Free Asia Bibi

asia_bibi

Ho firmato con convinzione, insieme ad altri colleghi, l’appello al Presidente del Pakistan Mamnoon Hussain, perchè conceda la grazia ad Asia Bibi.

Asia Bibi è una ragazza cattolica, che nel 2010 è stata condannata a morte da un tribunale pakistano con l’accusa di blasfemia, per aver pronunciato alcune presunte frasi offensive nei confronti del Profeta Maometto; accuse che non hanno fondamenti ma che le sono costate il carcere e tutta una serie di violenze fisiche e psicologiche.

In questa lettera chiediamo che il Governo Pakistano rispetti i diritti umani di tutti i suoi abitanti, concedendo la grazia ad Asia Bibi e impedendo un’esecuzione che sarebbe un affronto  non solo alle minoranze religiose pakistane, ma alla libertà di parola e di culto di tutto il mondo.

Qui potete trovare il testo della lettera con le nostre firme: Lettera Mamnoon Hussain

Qui invece potete leggere una breve storia del caso di Asia Bibi.

 

Padre Sorge a Cesena nel 25esimo anniversario di Zaccagnini

Sorge-CesenaMercoledì sera a Cesena si ricorda il 25esimo anniversario della scomparsa di Benigno Zaccagnini. Persona impegnata, politico retto, medico e partigiano, Zaccagnini ha ispirato e spinto al servizio della comunità un’intera generazione.

L’incontro, in programma mercoledì 5 novembre a Palazzo Ghini di Cesena (in Corso Sozzi), è organizzato dall’Associazione Zaccagnini che ha invitato, per l’occasione, padre Bartolomeo Sorge (gesuita, teologo e politologo, già direttore di Civiltà Cattolica, Popoli e Aggiornamenti sociali) e Pierluigi Castagnetti.

Il primo parlerà del volto cristiano della politica, mentre il secondo ricorderà Zaccagnini come uomo e politico retto e giusto.

Un ricordo quanto mai attuale quello di Zac, che ci spinge a riflettere su quello la politica può e deve essere:  uno strumento al servizio del bene comune, ma anche uno sguardo sul futuro, capace di delineare solide prospettive per i nostri giovani e ridare speranza alle nostre comunità.

DON PEPPE DIANA – “Per amore del mio popolo non tacerò”

don Peppe DianaEsattamente vent’anni fa, il 19 marzo 1994, veniva ucciso don Giuseppe Diana, che per tutti era semplicemente don Peppe.

Come ogni mattina si accingeva a celebrare la Santa Messa nella sua parrocchia, a Casal di Principe, quando un killer gli si avvicinò all’improvviso, esplodendogli contro cinque colpi di pistola: don Peppe morì all’istante, a soli 36 anni, per mano della camorra casalese, contro la quale aveva dedicato, quotidianamente, il suo impegno civile e religioso.

Insegnante generoso e capo scout, aveva compreso l’importanza di educare i giovani alla legalità, schierandosi dalla parte degli ultimi e dei più indifesi.

Nel Natale del 1991, in risposta agli omicidi e alle stragi dei clan che stavano insanguinando l’aversano, scrisse, assieme agli altri parroci della zona, la lettera “Per amore del mio popolo non tacerò”.

Il testo, che riporto qui di seguito, è diventato il suo testamento spirituale e il manifesto del suo impegno per la legalità.

Prosegui la lettura…

ERSILIO TONINI – “Permettetemi di continuare ad amarvi”

img__testimoni_Ersilio ToniniNella notte tra sabato e domenica, all’età di 99 anni, si è spento il cardinale Ersilio Tonini, il più anziano tra i porporati italiani, una delle figure più amate e ascoltate della Chiesa italiana.
Nato a Piacenza, ha svolto, per tanti anni, il suo ministero da prete e vescovo nel ravennate. E proprio in Romagna, terra di tradizioni anticlericali, è entrato nel cuore della gente grazie alla sua capacità di ascolto e di condivisione, delle gioie e dei dolori: una solidarietà praticata e non solo annunciata.
Testimone credibile del Vangelo, studioso curioso del futuro, aperto all’incontro e al confronto con tutti, persona semplice ed autentica, fu proprio Tonini a portare il Vangelo in tv, entrando così nelle case degli italiani, che ancora oggi lo ricordano come il cardinale buono.
“L’amore è la cosa più importante nella vita” sono state le sue ultime parole, quando si è reso conto che stava per “andare incontro al Signore”. “Non piangete, torno dal Padre che è buono” si è raccomandato con la suora che lo accudiva.
Prosegui la lettura…

Cesena ha ricordato Dossetti nel centenario della nascita

Pubblico delle grandi occasioni al cinema San Biagio per l’evento organizzato dall’associazione Zaccagnini, con Pierluigi Castagnetti e don Giuseppe Dossetti junior.

Serata Dossetti al San BiagioProfessore universitario, Resistente, Padre costituente, politico, monaco, difensore della Costituzione: Giuseppe Dossetti è stato questo e molto di più. Prima di tutto è stato un difensore dell’uomo, di tutti gli uomini, che fossero credenti o meno.

