Mi impegno per gli Stati Uniti d’Europa

Manifestazione per gli Stati Uniti d'EuropaUn’Europa che metta al primo posto i suoi cittadini, tutti, non gli egoismi dei diversi Stati nazionali. Dei veri Stati Uniti d’Europa, auspicati sin dal 1941 da Altiero Spinelli e Ernesto Rossi (autori del cosiddetto “Manifesto di Ventotene”). Più Europa dunque, ma un’Europa diversa da quella che conosciamo oggi. Il Movimento federalista europeo (Mfe) si batte da anni per questo obiettivo.

Condividendo la loro battaglia, la settimana scorsa ho firmato a Forlì la dichiarazione d’impegno che il Mfe propone ai candidati. Mi impegno, dunque, a sostenere l’elaborazione da parte del Parlamento europeo di un progetto di revisione dei trattati europei che abbia come obiettivi la creazione di un’unione fiscale ed economica (per completare l’unione monetaria), un quadro istituzionale federale, una convenzione costituente per redigere una Costituzione federale europea.

Sono convinto che solo con la costruzione degli Stati Uniti d’Europa (dotati di un governo efficace e democratico direttamente responsabile di fronte ai cittadini), gli europei potranno uscire dalla crisi più forti di prima. Da questo punto di vista il prossimo Parlamento Europeo dovrà essere il motore di questa azione federalista.

Oggi, più che mai, la visione di Spinelli e dei padri dell’Europa è attuale e necessaria. Definirli precursori è dire poco. Nell’ora più buia del ventesimo secolo, mentre l’Europa era dilaniata dalla guerra e le armate naziste sembravano inarrestabili, c’era chi metteva nero su bianco un progetto di unità europea fondato su pace, cooperazione, superamento degli Stati nazionali. Un progetto ovviamente clandestino, opera di oppositori del regime fascista confinati nell’isola di Ventotene (al largo di Latina): Spinelli, Ernesto Rossi e, di supporto, Eugenio Colorni. Si trattava del “Manifesto di Ventotene”, diffuso clandestinamente nel corso della Resistenza e pubblicato tre anni dopo la fine del conflitto, nel 1948, in un’Italia ormai repubblicana e con una Costituzione fresca di stampa.

Prosegui la lettura…

Trasparenza e pulizia per far “ripartire il futuro”

Leggi e provvedimenti puliti possono nascere solo da politici trasparenti e onesti. Per questo ho aderito, appena candidato alle Europee, alla campagna “Riparte il futuro” promossa dall’associazione Libera e dal Gruppo Abele.

Aderendo, mi sono impegnato formalmente per l’istituzione dell’intergruppo europeo contro la criminalità organizzata e la corruzione, attraverso il quale promuoverò gli impegni di Riparte il futuro. Ma, da subito, ho fatto qualcosa di concreto pubblicando sulla pagina di “Riparte il futuro” il mio curriculum e la situazione reddituale e patrimoniale, come richiesto dagli organizzatori. Si tratta di dati già presenti da tempo in questo sito (nella sezione trasparenza), che acquisteranno comunque maggiore visibilità rimanendo come pubblico monito per il mio impegno su questo fronte.

A causa della corruzione e della mancanza di trasparenza il nostro Paese brucia opportunità di crescita e di futuro (un dato della Corte dei Conti indica sommariamente in 60 miliardi di euro le risorse erose dalle casse dello Stato, a cui vanno poi sommati costi indiretti difficilmente quantificabili), soprattutto a svantaggio dei nostri giovani. C’è bisogno di cambiare verso, per ridare speranza. Il mio impegno in questo senso è e sarà totale.

Riparte il futuro è una campagna apartitica e trasversale che ha per obiettivo quello di contrastare il fenomeno della corruzione. Un virus che inquina la vita politica e sociale, genera i disservizi, penalizza il diritto e la meritocrazia, mina la fiducia nelle istituzioni, e disincentiva gli investimenti, in particolare quelli provenienti dall’estero. La corruzione è la tra le cause principali della disoccupazione, fra i problemi più urgenti che siamo tutti chiamati a risolvere.

