Per Zoffoli esordio all’Europarlamento

La prima firma di Damiano Zoffoli nel registro delle presenze MEP a Bruxelles

Corriere ROMAGNA – giovedì 26 febbraio 2015.

Ieri mattina, con la firma per la prima volta del registro presenze, si sono aperte le porte dell’Europarlamento per Damiano Zoffoli, ex sindaco di Cesenatico e poi consigliere regionale.

Zoffoli, grazie alla sua posizione di primo dei non eletti nella Circoscrizione nord-est Italia (aveva conquistato oltre 52mila voti) è stato chiamato a prendere il posto di Alessandra Moretti, dopo che lei stessa aveva annunciato la decisione di lasciare lo scranno del Parlamento Europeo per dedicarsi alla corsa per la conquista della poltrona di governatrice della Regione Veneto.

Zoffoli ‘vola’ al Parlamento Europeo

E’ SUBENTRATO ALLA DIMISSIONARIA MORETTI

di Giacomo Mascellani

Z-europaDamiano Zoffoli ha la valigia in mano, destinazione Strasburgo e il Parlamento Europeo. A fargli spazio è Alessandra Moretti, candidata alla presidenza della Regione Veneto, che si è dimessa così dalla carica di europarlamentare. Zoffoli infatti è il primo dei non eletti nelle liste del Pd (52mila preferenze) nella circoscrizione nord-est e ora tocca a lui.

L’ex sindaco di Cesenatico prosegue così la sua carriera politica iniziata negli anni ’90 e che lo ha visto protagonista nella sua città dove è stato eletto primo cittadino nel 1997. Nel 2001 venne confermato al primo turno raccogliendo ampi consensi e divenne noto per la sua campagna elettorale con la Z’ di Zorro e di Zoffoli appunto. Nel 2005 è stato eletto consigliere regionale dell’Emilia Romagna incarico che ha mantenuto per due legislature sino al 2014 quando decise di candidarsi alle Europee. Raccolse 52mila preferenze ma per un pugno di voti non gli riuscì l’impresa che ora ha invece centrato subentrando ad Alessandra Moretti.

Zoffoli, 55 anni, cattolico e renziano, è un politico di sinistra che non ha mai rinnegato il suo passato di democristiano; il suo faro era ed è Zaccagnini.

CIRCOSCRIZIONE NORD-EST Era il primo dei non eletti del Pd «A Strasburgo punterò su pesca, turismo ed agroatimentare». Da Bagnarola (dove abita) a Strasburgo, con una valigia carica di tante cose da fare.

Parlando di questioni concrete punta su quattro temi legati al territorio romagnolo: «Penso al turismo che è un nostro punto di forza ma nel settore stiamo perdendo posizioni; c’è la direttiva Bolkestein sulle concessioni demaniali per la quale dobbiamo salvaguardare e valorizzare il modello turistico romagnolo. Penso all’agroalimentare, un altro nostro punto di eccellenza, che va difeso come made in Italy e non per ultimo la pesca dove non è giusto che le nostre piccole e medie imprese soffrano per leggi e regolamenti fatti sui parametri delle industrie».

Spiega anche dove cercherà di fare la differenza: «Ho sempre creduto nella necessità di innovare, lavoriamo insieme per la città metropolitana della Romagna. Sono l’unico romagnolo a Strasburgo e credo in una Unione Europea più vicina ai problemi dei cittadini».

In Europa occorre conoscere le lingue. «Dobbiamo sapere parlare e scrivere in almeno tre lingue: il dialetto, l’italiano e l’inglese. Nel dialetto sono forte, in italiano sono discreto mentre in inglese devo migliorare. Comunque anche in Europa dobbiamo difendere le nostre radici e sono d’accordo con Renzi: dobbiamo far vincere la speranza contro la paura».

Il Resto del Carlino – edizione di Cesena – venerdì 16 gennaio 2015, pagina 7

Nerio Alessandri è stato ospite di Matteo Renzi a Firenze

Sul palco, il Presidente e fondatore di Technogym, ha parlato del wellness: “Il petrolio che abbiamo sotto i piedi in Italia si chiama arte, design, cultura, tech e style”

LA VOCE di Romagna – giovedì 3 novembre 2011.

