Morti nel Mediterraneo: basta con questa tragedia

lampedusa Mentre è ancora forte l’emozione per quello che è successo nei giorni scorsi, per le centinaia di persone che hanno perso la vita nel Mediterraneo, in questi giorni di attività a Bruxelles sono stati molti i momenti nei quali, insieme ai colleghi, ci siamo interrogati su cosa fare, su come agire per fermare questa tragedia che si sta consumando al largo delle coste del nostro Sud e sulla quale la politica Europa sembra essere molto distante, non solo geograficamente.

Proprio in occasione del Consiglio Europeo straordinario, che si sta svolgendo qui a Bruxelles, ho firmato una lettera che è partita dalla delegazione del PD ma che poi è stata sottoscritta e firmata da centinaia di colleghi, di tutti i gruppi, che si rivolge ai capi di Stato e di Governo dei Paesi Membri e che li invita innanzitutto a prendere decisioni concrete sull’aumento delle risorse investite dall’Unione Europea per il soccorso in mare, ed in secondo luogo ad affrontare il problema dei rifugiati in maniera più coordinata e con un progetto più a lungo termine.

Non possiamo più tollerare i morti nel Mediterraneo, é ora di trovare una soluzione vera e percorribile.

Qui trovate il testo della lettera: Lettera Immigrazione

Qui trovate la lista dei firmatari: Signatures

 

Auguri di Buone Feste

I miei migliori auguri di Buone Natale e Felice Anno Nuovo

5 per mille, una firma contro lo scippo di Stato

In due anni lo Stato ha sottratto 172 milioni di euro al 5 per mille! Firma anche tu la petizione di VITA.it, per chiedere che non si prosegua oltre in questo abuso.

Dacci il cinque... in Cambogia!Per l’esercizio 2011, grazie alla scelta operata da 17 milioni di contribuenti, la quota raggiunta dal 5 per mille è stata di quasi 488 milioni di euro.

Lo Stato italiano ha però trattenuto 92,838 milioni di euro, destinando alle organizzazioni solo 395 milioni. Ed è solo grazie ad un’interrogazione parlamentare che questo scippo è emerso con chiarezza. Si tratta dell’ennesima sottrazione di fondi a ciò che resta del welfare, della cooperazione e della ricerca, operata a danno dei contribuenti e dei soggetti che garantiscono coesione e innovazione sociale.

In due anni lo Stato ha tolto al 5 per mille, voluto dai contribuenti, ben 172 milioni di euro! Già nell’esercizio 2010, infatti, gli italiani avevano destinato la somma di 463 milioni di euro alle organizzazioni non profit. Ma lo Stato ne aveva accreditati solo 383 milioni, trattenendone 80.

Prosegui la lettura…

Referendum sulle scuole bolognesi: “voterei B, come Buonsenso”

Ballo di fine annoDomenica 26 maggio i cittadini di Bologna saranno chiamati ad esprimersi su un referendum consultivo in merito ai finanziamenti alle scuole dell’infanzia.

Nonostante il quesito sia, a mio avviso, fuorviante (non spiega che per la legge dello Stato le scuole si dividono tra statali e non statali, e quelle comunali, al pari di quelle private, sono paritarie), va innanzitutto chiarito che i bolognesi non saranno chiamati a votare “per” o “contro” la scuola pubblica, ma ad esprimersi sul sistema integrato della scuola dell’infanzia (le materne, per capirci) della loro città.

Un sistema che ha offerto una diffusa qualità educativa e non ha lasciato a casa nessuno bambino, anche quando i tagli del Governo diventavano insostenibili.

Un referendum che, purtroppo, ha assunto un significato “politico”, che va molto aldilà del quesito stesso, e rischia di perdere di vista i diritti dei bambini, ovvero la possibilità di dare risposte concrete alla domanda di educazione e formazione delle famiglie.

Prosegui la lettura…

A fianco dei Sindaci, contro il patto di stupidità

Il debito della Pubblica Amministrazione nei confronti delle imprese ammonta a 71 miliardi di euro. L’ANCI oggi a Roma per ottenere lo sblocco dei pagamenti.

sindaco in cateneLa protesta dei Sindaci, organizzata oggi a Roma dall’ANCI, è giusta e doverosa: il patto di stabilità, che il Sindaco di Firenze aveva giustamente ribattezzato “patto di stupidità”, sta infatti diventando un’insopportabile zavorra per gli Enti locali che, pur avendo i soldi in cassa, non possono usarli per pagare i fornitori e le imprese.

Nato nel 1999 per garantire il contenimento della spesa pubblica nell’ottica dei parametri di Maastricht, nel corso degli anni il patto di stabilità ha visto cambiare la sua applicazione, diventata sempre più restrittiva: il Governo ha infatti scaricato tutti i vincoli più odiosi e limitativi su Regioni, Comuni e Province, nonostante il 93% del debito pubblico sia prodotto dallo Stato centrale e solo il 7% dagli Enti locali.