Prosegui la lettura…

La “Z di Zoffoli” per cambiare verso all’Europa

Manifesto europee ZoffoliParte ufficialmente la mia campagna elettorale per il Parlamento europeo, candidato per il Partito Democratico nella circoscrizione nordorientale.

Per l’occasione questo sito, che da nove anni illustra con regolarità la mia attività politica e istituzionale, è stato rinnovato con l’aggiunta di una sezione dedicata alle imminenti consultazioni europee.

Questa candidatura all’Europarlamento, proposta unanimemente dal Pd romagnolo, si fonda sulla mia esperienza di amministratore locale, sindaco di Cesenatico prima e consigliere regionale dell’Emilia-Romagna poi, da sempre attento ai temi del territorio.

Per questo ho ripreso come elemento chiave della campagna elettorale la “Z rossa”, iniziale del mio cognome, già utilizzata nella corsa per il secondo mandato a sindaco di Cesenatico. Una lettera che richiama, ovviamente, il celebre segno di Zorro. Personaggio quanto mai attuale, dato che lottava dalla parte dei più deboli, per la giustizia, contro la tirannia dei potentati: la mission, dunque, di questa competizione europea. Una “Z rossa” abbinata, di volta in volta, ad una serie di concetti chiave: sburocratizzazione, spinta all’azione, lasciare il segno in Europa.

Al di là degli aspetti grafici, comunque, quello che mi preme è continuare il dialogo mai interrotto con i cittadini emiliani e romagnoli. Il nostro territorio ha il diritto e la necessità di essere rappresentato, per evitare che altri decidano per noi, privilegiando direttive e regolamenti burocratici che passano sopra la testa delle imprese, delle famiglie e dei nostri ragazzi.

Mi sono candidato per lavorare ad un’Europa della speranza, non solo dei vincoli, e delle opportunità. Ringrazio fin da ora tutti coloro che mi vorranno dare una mano (scrivetemi a damiano.zoffoli@gmail.com), per fare assieme questo percorso. Con coraggio, umiltà e determinazione.

I segretari provinciali del Pd romagnolo uniti: portare la Romagna in Europa con Damiano Zoffoli

Con i 4 segretari PD della RomagnaLa Romagna ha un suo candidato alle elezioni Europee del prossimo 25 maggio: è Damiano Zoffoli, presidente della Commissione “Territorio Ambiente Mobilità” dell’Emilia-Romagna, ed ex Sindaco di Cesenatico.

“La candidatura di Damiano Zoffoli – spiegano i segretari provinciali Valentina Ancarani, Michele De Pascale, Fabrizio Landi e Juri Magrini – è un’opportunità nuova per la nostra Romagna. Le sfide che abbiamo di fronte devono essere affrontate in una dimensione di area vasta: ce lo chiedono gli operatori del turismo, le piccole e medie imprese, le aziende agricole. La candidatura di Damiano, che conosciamo come una persona attenta al nostro territorio e un amministratore concreto, ci dà l’opportunità di fare un passo avanti in questa direzione. Avere un punto di riferimento a Bruxelles è oggi fondamentale per cogliere tutte le opportunità che l’Europa può mettere a disposizione delle nostre comunità locali, delle imprese e dei giovani”.

“Il nostro territorio – spiega Damiano Zoffoli – ha il diritto e la necessità di essere rappresentato in Europa, per evitare che altri decidano per noi, privilegiando direttive e regolamenti burocratici che passano sopra la testa delle imprese, delle nostre famiglie e dei giovani. Lavoriamo per un’Europa della speranza, non solo dei vincoli, e delle opportunità. La Romagna ha molto da dire, anche in Europa. Mi piacciono le sfide e sento che sono tanti i romagnoli disposti a condividere questo percorso con me”.