A qualche democratico cesenate non è parso vero di vedere il patron della Technogym salire sul palco dei rottamatori di Matteo Renzi. Probabilmente, Nerio Alessandri non figura nell’albo degli elettori storici del Pd. A livello locale non si è mai apertamente schierato né da una parte né dall’altra e non ha mai dato idea di essere interessato a scendere in politica. Ma ha destato parecchia sorpresa la partecipazione dell’imprenditore cesenate al “Big Bang”, l’evento organizzato dal sindaco di Firenze alla stazione Leopolda lo scorso fine settimana. Qualche pezzo grosso del Pd cesenate pare che, forse un po’ preoccupato, o forse solo curioso, abbia anche alzato il telefono per chiamare direttamente mister Technogym e capire cosa lo abbia spinto a intervenire alla kermesse fiorentina.

Prosegui la lettura…

“Allargare il perimetro del centrosinistra”

Damiano Zoffoli, Consigliere regionale del Pd, è tra i sostenitori di Matteo Renzi e lo scorso fine settimana ha partecipato al Big Bang a Firenze

LA VOCE di Romagna – giovedì 3 novembre 2011.

Zoffoli, che cos’ha reso differente questa iniziativa da qualsiasi altro appuntamento del Pd?
Una questione evidente è che Berlusconi è stato citato tre volte in tre giorni, durante 150 interventi. È il segno che, per noi, Berlusconi è il passato e guardiamo avanti.

Mi permetta, però il Cavaliere continua ad essere il primo ministro… Ma non lo volete mandare a casa?
Lo si manda a casa costruendo una fase nuova. Mettendo in campo idee nuove e uomini liberi. Il tema della società di oggi è che mancano uomini liberi. Serve libertà di azione, coraggio, concretezza e responsabilità. Io metterei al centro proprio la responsabilità, che vuol dire assumersi degli impegni e dare delle risposte a fronte di questi.

Prosegui la lettura…

Se la politica si accorge di noi…

Intervista a cura di Paolo Marani (vice Presidente Movimento Impatto Zero di Cesena), pubblicata sulla rivista A TUTTO GASgiugno/agosto 2011.

Damiano Zoffoli, 50 anni, laureato in medicina, dentista, marito felice, babbo di due figlie, romagnolo doc e politico, come lui ama definirsi, “terraterra”.
Gli abbiamo chiesto un’intervista in qualità di Presidente della III Commissione assembleare che si occupa di Territorio, Ambiente e Mobilità nella Regione Emilia-Romagna.
Attualmente sta lavorando al secondo triennio di attuazione del Piano Energetico Regionale. Negli ultimi mesi, a Cesena, ha promosso due cicli di incontri sulla buona politica e sulle buone pratiche a livello locale in cui si è parlato di finanza etica e microcredito, terzo settore e impresa sociale, green economy e nuova occupazione.

Prosegui la lettura…

Regione Romagna. Referendum, perché no?

Il Consigliere regionale Damiano Zoffoli non crede nella divisione territoriale fra Emilia e Romagna, ma è favorevole alla consultazione popolare

Che la Romagna sia un’unica realtà, geografica, economica e sociale, è un dato di fatto. La domanda che tanti romagnoli si pongono, da diverso tempo, è se questa realtà debba diventare una Regione autonoma oppure se, per il suo avvenire, sia meglio che resti unita all’Emilia nella Regione attuale.

Il referendum agognato
Una risposta potrebbero darla i cittadini romagnoli con un referendum, così come previsto dalla Costituzione. Il ricorso alle urne è stato però osteggiato negli anni scorsi a più riprese, tanto dalla Regione quanto dalle amministrazioni locali.

La Costituzione prevede che per la formazione di nuove Regioni (minimo un milione di abitanti) si proceda con Legge costituzionale a seguito di un referendum, richiesto da Consigli comunali che rappresentino almeno un terzo delle popolazioni interessate. E su questo fronte i fautori del referendum, salvo poche eccezioni, hanno trovato fino ad oggi bocciature, orecchie da mercante o addirittura le porte dei municipi sbattute in faccia.

Prosegui la lettura…

Ecco cos’è il modello forlivese

RomagnaOggi.it – 1 marzo 2011.

Un imbarazzato Luca Bartolini, che si era avventurato nel volere descrivere un “suo” modello Forlì per quanto riguarda l’Interruzione Volontaria di Gravidanza, da contrapporre a quanto viene fatto in altri territori della Regione e smentito prima da un collega del Consiglio Regionale e poi dal coordinatore della rinnovata Consulta delle famiglie di Forlì, non sa più che pesci pigliare e la mette, a corto di argomenti, sulla “difesa degli amici di partito”.

