Come aiutare le piccole e medie imprese: approvati i miei emendamenti

work“Come sfruttare al meglio le potenzialità in termini di creazione di posti di lavoro delle piccole e medie imprese”, è questo il titolo del parere che abbiamo votato oggi in commissione REGI, del quale sono stato relatore per il gruppo S&D.

Il testo, che esprime l’opinione dei deputati della commissione per le Politiche Regionali, presenta alcune linee guida che verranno trasmesse alla commissione occupazione e affari sociali per l’elaborazione del documento finale.

La relazione iniziale, scritta dal collega Novakov (PPE), era condivisibile ma a mio parere, e parlando con le associazioni di categoria, ci siamo resi conto che mancava di diversi temi che ho voluto inserire come emendamenti e che sono stati accolti nel testo finale.

Il primo tema riguarda la realtà delle piccole e medie imprese “di tipo cooperativo”, che occupa in Europa migliaia di persone e che ho voluto venisse espressamente citato nel documento, anche prevedendo programmi di finanziamento specifico.

Ho poi lavorato perchè nel testo definitivo venissero ricomprese anche le microimprese (quelle formate da meno di 10 dipendenti e con meno di 1 mil. di euro di fatturato), che nel nostro paese sono la maggioranza e che non venivano esplicitamente ricordate nonostante abbiano necessità diverse da quelle più grandi; la Commissione nel preparare i programmi di finanziamento deve tenerne conto.

Prosegui la lettura…

Finanziamenti LIFE: pubblicato il bando 2016

Senza titoloIl programma LIFE 2014-2020 sostiene i progetti europei nel settore ambientale, con l’obiettivo di migliorare l’efficienza ambientale dell’economia, riducendo le emissioni di anidride carbonica e contribuire alla protezione e al miglioramento della qualità dell’ambiente.

Ieri è stato pubblicato dalla Direzione Generale Ambiente il bando 2016 del programma Life, suddiviso in due sottoprogrammi: Ambiente e Clima.

Il budget disponibile, solo per i progetti tradizionali, ammonta a 239 milioni di euro e le scadenze sono:

Progetti tradizionali
– sottoprogramma Azione per il clima tutte le azioni: 7 settembre
sottoprogramma Ambiente – azione Ambiente e uso efficiente delle risorse: 12 settembre
sottoprogramma Ambiente – azione Natura e biodiversità: 15 settembre
sottoprogramma Ambiente – azione Governance e informazione: 15 settembre

Progetti preparatori (sottoprogramma Ambiente): 20 settembre
Progetti integrati
(entrambi i sottoprogrammi): 26 settembre – I fase (concept note); i progetti completi saranno da presentare entro il 15 marzo 2017 per il sottoprogramma Ambiente, 15 aprile 2017 per il sottoprogramma Azione per il clima.
Progetti di assistenza tecnica (entrambi i sottoprogrammi): 15 settembre

Per tutte le ulteriori informazioni, questo è il link del sito della DG Ambiente: http://ec.europa.eu/environment/life/funding/life2016/index.htm

 

Frutta e verdura: necessario aumentarne il consumo

Frutta mista22 milioni: è questo il numero di bambini in sovrappeso nell’Unione Europea, mentre altre statistiche ci dicono che nei 28 Stati Membri la media del consumo di frutta e verdura si attesta tra il 30 e il 50% della razione giornaliera consigliata.

Sono numeri che ci dicono come sia necessario fare qualcosa, invertire la tendenza ed incentivare il consumo di alimenti vegetali, evitando così anche ricadute economiche, sia per il nostro sistema sanitario, che sempre più deve fare i conti con patologie legate ai cattivi stili di vita e all’obesità, sia per quel che riguarda i produttori di frutta e verdura, che da anni ormai fanno i conti con una grave crisi del settore.

Proprio per questo ho firmato una dichiarazione scritta che chiede alla Commissione e al Consiglio Europeo di promuovere, tramite adeguate politiche e iniziative, a promuovere il consumo di frutta e verdura di stagione e a sostenere i produttori locali nella filiera alimentare.

Qui il testo dell’interrogazione: WD sul consumo di frutta e verdura

A Karlsruhe per scoprire nuovi modelli europei di crescita e innovazione

Visita a KarlsruheNel pomeriggio del 10 maggio ho voluto fare da Strasburgo, dove ero impegnato in una seduta plenaria del Parlamento, una breve visita di lavoro alla vicina città tedesca di Karlsruhe, sull’altra riva del Reno. Quello che ho scoperto nei vari appuntamenti che ho avuto è una realtà vivace, all’avanguardia nell’innovazione tecnologica ed economica, dove tante buone pratiche possono essere prese ad esempio in un’ottica europea.

