Matteo Richetti a Cesenatico – VIDEO

Il video della tappa cesenaticense di Matteo Richetti, candidato presidente della Regione Emilia-Romagna alle primarie regionali del centro-sinistra del 28 settembre.
Il comitato cesenate a sostegno della candidatura di Richetti si è costituito sabato scorso al bagno Matteo di Cesenatico.

Nessuna occasione vada perduta: cambiare è un imperativo

Matteo Richetti candidato alle Primarie per la Presidenza dell’Emilia-Romagna: #vincelasperanza.

Matteo Richetti

Sostengo con convinzione la candidatura di Matteo Richetti alle primarie, perché è la persona giusta: ha dalla sua il tempo, l’entusiasmo e la libertà per aprire un nuovo ciclo di sviluppo in Emilia-Romagna, in linea con lo sforzo dell’altro Matteo nazionale.
Anche nella nostra Regione è necessario innovare profondamente, nel rispetto della tradizione.
“Niente deve andare perduto”: è un’occasione unica per chi ancora crede nella funzione e nel ruolo della politica.
Facciamo vincere la speranza: buon lavoro a noi tutti!
Damiano Zoffoli

 

matteorichetti.it – Abbiamo deciso. Ci candidiamo a guidare la nostra Regione per i prossimi 5 anni. Sarà una scommessa con un filo conduttore: nessuna occasione deve andare perduta. Sì, ma non sarà una campagna sul contrasto allo spreco materiale, sarà un progetto preciso per fare dell’Emilia-Romagna la terra delle opportunità. Perché ciò che ci deve far paura di questo tempo è ciò che rischiamo di perdere. Un’idea, un desiderio, la voglia di investire, la voglia di aiutare. Niente deve andare perduto. Perché se l’Emilia-Romagna è quello che è, lo si deve a chi non ha rinunciato a dare forma ai propri sogni, a realizzare le proprie idee, a inventare, ad intraprendere.

Prosegui la lettura…

Il sottosegretario Bobba a Cesena per la riforma del terzo settore

Luigi BobbaUna corsia preferenziale per il terzo settore, una riforma con provvedimenti attesi da tempo dal mondo del volontariato e delle imprese sociali. È quella varata dal Governo giovedì scorso con un disegno di legge delega: “In questo modo – commenta il consigliere regionale Damiano Zoffoli – grazie alla determinazione del Governo Renzi, il terzo settore diventa il primo”.

I cesenati avranno la possibilità di approfondire dal vivo i contenuti della riforma lunedì 14 luglio alle 21, alla Festa democratica di Sant’Egidio (piazzale Berlinguer), in un dibattito con uno dei padri del provvedimento: Luigi Bobba, sottosegretario al Lavoro e alle Politiche sociali con delega per il terzo settore, deputato del Partito democratico, già presidente nazionale delle Acli.
Dai “bond solidarietà” alla stabilizzazione del 5 per mille, dal nuovo servizio civile (che porterà i giovani ad operare anche all’estero) alla nuova impresa sociale, fino all’obbligo di trasparenza delle associazioni, i temi sotto i riflettori saranno davvero tanti.

Prosegui la lettura…

La riforma del Terzo settore secondo il Governo Renzi

Lunedì 14 luglio sarà a Cesena il Sottosegretario al Lavoro e alle Politiche sociali, Luigi Bobba.

“LA RIFORMA DEL TERZO SETTORE SECONDO IL GOVERNO RENZI”“Esiste un’Italia generosa e laboriosa che tutti i giorni opera silenziosamente per migliorare la qualità della vita delle persone. È l’Italia del volontariato, della cooperazione sociale, dell’associazionismo no-profit, delle fondazioni e delle imprese sociali. Lo chiamano terzo settore, ma in realtà è il primo. Un settore che si colloca tra lo Stato e il mercato, tra la finanza e l’etica, tra l’impresa e la cooperazione, tra l’economia e l’ecologia, che dà forma e sostanza ai principi costituzionali della solidarietà e della sussidiarietà. E che alimenta quei beni relazionali che, soprattutto nei momenti di crisi, sostengono la coesione sociale e contrastano le tendenze verso la frammentazione e disgregazione del senso di appartenenza alla comunità nazionale”.