Credo che ai forlivesi stia più a cuore capire in cosa consista l’esperienza avviata a Forlì alcuni anni fa in materia di Interruzione volontaria di gravidanza, quali obiettivi si prefigge e che risultati abbia prodotto.

Prosegui la lettura…

Così funziona il modello forlivese di aiuto alle donne

il Resto del Carlino Forlì – giovedì 24 febbraio 2011.

La Consulta comunale delle associazioni familiari di Forlì, firmataria insieme al Comune e all’Azienda USL delProtocollo operativo per il miglioramento del percorso IVG (interruzione volontaria di gravidanza)” ritiene doveroso precisare il reale funzionamento del cosiddetto “Modello Forlì”, che è stato citato in maniera inesatta da Luca Bartolini, Consigliere regionale del Popolo della Libertà, nel presentare il progetto di legge regionale sui consultori.

In dettaglio:

Prosegui la lettura…

Idee nuove, cuori nuovi, scarpe vecchie

“Il Pd parli tre lingue: italiano, inglese e dialetto”.

La VOCE di Romagna – mercoledì 10 novembre 2010.

CESENA – Non gli piace essere bollato come un “rottamatore”. Non è “innamorato” del sindaco di Firenze, quel Matteo Renzi che, assieme ad altri giovani democratici, domenica scorsa ha dato vita ad una grande convention in riva all’Arno. Ma all’iniziativa “Prossima fermata Italia” ha partecipato e parlato dal palco. Il consigliere regionale Damiano Zoffoli, assieme ad un gruppo di cesenati, è stato a Firenze perché crede e vuole un “Partito Democratico coraggioso, aperto, capace di innovare, che affascina e che attrae”.

Nei 5 minuti che ha avuto a disposizione cosa ha detto?

La mia parola chiave è stata: ribelli per amore, anche oggi. E’ una frase dei partigiani cattolici che hanno fatto la Resistenza. Ribelli perché, a mio parere, davanti alla società di Lele Mora dobbiamo creare un’alternativa. Si sono separati i diritti dai doveri, le libertà dalle responsabilità, il guadagno dal lavoro e dalla produzione. Ci dobbiamo ribellare a questo modello e creare un’altra società che tenga uniti tutti questi punti.

E cosa farebbe per pensionare la società stile Lele Mora?

Quando dico Lele Mora, dico Berlusconi. Noi abbiamo chiaro che per cambiare bisogna proporre una strada credibile, concreta, fattibile. Ci sono tre questioni: le famiglie con figli, il lavoro e il destino dei precari, il tema della solidarietà. Si tratta di riformare lo stato sociale, di rendere più protagonista la società civile, di valorizzare il tema della cooperazione, del coinvolgimento. Si deve restituire protagonismo ai cittadini e riavvicinarli alla politica. Come centro sinistra dobbiamo riappropriarci di parole come libertà e sussidiarietà che la destra ci ha rubato.

A proposito di parole, ma non è che con questi discorsi poi la gente non riesce a seguirvi e a capirvi?

Il tema del linguaggio non è secondario. Io dico sempre che il Pd deve parlare tre lingue: l’italiano, avendo ben in mente che la Repubblica è una; l’inglese, perché dobbiamo essere un partito aperto al cambiamento e all’Europa; e il dialetto, la lingua della gente per stare vicino alla gente. Basta con il politichese. A Firenze si è parlato un linguaggio comprensibile e si sono utilizzati i nuovi strumenti di comunicazione, come Facebook, per ampliare la discussione.

Allora ce lo dica semplicemente, cosa serve a questo Pd?

Idee nuove, cuori nuovi, scarpe vecchie. Questo è il mio slogan. Coraggio, innovazione, passione civile e apertura agli altri, le scarpe vecchie indicano la capacità di stare sul territorio, di camminare con la gente.

E da Firenze che contributo arriva per il partito?

Chiariamo subito le cose, qui non si tratta mica di una corrente. A Firenze c’erano molte persone sconosciute alla politica, amministratori locali, cittadini da tutta Italia, senza una particolare settorialità. E non credo che questa energia vada messa in contrapposizione all’esperienza del Pd. Dico solo che i circoli democratici devono essere aperti a raccogliere questa realtà.

Ma anche lei che è stato sindaco di Cesenatico per due mandati ed è alla seconda legislatura in Regione si sente un rottamatore?