Alla sede del KVV, il Consorzio dei trasporti della città e del circondario, mi hanno ricevuto l’amministratore delegato Alexander Pischon ed i responsabili dei settori ingegneristico e del
marketing. Ho potuto scoprire una tecnologia importante, quella del TramTreno, che consente ai mezzi tranviari del centro città di viaggiare direttamente sulle linee ferroviarie extraurbane.
Questa innovazione, nata a Karlsruhe, diffusa in una ventina di città del continente e finanziata anche con risorse europee, consente ridurre al minimo il numero di cambi e di collegare anche i paesi minori di campagna e montagna con i centri economici e sociali in tempi ridotti, in modo efficiente ed a costi contenuti. Credo che sia qualcosa da cui dobbiamo prendere spunto, una vera “buona pratica” da studiare ed esportare.

Prosegui la lettura…

Farmaci online: stop all’acquisto libero e pericoloso

waiting for AlmaNegli ultimi anni stiamo assistendo sempre più all’aumento di siti internet che, senza obbligo di prescrizione medica o di controllo sulle modalità di utilizzo, vendono farmaci che presentano varie controindicazioni e hanno pericolosi effetti collaterali per la salute delle donne.

Sono molti infatti i medicinali, registrati per altre patologie e tranquillamente acquistabili in rete, che possono interrompere la gravidanza se associati al farmaco RU; la facilità di accesso a tali siti internet e la mancanza di controlli sulla vendita e la commercializzazione di questi farmaci destano particolare preoccupazioni, poichè l’acquisto dei prodotti in questione espone le donne a seri rischi, inclusa la morte.

Per questo ho firmato assieme ad altri colleghi una dichiarazione scritta che chiede alla Commissione e al Consiglio Europeo di prestare un’attenzione particolare nel contrasto alla vendita incontrollata di farmaci con effetti collaterali potenzialmente molto dannosi e di invitare tutti i paesi membri a fare lo stesso.

Qui trovate il testo della dichiarazione scritta: Vendita online di farmaci pericolosi per la salute delle donne.

 

Skype e Telegram: due nuovi canali per essere sempre più vicini

Skype + telegramViviamo in un’epoca nella quale internet, i social network, gli smartphone sono diventati strumenti importanti nella nostra vita di tutti i giorni ed è giusto quindi sfruttare sempre più le opportunità che derivano da questi mezzi utilizzandole per rimanere “In dialogo con l’Europa” e diminuire le distanze tra il Parlamento Europeo e i territori dove tutti noi viviamo.

L’ Europa spesso è vista come lontana, inutile, addirittura come un problema, per alcuni. Conoscerla meglio può aiutare a capire meglio il lavoro che viene svolto a Bruxelles e può portare a spunti importanti per il futuro.

Proprio per questo ho deciso di provare a mettere in campo due nuove forme di comunicazione che, se vorrete, potremo sfruttare per rimanere in contatto:

Prosegui la lettura…

Guida ai finanziamenti europei per enti locali

Una videopresentazione della guida per i finanziamenti europei agli enti locali: come muoversi nel complicato mondo dei finanziamenti europei per comuni, unioni di comuni, province e città metropolitane? Come riuscire a creare progetti che seguono le linee guida della Commissione?

 

Trovate queste risposte nella guida, disponibile per il download digitale qui: http://www.damianozoffoli.com/2016/04/22/una-guida-per-comuni-province-e-citta-metropolitane-alla-ricerca-di-finanziamenti-europei/

(se invece preferite averne una versione cartacea mandate un’email a damiano.zoffoli@ep.europa.eu)

Per salvare le api

Apina beataNegli ultimi anni abbiamo assistito in tutto il mondo ad un processo massiccio e preoccupante di riduzione delle colonie di api e anche in Europa gli impollinatori selvatici hanno mostrato un andamento negativo in termini di quantità e di ricchezza.

Ci sono sempre meno api e questo si traduce in un danno per le nostre culture anche economico, visto che si stima che il valore economico dell’impollinazione sia di circa 153 miliardi di euro a livello globale.