Coraggio, umiltà e determinazione per #cambiareverso all’Europa

Coraggio, umiltà e determinazione per #cambiareverso all'EuropaCiao a tutti!

Come forse sapete, sono candidato alle elezioni Europee del prossimo 25 maggio, per il Partito democratico, nella circoscrizione nord orientale (Emilia-Romagna, Veneto, Trentino Alto Adige e Friuli Venezia Giulia).

È un’assoluta novità, per me in primis!

È una cosa che non avevo programmato e pianificato. Di fronte alla richiesta di alcuni amici, e di tutto il Pd della Romagna, ho deciso di buttare il cuore oltre l’ostacolo, e mi sono messo in gioco, dando la mia disponibilità per provare, assieme, a cambiare verso all’Europa.

Mercoledì scorso la direzione nazionale ha approvato all’unanimità le liste (insieme a me, dalla nostra Regione, ci sono Caronna, Dall’Olio, De Castro, Kyenge e Schlein): ringrazio Matteo Renzi per la fiducia, che cercherò di ricambiare mettendoci il massimo dell’impegno.

E così sono partito, da qualche giorno, per questa sfida difficile, ma assolutamente non impossibile!

Turismo, infrastrutture, agricoltura, occupazione giovanile, tutela del nostro territorio e della montagna sono alcuni dei temi sui quali sento di poter dare un contributo, a partire dalla concretezza della mia esperienza amministrativa e dalla consapevolezza che molte delle sfide che abbiamo di fronte devono essere affrontate in una dimensione di area vasta.

Prosegui la lettura…

#laSvoltabuona: tutto Renzi, misura per misura

Dal taglio del cuneo al capitolo imprese, dai provvedimenti per casa, scuola e giovani alla legge delega per riorganizzare il mercato del lavoro, fino alla riforma del Senato e del Titolo V: i provvedimenti illustrati dal Presidente del Consiglio, e le relative coperture.

Consiglio dei Ministri n. 6«Cento giorni di lotta molto dura, per cambiare ad aprile la pubblica amministrazione, a maggio il fisco e a giugno la giustizia». Il nemico dichiarato è «chi dice che si è sempre fatto così». Ecco una sintesi del pacchetto di misure economiche e delle riforme istituzionali presentate da Matteo Renzi ieri pomeriggio, al termine del sesto Consiglio dei ministri da quando è Premier.

Il taglio del cuneo
Era la misura più attesa: 1.000 euro netti all’anno in busta paga (circa 80 euro in più al mese) per chi ne guadagna meno di 1.500 al mese. I destinatari del provvedimento sono «una platea di 10 milioni di persone», cioè coloro che guadagnano fino a 25mila euro lordi. Renzi li ha qualificati come «un po’ di ceto medio, non solo i meno abbienti» e ha inoltre annunciato che, dal 2015, la dichiarazione fiscale pre-compilata verrà inviata al domicilio dei contribuenti.

Prosegui la lettura…

“Scommetto su Matteo Renzi, vuole davvero cambiare le cose”

Damiano Zoffoli l’ha conosciuto prima che diventasse sindaco di Firenze, ed è stato renziano in tempi non sospetti.

Matteo Renzi a CesenaLA VOCE di Romagna – sabato 15 febbraio 2014.

Si conoscono da prima che Matteo Renzi diventasse sindaco di Firenze. Era presidente della Provincia, e Damiano Zoffoli, ex sindaco di Cesenatico, attuale consigliere regionale del Pd e renziano della prima ora (quando non andava ancora di moda…) – lo ricorda come un ragazzo in gamba. “È sempre stato molto determinato ed ero sicuro, già al tempo, che sarebbe arrivato lontano. Per me quello che è accaduto non è una sorpresa”. Per Zoffoli non sarà una sorpresa, ma tutto il mondo cesenate del centrosinistra si sta interrogando, tra il timore che anche Renzi, il “rottamatore sia come gli altri, tra fame di potere e inciuci vari, e la voglia, invece, che ci sappia sorprendere con effetti pirotecnici. “È giusto che la politica sia anche sfida, rischio – spiega Zoffoli – e lui ne è un esempio. Davanti a una posizione di stallo in cui, purtroppo, eravamo, la sua è stata una scelta di responsabilità”.

