Cambiare o morire: la Grecia e la crisi dell’Eurozona

8399136274_d75761132a_zMi sembra grave che il negoziato con il governo greco sia sfociato in questo stato di fibrillazione. Non si sarebbe dovuti arrivare a questo punto. Credo che ora ciascuno debba prendersi la sua parte di responsabilità.

Nessuno può togliere ai governi che si sono succeduti in Grecia le loro colpe, ma se c’è qualcuno che ne esce con le ossa rotte è il quadro stesso della governance dell’Eurozona, che si rivela una volta di più inadeguato ai suoi compiti. Anche l’Europa deve fare un esame di coscienza.

Mi sembra che si stia riproponendo lo stesso paradosso a cui abbiamo assistito in occasione dell’ultimo vertice sul problema dei profughi. In quel caso abbiamo visto i governi azzuffarsi per 40.000 persone da collocare in Europa (una cifra ridicola se comparata, da un lato, agli abitanti dell’UE, e dall’altro alla massa di disperati che dall’Africa subsahariana preme per attraversare il Mediterraneo); oggi vediamo l’UE in stallo su un problema che, da un punto di vista finanziario, non dovrebbe creare nessun panico: stiamo parlando di uno Stato, la Grecia, il cui Pil ammonta a una frazione minima di quello comunitario. L’UE non dovrebbe avere difficoltà a gestirlo, dimostrando quella solidarietà nella responsabilità che è il suo stesso DNA.

Indipendentemente dagli esiti del referendum greco, dovremo chiederci che cosa non va nella capacità di governo dell’Eurozona. Io penso che all’euro manchi un governo efficiente e democraticamente legittimato: quello che, per intenderci, ha permesso in diverse occasioni agli Stati Uniti di gestire senza drammi situazioni più gravi, come il default della California. Quello che serve all’Europa è una vera unione fiscale: un bilancio per la zona euro, finanziato con risorse proprie. Con questo strumento sarebbe possibile varare un grande piano di investimenti europei per rilanciare lo sviluppo in Grecia e nel resto del continente. È un peccato che il Rapporto dei 5 presidenti sulla riforma dell’Eurozona si limiti – come ha giustamente detto Renzi – a prospettare una semplice “manutenzione dell’esistente”. La strada per superare sfide come quella greca è l’integrazione fiscale e politica.

E questo vuol dire che bisognerà rimettere mano ai Trattati.

Damiano Zoffoli

Partito Socialista Europeo: cambiare e guardare al futuro

Party_of_European_Socialists-horzIl Partito Socialista Europeo è a una fase di svolta, e il congresso che inizierà domani a Budapest è un’ottima occasione per riflettere. Anche in Europa è il momento di “cambiare verso”.

Non possiamo più essere un partito che guarda al passato, come a volte purtroppo ci capita, ma dobbiamo aprirci al futuro.

Serve una riflessione sul nostro modo di essere partito, sulla necessità di aprirci ad altri mondi sociali che non sono espressione diretta della tradizione socialista ma che incarnano in pieno i valori sociali, civili e morali che devono guidare la nostra storia politica, come è avvenuto in Italia, con la nascita del Partito Democratico, che ha saputo fondere diverse tradizioni politiche in un soggetto unico che riunisce oggi la maggioranza degli italiani.

Proprio per questo penso che il rinnovamento del Partito Socialista Europeo debba partire da un cambio del nome del Partito, che non è una pura formalità ma un atto di sostanza, un segno di costruzione di nuovo modo di intendere la politica, al passo coi tempi, così come è avvenuto al Parlamento Europeo con la costituzione del gruppo S&D.

Movimento Federalista Europeo

_DSC0035 - CopiaProprio nei giorni scorsi, proprio in quei giorni in cui si è palesata ancora una volta la difficoltà dell’Unione Europea di essere davvero unita nelle sfide che deve affrontare (mi riferisco alle migliaia di migranti che non siamo riusciti a salvare nel Mediterraneo) ho deciso di iscrivermi al Movimento Federalista Europeo.

Il MFE  non è né un partito (non partecipa infatti alle elezioni), ma un gruppo di persone, politici e non, che hanno a cuore l’unità dell’Europa, la creazione appunto di una Federazione di Stati Uniti d’Europa, prendendo come base gli scritti di Altiero Spinelli (in particolare il Manifesto di Ventotene del 1941.

