma una due giorni di scambi, confronti, idee, contaminazione: il primo Open S&D italiano.”

Una sorta di “Leopolda” europea quindi, con ospiti politici e non, che prevede molti brevi interventi, tutti con un taglio europeo, in una città che storicamente è una porta dell’Italia verso l’Europa.

Io avrò il piacere e l’onore di intervenire domenica 27, all’incontro dal titolo “Turismo made in Europe: la bellezza non basta”, nel quale, insieme ad altri importanti relatori, parleremo di come l’accoglienza turistica di Italia e Europa possa essere all’altezza delle bellezze naturali e culturali che si trovano sui nostri territori. La sfida del turismo infatti sta nella professionalità, nella digitalizzazione e nella specializzazione; dobbiamo puntare su questi aspetti.

Qui il programma completo: Ancora Europa

12036663_393351780861814_609054612735243897_n

 

Piastrelle di ceramica: interrogazione sulla tutela della produzione europea

tumblr_n7ybenD18S1sttvnjo1_1280L’industria ceramica italiana esprime vivo apprezzamento per l’interrogazione, con richiesta di risposta scritta, presentata alla Commissione Europea dagli onorevoli Damiano Zoffoli, Nicola Danti e Simona Bonafè relativa alle norme antidumping in tema di importazioni di ceramiche prodotte in Paesi Terzi ed al negoziato TTIP, finalizzato a creare un’area di libero scambio tra Stati Uniti ed Unione Europea.

Le importazioni di ceramica cinese in Europa, a cui sono stati applicati dazi antidumping finalizzati a correggere prassi commerciali non corrette, hanno subito una riduzione del -63% rispetto ai massimi del 2010, arrivando ad aprile 2015 ad un livello di 23 milioni di metri quadrati. Non meno importante la seconda parte dell’interrogazione, focalizzata su un mercato come quello americano che vale per la sola industria ceramica italiana oltre 500 milioni di euro all’anno, e che presenta tassi di crescita particolarmente vivaci. L’interrogazione chiede di conoscere quali misure concrete si intendano negoziare relativamente al differenziali negativo per l’Europa per i dazi alle importazioni, sull’armonizzazione degli standard tecnici e su ‘controlli alle dogane spesso discriminatori’.

Le piastrelle di ceramica rappresentano un’eccellenza della produzione industriale della nostra Regione – dichiara Damiano Zoffoli, primo firmatario dell’interrogazione – e un’importante fonte di lavoro, che va tutelata. Le norme antidumping introdotte nel 2010 hanno permesso al mercato di reggere la concorrenza di prodotti importati da altri mercati con regole di produzione diverse, soprattutto dalla Cina e proprio per questo abbiamo iniziato a lavorare, insieme ai colleghi Danti e Bonafè, perchè le norme europee sul commercio continuino ad andare in questa direzione anche dopo il 2016. Allo stesso modo dovremo vigilare perchè all’interno degli accordi del Trattato Transatlantico sul Commercio e gli Investimenti (il cosiddetto TTIP) vengano tenute in considerazione misure concrete per facilitare l’ingresso nel mercato statunitense, oggi molto restrittive. Da parte nostra la disponibilità ad impegnarci c’è tutta”.

Prosegui la lettura…

TTIP: un po’ di chiarezza

dreamstime_m_23953558-612x336Approvata oggi in plenaria la “Risoluzione Lange”; una risoluzione che ha lo scopo di esprimere l’opinione del Parlamento Europeo sul trattato con gli Stati Uniti d’America sugli scambi commerciali tra i continenti. Qui alcune considerazioni, soprattutto per evitare che vengano diffuse informazioni che non corrispondono alla verità.

La risoluzione sul TTIP contiene le raccomandazioni del Parlamento europeo nei confronti della Commissione europea sul Trattato transatlantico sul commercio e gli investimenti (TTIP). La risoluzione non è un “sì o no” sul TTIP: delinea le condizioni poste dal Parlamento europeo per un buon accordo. La decisione di sostenere o meno l’accordo verrà presa più avanti nel tempo e ci si baserà sul testo del trattato quando verrà concluso.