Rottamazione è una brutta parola, soprattutto se riferita alle persone. Per quanto riguarda me mi sono sempre misurato col consenso, ritengo perfetta la legge sui sindaci che non possono fare più di due mandati: dieci anni sono sufficienti per lavorare e dimostrare le proprie idee. Una delle proposte di Firenze è di applicare lo statuto del Pd: dopo tre mandati non è più possibile fare il parlamentare, dopo due il consigliere regionale e il sindaco.

Il Pd cesenate è stato piuttosto freddo rispetto alla manifestazione di Firenze e lo stesso sindaco Lucchi non ha condiviso le posizioni del collega Renzi. Come se lo spiega?

Ma no, il tema è quello di coinvolgere nel percorso politico e di mettere in moto tutte le energie di cambiamento che ci sono.

Maicol Mercuriali

"IDEE NUOVE, CUORI NUOVI, SCARPE VECCHIE"

Servono decisioni forti, a partire dall’area vasta della sanità

E Zoffoli si dichiara favorevole al referendum.

LA VOCE di Romagna – mercoledì 18 agosto 2010.

CESENA – C’è anche il nome del cesenaticense Damiano Zoffoli tra quelli indicati a bruciapelo per il ruolo di “presidente” o in alternativa “supersindaco” di una futura, chissà, Regione Romagna.

Nel corso delle interviste realizzate per La Voce dalla Facoltà di Scienze Statistiche dell’Università di Bologna (sede di Rimini) sulla voglia d’indipendenza dall’Emilia c’è chi per l’incarico di governatore ha suggerito, in piena libertà, proprio il consigliere regionale del Pd, noto paladino del nostro dialetto.

Una conferma indiretta, volendo, di come l’idea di autonomia abbia cominciato a conquistare terreno anche tra le fila del centrosinistra.

Ma Zoffoli, dopo un iniziale sorriso (“è un gioco?”), si dichiara piuttosto spaventato da tutto quello che è super: “Più che di super-eroi c’è bisogno di recuperare semplicità, umiltà e quella laboriosità che hanno fatto grande questa nostra terra, con il lavoro quotidiano” (“Piccoli ma concreti passi…” d’altronde è stato anche l’incipit della sua ultima campagna elettorale, ndr).

Come leggere allora questo crescente bisogno di autonomia? “Come voglia di un nuovo protagonismo. Capisco che possano pesare motivazioni economiche, che si possa pensare di poter avere più soldi da spendere. È un argomento importante certo, ma credo rischi di portarci fuori strada”.

E prima di andare avanti Zoffoli distingue: “Massimo rispetto per il Movimento per l’autonomia della Romagna che è stato il convinto promotore di questo dibattito. Ma c’è chi usa questa idea in maniera opportunistica, più che altro per accaparrarsi voti e sfuggire problemi veri. Non a caso se ne torna spesso a parlare alla vigilia di consultazioni elettorali”.

È vero che siamo in una fase caotica, di transizione. Una fase in cui si continuano a trasferire deleghe agli enti locali senza risorse. Ci ritroviamo a metà del guado. Bisogna spingere in avanti – sottolinea, quasi incita – Prendiamo l’area vasta della sanità. Al momento è una collaborazione, una sorta di coordinamento, con risultati ancora insoddisfacenti. È tempo di passare a scelte più forte, chiare e nette. Un’azienda sanitaria unica per la Romagna, perché no. Il rischio altrimenti è trascinare un percorso giusto come quello avviato senza portarlo a termine. Non ci resta molto tempo. Basti considerare gli ultimi tagli della Finanziaria. Certe scelte vanno fatte in questi prossimi anni”.

Non entra nel merito delle formule amministrative Zoffoli, ma una strada la traccia: “La sfida sta nella capacità di aprirsi al nuovo. Cominciando a riconoscere un valore alla sussidiarietà che io definisco circolare, facendo entrare nei processi decisionali quell’economia civile che rappresenta una grande ricchezza per il nostro territorio e che la politica finora non ha saputo coinvolgere. Altrimenti il rischio è che finiscano per parlarsi sempre le stesse persone”.

Pur non sfuggendo il fagile contagio dalla voglia di autonomia, Zoffoli si conferma nettamente a favore del referendum: “Certe decisioni spettano comunque ai cittadini, come previsto dalla Costituzione”.

Valeria De Tommaso

"SERVONO DECISIONI FORTI, A PARTIRE DALL'AREA VASTA DELLA SANITA'"