Un ritratto di questa straordinaria figura, quanto mai attuale nel poco confortante panorama politico odierno, è stato tracciato dal film-documentario “Quanto resta della notte?” del regista Lorenzo Stanzani. L’opera è stata proiettata martedì scorso al cinema San Biagio di Cesena, in un incontro pubblico organizzato dall’Associazione Benigno Zaccagnini alla presenza del vescovo Douglas Regattieri.

Il documentario ha ben inquadrato le preoccupazioni di un Dossetti impegnato a riformare tanto le Istituzioni della società quanto la Chiesa cattolica. I due grandi eventi che hanno segnato la società italiana della seconda metà del XX secolo, la Costituzione e il Concilio, lo hanno visto protagonista.

Lontano dalla ribalta dei riflettori, Dossetti dapprima prese parte, come giovane politico, alla scrittura della Carta costituzionale (vergando articoli decisivi, come l’articolo 11 sul ripudio della guerra, e contribuendo alla scrittura dell’articolo 1); in seguito, come sacerdote segretario del cardinale Lercaro di Bologna, partecipò al Concilio Vaticano II. Quest’ultimo evento, che aprì la Chiesa al mondo, ai non credenti, alle altre religioni, mettendola in sintonia con i tempi nuovi, lo vide lavorare come paziente tessitore tra i diversi gruppi di lavoro dei padri conciliari.

Prosegui la lettura…

GIUSEPPE DOSSETTI – “Sentinella, quanto resta della notte?”

img__testimoni_DossettiAncora oggi, a cent’anni dalla sua nascita, abbiamo molto da imparare dalla figura di don Giuseppe Dossetti.

Restano del tutto attuali i suoi “allarmi” e le sue esortazioni, il suo invito a resistere, a durare nella notte, come nel famoso discorso della Sentinella.

Resistere nella crisi (non solo economica, ma di senso e di significato), avere consapevolezza della sua esistenza, non rimuoverla, ma affrontarla; attraversare la crisi per superarla: questo era il suo messaggio!

Per meglio conoscere questo testimone e profeta, riporto, qui di seguito, un suo bel profilo, tratteggiato da Chiara Tintori su Aggiornamenti Sociali di questo mese.

Prosegui la lettura…

BENIGNO ZACCAGNINI – “Occorre custodire intimamente un’anima rivoluzionaria, operando però nel concreto, con metodo”

Sono passati 100 anni, da quando, il 17 aprile 1912, nasceva a Faenza Benigno Zaccagnini.

Il suo esempio e la sua testimonianza sono il motivo dell’impegno in politica, di tanti di noi.

Chi lo ha conosciuto può affermare con certezza che Zaccagnini non ha mai cercato il potere (e forse ne aveva perfino paura), ma era stata la politica a cercarlo, quasi ad inseguirlo. Gli si era imposta come un dovere.

“Tu sei Zaccagnini?” gli chiese un giorno Papa Giovanni XXIII. Non ebbe il tempo di rispondere e si sentì subito aggiungere: “Ho sentito parlare molto di te. Capisco perché: la tua faccia è come la tua anima”.

Il suo volto, in effetti, conteneva ed esprimeva il suo grande carisma: noi giovani vi leggevamo l’autenticità della persona, la verità e l’unità del suo dire con il suo pensare e il suo essere. Un volto che, ancora oggi, quando guardo la foto che ho nel mio ufficio, mi trasmette, al contempo, un sentimento di inquietudine e di grande consolazione. Un richiamo alla nostra radice più profonda di uomini pellegrini in cammino.

Prosegui la lettura…

Centenario di Benigno Zaccagnini

Venerdì 1 giugno alle ore 21, a Cesena, un’iniziativa per ricordarlo

“Fedeli alla nostra tradizione e all’ispirazione cristiana, dobbiamo riaffermare la piena autonomia e responsabilità nel campo politico, la piena laicità dello Stato, ma insieme ribadire una ispirazione cristiana della democrazia che la arrichisca di tensioni morali, che formi le coscienze al senso di responsabilità e di servizio”.

Con queste parole di Benigno Zaccagnini, l’Associazione cesenate a lui intitolata, invita a partecipare all’iniziativa organizzata in occasione del Centenario della sua nascita.

Prosegui la lettura…

BENIGNO ZACCAGNINI – “Sl’è nota us farà dé”

Esattamente 100 anni fa, il 17 aprile 1912, nasceva a Faenza Benigno Zaccagnini.

Il suo esempio e la sua testimonianza sono il motivo dell’impegno in politica, di tanti di noi.

Cresciuto nell’Azione Cattolica e laureatosi in Medicina, si impegnò nella Resistenza scegliendo, come nome di battaglia “Tommaso Moro”; eletto all’Assemblea Costituente e confermato più volte deputato, è stato Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale e, successivamente, dei Lavori Pubblici.

Chi lo ha conosciuto può affermare con certezza che Zaccagnini non ha mai cercato il potere (e forse aveva paura di un potere che può diventare arbitrio), ma era stata la politica a cercarlo, quasi ad inseguirlo. Gli si era imposta come un dovere.

Fu così che, fortemente voluto da Aldo Moro, diventò Segretario della Democrazia Cristiana negli anni più difficili, dal 1975 al 1980, in un periodo in cui il travaglio politico di tutti i partiti italiani si stava svolgendo contemporaneamente alla più grave crisi economica del mondo occidentale, dopo il 1929.

Prosegui la lettura…