Davanti a tragedie come quella dei morti nel Mediterraneo, davanti a crisi economiche come quella che stiamo attraversando da anni ormai, davanti ad una società che sta diventando sempre più globalizzata e nella quale gli stati nazionali da soli non riescono più ad affrontare le sfide che vengono poste, serve molta più Europa, e non meno Europa, come alcuni vorrebbero.

Proprio per questo, la mia adesione al Movimento Federalista Europeo conferma una scelta che prima di tutto per me è politica e che mi impegnerò a perseguire.

Qui trovate il sito ufficiale del MFE.

Qui lo statuto.

Sinergia e collaborazione in Romagna, verso l’area vasta.

11173408_10206056404396855_2107475940485531285_nSi è svolto questa mattina a Faenza un primo incontro tra i sindaci dei quattro comuni capoluogo e i presidenti della provincia, i segretari delle Federazioni romagnole (Cesena, Forlì, Ravenna e Rimini) del Partito democratico, consiglieri regionali, parlamentari, senatori e l’europarlamentare Pd eletto in Romagna.

Obiettivo lavorare insieme per costruire una maggiore sinergia romagnola, anche in vista dei prossimi appuntamenti che riguarderanno il territorio: il Congresso regionale del Pd, sul piano politico; la legge sul riordino istituzionale che la Regione Emilia-Romagna si appresta a votare entro il mese di maggio, dal punto di vista istituzionale e amministrativo.

“Il nuovo assetto che emerge dalle riforme costituzionali e istituzionali in corso, in particolare dalla riforma del Titolo V – spiegano gli eletti – rappresenta una grande occasione da cogliere. Una opportunità per la nostra Regione e i nostri territori, per proseguire e accelerare quel processo di autoriforma del sistema politico-istituzionale avviato in questi anni, teso ad allargare gli spazi di partecipazione democratica e di autogoverno, a rendere più efficienti le istituzioni democratiche e più efficace la loro azione di governo, valorizzando e mettendo in risalto tutte le positive esperienze condotte fino a qui”.

Prosegui la lettura…

A Cesena al fianco del Movimento federalista europeo

Il Movimento Federalista Europeo di Cesena riprende l'attivitàSabato pomeriggio, a Cesena, il Movimento Federalista Europeo (MFE) ha visto ripartire ufficialmente la sua sezione locale dopo qualche anno di stop. Si è trattato della mia prima uscita pubblica sul territorio in veste di parlamentare europeo e, lo ammetto, mi son sentito a casa. Gli incontri del Mfe di Cesena, infatti, sono ospitati dagli amici dall’associazione Benigno Zaccagnini, in cui opero da sempre. Ma la condivisione di valori con il Movimento federalista non è certo minore: bisogna far sì che nasca al più presto un’Unione politica, dei veri Stati Uniti d’Europa. L’ho affermato in campagna elettorale, firmando il manifesto d’impegno che il Mfe proponeva ai candidati, e lo ribadisco oggi con convinzione ancora maggiore. L’Unione monetaria, pur importante, è zoppa senza una vera Unione politica del vecchio continente.

Un grande in bocca al lupo, dunque, agli amici del Movimento federalista europeo di Cesena, al segretario Laura Maria Moretti, al presidente Alessandro Pilotti e al segretario regionale Michele Ballerin.

Padre Sorge a Cesena nel 25esimo anniversario di Zaccagnini

Sorge-CesenaMercoledì sera a Cesena si ricorda il 25esimo anniversario della scomparsa di Benigno Zaccagnini. Persona impegnata, politico retto, medico e partigiano, Zaccagnini ha ispirato e spinto al servizio della comunità un’intera generazione.

L’incontro, in programma mercoledì 5 novembre a Palazzo Ghini di Cesena (in Corso Sozzi), è organizzato dall’Associazione Zaccagnini che ha invitato, per l’occasione, padre Bartolomeo Sorge (gesuita, teologo e politologo, già direttore di Civiltà Cattolica, Popoli e Aggiornamenti sociali) e Pierluigi Castagnetti.

Il primo parlerà del volto cristiano della politica, mentre il secondo ricorderà Zaccagnini come uomo e politico retto e giusto.