Ma non poteva aspettare di andare alle votazioni?
“Con cosa, con la legge elettorale vecchia? Anzi, penso proprio che l’accordo elettorale con Berlusconi, ottenuto in 3/4 giorni e poi vedere che in Parlamento si è tutto bloccato, impaludato, sia stata una delle molle che l’ha deciso a entrare in gioco direttamente. Ha capito che bisogna essere dentro agli ingranaggi per provare a cambiare veramente.

Prosegui la lettura…

Creare lavoro ripensando il lavoro

Jobs Act

Con la disoccupazione giovanile ai massimi dal 1977, l’Italia non può permettersi di perdere altro tempo sul fronte delle politiche per il lavoro. Di qui l’idea lanciata dal segretario nazionale Pd Matteo Renzi di un “Jobs Act”, un documento (già disponibile in bozza) aperto al confronto e alla discussione per stabilire regole semplici, ridurre la burocrazia, alleggerire le tasse sulle imprese, coinvolgere i lavoratori nei CdA delle aziende e creare nuovi posti di lavoro.

Un approfondimento sul Jobs Act è disponibile sul sito del Partito democratico.

Ecco, di seguito, una videoscheda che sintetizza le proposte di Matteo Renzi per rilanciare l’occupazione in Italia:

Prosegui la lettura…

Chi ostacola il gioco d’azzardo viene punito dallo Stato: vergogna!

L’emendamento approvato al Senato colpisce la prevenzione della diffusione del gioco d’azzardo, rendendo vano l’impegno profuso da Regione e Comuni. Il Governo non si sottragga dalle sue responsabilità e assuma subito un’iniziativa urgente.

Slot Machines

Ostacoli le slot machines nel tuo territorio? Lo Stato ti taglia i trasferimenti di denaro. La bastonata a chi lotta contro il gioco d’azzardo è arrivata ieri in Senato, con l’approvazione dell’emendamento (*) presentato dal Nuovo centrodestra al decreto “Salva Roma”. Il testo riguarda i Comuni o le Regioni che approvano norme restrittive contro il gioco d’azzardo, diminuendo così le entrate dell’erario. L’anno successivo, questi Enti subiranno tagli ai trasferimenti, che verranno interrotti solo quando le norme e i regolamenti scomodi verranno ritirati.

“L’emendamento approvato al Senato – affermano i Consiglieri regionali Damiano Zoffoli e Beppe Pagani, promotori della legge regionale contro l’azzardo approvata 5 mesi fa – è una vergogna. Se la disposizione non verrà modificata si vanificherà tutto il lavoro che si sta facendo, anche nel nostro territorio, per contrastare il diffondersi di questa piaga sociale che colpisce sempre più famiglie”.

Prosegui la lettura…

L’otto dicembre io voto perché le primarie sono aperte

Con Matteo Renzi possiamo cambiare verso all’Italia.

L'Emilia-Romagna cambia versoDomenica 8 dicembre, dalle ore 8 alle 20, si vota per scegliere il Segretario e l’Assemblea nazionale del Partito democratico.

Le Primarie sono aperte: possono votare tutti, non solo gli iscritti. Votare è semplice: basta recarsi al seggio (corrispondente alla propria sezione elettorale) allestito dai volontari con un documento di identità e versare 2 euro (come contributo per le spese organizzative; gli iscritti al Pd non hanno questo obbligo).

Naturalmente io andrò a votare, e spero saremo in tanti a farlo!

Prosegui la lettura…