È questo l’incipit delle Linee guida per una riforma del Terzo settore, predisposte dal Governo Renzi, che saranno oggetto di un confronto alla Festa democratica di Cesena, che si svolge dal 4 al 20 luglio al Parco giochi Frutipapalina di Sant’Egidio.

L’appuntamento è per lunedì 14 luglio, alle 21, nell’area dibattiti della Festa, assieme all’on. Luigi Bobba, deputato del Partito democratico e Sottosegretario al Lavoro e alle Politiche sociali, già Presidente nazionale delle Acli.

Prosegui la lettura…

40,8%: un mandato forte per continuare a cambiare l’Italia e chiedere all’Europa di cambiare

40,8% Adesso tocca a noi #italiariparte

Il 40,8% degli elettori, alle elezioni Europee, ha scelto il Partito democratico.

11.172.861 voti: +3.183.262 rispetto alle Europee del 2009 (le elezioni con cui è più corretto, almeno dal punto di vista metodologico, fare una comparazione), ma anche +2.513.716 rispetto alle Politiche del 2013 (che è forse il dato più interessante: nonostante si sia registrata una contrazione della partecipazione al voto, il Pd ha raccolto un numero molto maggiore di consensi, sia in termini percentuali, che in valore assoluto).

È il risultato più importante che un partito raccoglie dai tempi di De Gasperi, un record storico: il partito guidato dal Presidente del Consiglio dei ministri è il primo in tutte le regioni ed è in testa in tutte le province italiane, tranne tre (Bolzano, Isernia e Sondrio).

È “un voto dagli italiani per l’Italia”, come lo ha definito Alfredo Reichlin sull’Unità, parlando di “partito della nazione”. Il Partito democratico diventa così la prima forza politica tra i progressisti UE, l’azionista di maggioranza del nuovo PSE. Ma non solo. Il Pd di Renzi è anche in assoluto il primo partito nel nuovo parlamento di Bruxelles: la Cdu di Angela Merkel ha infatti eletto 29 deputati, contro i nostri 31.

Prosegui la lettura…

“Contento che Renzi sia contagioso”

“Ogni tanto mi scappa: l’avevo detto io…”

Con Matteo RenziLa VOCE di Romagna – mercoledì 28 maggio 2014.

Per Damiano Zoffoli la porta non è chiusa completamente. “Sono il primo dei non eletti – ha spiegato al telefono, forte delle sue quasi 53 mila preferenze – ma al dopo, se verrà, non ci sto proprio pensando. Se qualcuno rinuncerà al suo incarico (si parla di De Castro pronto a diventare Commissario dell’Agricoltura, ndr) andrò a Bruxelles; altrimenti mi calerò in nuove sfide. L’importante è stare in movimento, mettersi in gioco. Ho dato il massimo e voglio ringraziare tutti”.

“L’aspetto più bello di questa avventura – ha continuato – è aver avuto la dimostrazione di come, fuori dai confini locali, la Romagna serva come ottimo biglietto da visita. Quando in giro per la mia campagna elettorale mi trovavo in Veneto, in Friuli, appena parlavo con il mio marcato accento romagnolo, riscuotevo subito simpatia. E questo è un gran bel segnale per il nostro territorio”.

Renziano della primissima ora, Damiano Zoffoli, era uno dei pochi politici del Pd presente a Cesena quando, anni fa, l’attuale presidente del consiglio fu ospite della città. Non c’erano altre figure istituzionali del Pd a riceverlo, non c’era nemmeno il sindaco a stringergli la mano. Ma si sa… erano altri tempi.

Prosegui la lettura…

52mila volte grazie!

Coraggio, umiltà e determinazione per #cambiareverso all'Europa52.282 persone mi hanno dimostrato la loro fiducia, scrivendo il mio cognome sulla scheda. Li voglio ringraziare uno per uno.

Per pochi voti di scarto sono risultato il primo dei non eletti.

Mi dispiace, ma ce l’ho messa tutta, anche considerando il tempo e le risorse a disposizione.

Un particolare Grazie alla mia Romagna che mi ha sostenuto con tanto calore!

Con la straordinaria vittoria del Pd di Matteo Renzi è possibile riprendere a sperare in un domani migliore per tutti.