Un ricordo quanto mai attuale quello di Zac, che ci spinge a riflettere su quello la politica può e deve essere:  uno strumento al servizio del bene comune, ma anche uno sguardo sul futuro, capace di delineare solide prospettive per i nostri giovani e ridare speranza alle nostre comunità.

Renzi: “nostra sfida è restituire all’Italia l’unica cosa che le manca, la fiducia in se stessa”

Il video dell’intervento di chiusura di Matteo Renzi alla Leopolda5, domenica 26 ottobre 2014.

Competenza ed entusiasmo per l’Emilia-Romagna dei prossimi anni

Bandiere Partito DemocraticoSi è completata, nei giorni scorsi, la cinquina di candidati del Partito Democratico in corsa nella provincia di Forlì-Cesena per prossime le elezioni regionali (urne aperte domenica 23 novembre).

Si tratta di tre candidati designati dal Pd del territorio cesenate (Enzo Baldazzi, Lia Montalti, Daniele Zoffoli) e due dal Pd del forlivese (Valentina Ravaioli e Paolo Zoffoli).

Nel comprensorio cesenate (il territorio del consigliere uscente Damiano Zoffoli) corrono due uomini e una donna. Enzo Baldazzi (52 anni) è stato sindaco di Sogliano al Rubicone per due mandati. Lia Montalti, 35 anni, è stata riconfermata nel maggio scorso assessore del Comune di Cesena nella giunta di Paolo Lucchi. Daniele Zoffoli, 57 anni, è stato presidente dell’ultimo Consiglio provinciale di Forlì-Cesena e, prima ancora, segretario territoriale del Pd cesenate e sindaco di Gambettola.

Prosegui la lettura…

Il Presidente lo scegli tu!

PD ER__logo_primaire centrosinistra_2014

Domenica 28 settembre si svolgeranno le primarie per l’elezione del candidato del centrosinistra alla Presidenza della Regione Emilia-Romagna. I seggi saranno aperti dalle ore 8.00 alle ore 20.00. Possono votare tutti, dai 16 anni in su, versando un contributo di 2 euro per le spese organizzative.

Ho sostenuto convintamente e in prima linea la candidatura di Matteo Richetti. Dopo il suo ritiro, personalmente, per ragioni di coerenza e credibilità, ho deciso di non aderire a nessun comitato a sostegno degli altri candidati. Per come sono fatto (forse male), mi è difficile, in pochi giorni, riconvertire ragioni ed entusiasmi.

Ovviamente andrò a votare alle primarie, anche per continuare a sostenere, dall’Emilia-Romagna, lo sforzo di cambiamento del nostro Premier e Segretario Matteo Renzi, come lui stesso ha ben illustrato nella lettera che ci ha inviato nei giorni scorsi.

Prosegui la lettura…

Noi siamo qui per cambiare l’Italia

La lettera di Matteo Renzi a tutte le iscritte e gli iscritti al Partito democratico.

Direzione Nazionale

Carissime democratiche, carissimi democratici,

mentre volgono al termine le tante Feste dell’Unità svoltesi in tutta Italia, invio questa email innanzitutto per ringraziarvi dell’impegno sul territorio, della passione, della dedizione con cui state aiutando il Pd in queste ore così delicate.

Già, perché il risultato del 25 maggio – con quello squillante 40,8% – impone a tutti noi di essere all’altezza di una grande responsabilità: ridare fiducia all’Italia e agli italiani. Tocca a noi, nessuno si senta escluso.

L’Italia sta cambiando molto. Dalle riforme istituzionali e costituzionali fino alla giustizia, passando per il terzo settore e la politica estera, dove il successo della nomina di Federica Mogherini costituisce un motivo di orgoglio e speranza per ciascuno di noi. In questi mesi stiamo lavorando moltissimo. E ormai siamo al momento finale di discussioni che pure erano state bloccate per anni come quella su una legge elettorale in grado di assicurare un vincitore certo o la riforma costituzionale che sono già alla seconda lettura e che dovranno essere affrontate senza indugio dal parlamento in queste settimane. Perché se la politica cambia se stessa e dà il buon esempio, poi, tutto è più semplice.

Prosegui la lettura…