Nella risoluzione vengono evidenziati alcuni punti, che sono prioritari per il gruppo S&D.

1.Nessun abbassamento delle norme UE e la non elusione dei processi legislativi democratici

La risoluzione in più punti indica la volontà di non abbassare i nostri standard per quanto riguarda l’ambiente, gli standard sociali, il benessere degli animali e la diversità culturale. In particolare nel paragrafo riguardante la cooperazione normativa, è stato esplicitato che i nostri standard non sono negoziabili a meno che l’obiettivo non sia di raggiungere un livello più alto di precauzioni. Si precisa che la cooperazione nella sezione riguardante la regolamentazione dovrebbe rispettare pienamente l’autonomia normativa dell’UE e il corpo cooperazione normativa non sarà mai in grado di adottare leggi che diventeranno vincolanti per i responsabili europei. Abbiamo anche chiarito che la cooperazione normativa non influenzerà gli standard che devono ancora essere imposti per esempio nel settore delle sostanze chimiche (REACH) e la clonazione.

La risoluzione include anche un paragrafo per chiedere il pieno rispetto della Convenzione dell’UNESCO sulla protezione e la promozione della diversità culturale e gli articoli trattati dell’UE. Nessun elemento dell’accordo dovrebbe pregiudicare la capacità dell’UE o degli Stati membri dell’UE a fornire un sostegno finanziario per le industrie culturali, servizi culturali, educativi e audiovisivi.

Prosegui la lettura…

Maltempo 2014: stanziati dall’Europa 11 milioni per l’Emilia Romagna

alluvione-lavori-arginesecchiaApprovato nella Sessione Plenaria di Strasburgo, lo stanziamento del fondo di solidarietà europeo per i danni provocati dal maltempo di ottobre-novembre del 2014: per l’Italia la cifra stanziata ammonta a 56 milioni di euro.

Di questi, 11 milioni rientrano nella parte assegnata all’Emilia Romagna e  sono interessate prevalentemente le province dell’Emilia, soprattutto Piacenza e Parma (che ha subito i danni maggiori con l’esondazione del Baganza), la fascia collinare di Reggio Emilia e tutti i comuni rivieraschi del Po, che hanno subito danni a golene e argini.

“Un ottimo risultato – afferma l’On. Damiano Zoffoli – che non era scontato e che, in questi tempi di difficoltà per l’idea di Europa, dimostra come la solidarietà tra stati sia ancora importantissima. Ora è fondamentale che queste risorse vengano utilizzate nei termini previsti, in modo da poterle sfruttare al 100%, ma sono sicuro che, come è già stato fatto per i fondi stanziati per il terremoto la Giunta Regionale saprà utilizzarli presto e bene.”

I fondi sono un concorso finanziario previsto dal Regolamento del Fondo di solidarietà europeo per gli interventi legati all’assistenza alla popolazione, al ripristino delle infrastrutture e degli impianti di pubblica utilità, della messa in sicurezza delle infrastrutture a protezione del patrimonio culturale e della ripulitura delle zone danneggiate.

Il contributo del Fondo di solidarietà nasce da una richiesta che le Regioni hanno inviato a Bruxelles alla fine del 2014 tramite il coordinamento del Dipartimento nazionale della protezione civile per ottenere un sostegno a fronte del pesante bilancio dei danni del maltempo.

Si tratta dello stesso Fondo che l’Unione europea attivò per aiutare l’Emilia-Romagna ad affrontare gli interventi di emergenza e di assistenza alla popolazione in occasione del sisma del 2012. Fu la prima volta che la Ue intervenne con una cifra tanto consistente: 563 milioni. Era l’estate del 2013 e nel dicembre dello stesso anno i fondi erano già stati utilizzati e rendicontati al 100%.