Tra l’altro il Patto grava indistintamente su tutti i Comuni, quelli virtuosi con i bilanci in ordine, e quelli in dissesto finanziario, senza alcun criterio di merito, in nome del rigore ad ogni costo.

Prosegui la lettura…

Auguri di Buone Feste

I miei migliori auguri di Buone Feste

Non mi candido alle Primarie

img_DZ_aulaCarissimi Amici,

alcuni di Voi mi hanno chiesto le ragioni di una mia non disponibilità a candidarmi alle primarie per l’individuazione dei parlamentari, come del resto avevo già anticipato ad inizio settembre al Carlino.

RingraziandoVi per la stima, ho ritenuto di non chiedere la deroga (passaggio che dovranno fare, se vorranno candidarsi, i parlamentari europei, i sindaci dei Comuni con più di 5.000 abitanti, i presidenti di provincia e regione, gli assessori e i consiglieri regionali in carica) per due ragioni.

La prima: ritengo doveroso completare il mandato qui in Regione, dove sono stato eletto 2 anni e mezzo fa, anche grazie al sostegno di tanti di voi.

La seconda: avendo sostenuto convintamente la necessità di un ricambio, anche generazionale, ritengo coerente, da parte mia, favorire tale percorso.

Prosegui la lettura…

No Slot. Firma anche tu la petizione di VITA.it

Mobilitiamoci tutti per mettere un freno a un fenomeno che sta mettendo in ginocchio milioni di persone e migliaia di famiglie.

In una società sempre più segnata da precarietà e incertezze, il gioco d’azzardo di massa rappresenta un moltiplicatore dello stato di crisi e, al tempo stesso, trasforma un problema sociale e economico in un dilemma dal quale difficilmente si può uscire senza assumere una posizione chiara e decisa.

Il portale no profit VITA.it, attraverso il “Manifesto No Slot”, propone di prendere posizione, trasformando in proposta il disagio di tutti dinanzi a un fenomeno che ha assunto proporzioni inaudite.

Sono, infatti, circa 35 milioni gli italiani dediti al gioco; e di questi circa 2 milioni sono giocatori “patologici”.

Un fenomeno che sta assumendo proporzioni allarmanti anche in Emilia-Romagna, dove si giocano circa 7 miliardi di euro l’anno, pari a quanto la Regione investe nell’intero sistema sanitario regionale per curare tutte le patologie.

Prosegui la lettura…

Non basta vincere, Adesso! bisogna cambiare

Matteo Renzi a Cesena“È stato un privilegio per me accompagnare la vostra speranza, fare questo tratto di strada insieme. Non siamo riusciti a cambiare la politica. Adesso sarà meraviglioso dimostrare che la politica non riuscirà a cambiare noi. Abbiamo dalla nostra parte l’entusiasmo, il tempo e la libertà. Ho ricevuto più di quanto ho dato. Vi ringrazio e vi abbraccio” (dal concession speech di Matteo Renzi, domenica 2 dicembre 2012).

È stata una bella sfida, che ha fatto bene al centrosinistra e al nostro Paese.

Quando sembrava che l’unico spazio fosse oramai quello dell’antipolitica, abbiamo dimostrato che se la parola torna ai cittadini, perché i partiti danno loro la possibilità di esprimersi, partecipare e decidere, l’antipolitica tace, o è costretta ad inseguire.

Matteo Renzi ha perso le Primarie, ma la sua battaglia non è stata vana. Ha dimostrato con coraggio, concretezza e chiarezza (abbandonando il politichese!) che c’è un grande bisogno di idee e facce nuove.

Prosegui la lettura…

Economia civile e responsabilità sociale d’impresa, per un nuovo modello di sviluppo

È in approvazione in questi giorni il Programma regionale delle attività produttive 2012-2015 che mette a disposizione 180 milioni di euro per la realizzazione di un nuovo percorso di sviluppo economico e territoriale.

L’obiettivo è collocare la nostra Regione all’interno della strategia di Europa 2020 dando piena attuazione al “Patto per la crescita intelligente, sostenibile e inclusiva” sottoscritto, dall’intera società regionale, promuovendo un sistema dinamico, aperto e competitivo fondato sull’uso più efficiente delle risorse, sulla circolazione di conoscenza, creatività e innovazione, per assicurare nuova occupazione e qualità del lavoro.

Durante la discussione in Commissione assembleare, assieme ad altri colleghi, ho insistito sulla necessità di valorizzare maggiormente, all’interno del Programma, il tema della responsabilità sociale d’impresa (RSI), come cardine del nuovo modello di sviluppo. Valutazioni accolte da un emendamento dell’Assessore Muzzarelli che afferma testualmente la necessità di sostenere “il principio e la prassi della responsabilità sociale d’impresa, la quale non è da considerare solo come un obiettivo specifico di un pur importante programma operativo, ma è una condizione essenziale per lo sviluppo di un’economia sana e innovativa”.

Prosegui la lettura…