Un abbraccio,
Damiano

Appello al voto… on the road

Matteo Renzi sceglie Cesena per incontrare i cittadini della Romagna

Matteo Renzi a Cesena il 16-05-2014Matteo Renzi sceglie Cesena per incontrare i cittadini della Romagna. Il Presidente del Consiglio ha infatti confermato il suo arrivo a Cesena alle ore 21 di venerdì 16 maggio. Questa volta come Presidente del Consiglio dei ministri e segretario nazionale del Pd.

Nel 2011 e nel 2012, da sindaco di Firenze, riempì il teatro Verdi e il teatro Bonci di cittadini che vedevano in lui una speranza di cambiamento: “Una speranza che non è venuta meno ed è attualissima – commenta Damiano Zoffoli – se si pensa che il suo Governo ha avviato nel giro di pochissimo tempo una serie di riforme per “cambiare verso” all’Italia. Alcune, come il rimborso Irpef da 80 euro, si potranno toccare con mano nel giro di poche settimane. Altre, toccando l’architettura delle istituzioni, avranno un iter più lungo. In tutti i casi, però, si tratta di temi troppo a lungo procrastinati in passato, che il Governo Renzi, consapevole dell’urgenza, ha subito affrontato di petto”.

L’appuntamento per tutti i cesenati ed i romagnoli è in Piazza del Popolo dove, ad accoglierlo, troverà anche il candidato sindaco di Cesena della coalizione di centrosinistra Paolo Lucchi ed il candidato romagnolo PD al Parlamento Europeo Damiano Zoffoli.

“Siamo, naturalmente, molto soddisfatti della scelta di Renzi – dichiara Fabrizio Landi, segretario della federazione cesenate del Partito Democratico – e consapevoli dell’importanza di questa visita che, ancora una volta, pone Cesena al centro della Romagna. Siamo certi che l’evento costituirà per tutto il territorio un’occasione di grande importanza per ascoltare direttamente dal segretario del nostro partito quali motivazioni e quali tempi stiano guidando le scelte che porteranno il nostro Paese fuori dalla crisi economica e sociale che ci sta attanagliando. I cesenati accoglieranno Matteo Renzi con l’entusiasmo e la forza che da sempre ci caratterizza”.

“Questa tappa – gli fa eco Zoffoli – è un segno importante di attenzione per Cesena e per la Romagna e un’opportunità per il nostro territorio. Venerdì sera sarò in piazza del Popolo con Renzi e con i candidati sindaco del Pd cesenate alle prossime elezioni amministrative. Stretti non solo attorno a un premier, ma al segretario di un Partito Democratico in grado di mettere in moto le migliori energie di cambiamento presenti nella società, per far avanzare i nostri Comuni, rialzare l’Italia e cambiare verso all’Europa”.

E’ possibile scaricare il volantino dell’evento QUI.

Il commercio equo e solidale per un’economia a misura di persona

Ho aderito alla Campagna internazionale “#VOTE4FT – Vote for Fair Trade

#VOTE4FT - Vote for Fair Trade - Zoffoli firma a CesenaUn commercio diverso e più equo per una società diversa e più solidale. Chi si impegna, o semplicemente chi acquista, nelle “botteghe del mondo” contribuisce al cambiamento giorno per giorno.

Si tratta di un tema che, non da oggi, mi è caro: nel 2009 sono stato tra i promotori della legge regionale di sostegno al settore che, tra le altre cose, stanzia annualmente risorse per le Giornate del commercio equo e solidale e contributi in conto capitale per l’apertura e ristrutturazione delle sedi delle Botteghe, l’acquisizione di attrezzature e beni strumentali.

Se ho sempre perorato la causa dell’economia solidale, è perché sono convinto che il calcolo del Pil, incentrato sulla produzione di ricchezza, ignori i costi sociali e ambientali dello sviluppo economico. Quando la politica cerca soluzioni per un’economia più giusta, non deve limitarsi a provvedimenti di redistribuzione della ricchezza, bensì agire per coniugare lo sviluppo e il rispetto dell’ambiente, la tutela della dignità del lavoro e della persona, per riorganizzare tutto il sistema economico in virtù dei bisogni reali della società e delle risorse disponibili. In questo percorso per una società più giusta, il ruolo del commercio equo e solidale è una componente decisiva.

Prosegui la lettura…