Proprio per questi motivi ho firmato un’interrogazione scritta che chiede di promuovere in tutta Europa l’iniziativa “miele a colazione”, già attiva in alcuni stati, che mira a sensibilizzare i bambini in età scolastica e prescolastica sul tema delle api e della natura; allo stesso modo si chiede di dichiarare il 20 maggio “Giornata mondiale delle api”, con lo scopo di promuovere l’importanza delle api, dell’apicoltura, di sane abitudini alimentari e dei prodotti alimentari locali, nonché di sensibilizzare adulti e bambini su tali questioni.

Qui trovate il testo dell’interrogazione: Dichiarazione scritta api

Una guida per comuni, province e città metropolitane alla ricerca di finanziamenti europei

finanziamenti3 miliardi e mezzo per progetti in ambito ambientale, 1 miliardo e mezzo per progetti in ambito culturale, 180 milioni per progetti con le città gemellate. Ogni settimana nella casella di posta di un amministratore locale o di un funzionario pubblico arrivano messaggi roboanti. Sembra che i fondi europei stiano per invadere ogni angolo del Paese.

Si sente dire che non siamo capaci di sfruttarli a dovere. Si sente dire che il Comune accanto ne ha fatto uso. Si sentono tante cose e si alimenta un racconto che sta a metà tra un mito e la realtà.
Il mito è che i fondi europei siano “soldi facili” per qualsiasi cosa. La realtà è che presentare proposte vincenti per un ente locale è possibile, sempre che sappia seguire alcune regole auree.

La prima regola è che si deve partire dai propri bisogni e problemi, evitando quella pericolosa pratica per la quale si tenta di partecipare ai bandi europei partendo da quello che propongono, anche se non sono necessità reali della propria amministrazione locale.
La seconda regola è che l’Europa non è un bancomat: a discapito di una certa narrazione partecipare e vincere i bandi europei non è facile. Serve un impegno importante di risorse umane interne e/o di consulenti esterni nella fase di progettazione, gestione e rendicontazione.
La terza regola è che i progetti devono realizzare gli obiettivi dell’Unione Europea: l’UE ha creato questi programmi per realizzare gli obiettivi che si è data. In particolare gli obiettivi più importanti sono quelli definiti nella Strategia Europa 2020, oltre a quanto stabilito nelle diverse strategie settoriali. Cercare risorse per obiettivi propri in contraddizione o non coerenti con gli obiettivi europei è tempo perso.

Per tutto questo ho deciso di realizzare una guida ai fondi europei che trovate qui. Nel primo capitolo si offre una breve introduzione in merito a quanto l’Unione Europea faccia per gli Enti locali. Nel secondo capitolo c’è un’analisi dettagliata dei programmi comunitari che emettono bandi per il finanziamento di progetti che sono rivolti totalmente o in parte agli enti locali. Nel terzo capitolo, infine, c’è una breve guida sulle regole della progettazione europea, con alcuni suggerimenti dedicati agli Enti locali.

Per chi invece volesse richiedere una versione cartacea della guida, vi invito a scrivere a damiano.zoffoli@ep.europa.eu

Erasmus: presentata un’interrogazione per un servizio ancora migliore

Optima Erasmus 2015, gli SpagnoliConoscere Paesi e persone diverse, mettersi in crisi, crescere, imparare a conoscere senza giudicare, ad essere intraprendenti. Sono questi alcuni degli obiettivi del programma Erasmus+, un progetto di mobilità studentesca creato nel 1987, che nel solo anno 2013/14 ha permesso un’esperienza all’estero per studio o tirocinio a più di 270 000 persone.

Un progetto europeo, un’esperienza di vita per chi ne prende parte, un’occasione per conoscere altre realtà dell’Unione (e non solo, dal momento che a questo progetto partecipano anche Islanda, Liechtenstein, Norvegia, Svizzera, Macedonia e Turchia), per imparare e perfezionare una lingua straniera, ma soprattutto per vivere appieno lo spirito e i valori fondamentali dell’Unione Europea; valori transfrontalieri, condivisi dai popoli dell’Unione in quanto figli della stessa storia e della stessa cultura.

Un progetto, Erasmus+, che favorisce lo sviluppo di competenze imprenditoriali, di problem solving, di adattabilità, di leadership. Queste si tramutano, in termini di mercato di lavoro, in una maggiore occupabilità di chi è partito, tanto che il rischio di disoccupazione per i giovani che hanno preso parte alla mobilità è del 50% inferiore rispetto a chi è rimasto a casa.

L’Erasmus è, inoltre, un investimento fondamentale nella creazione della cittadinanza europea, in quanto la mobilità permette lo sviluppo di un’identità europea e il rafforzamento del sentimento di appartenenza all’Unione, risultando in una considerevole riduzione del fenomeno dell’euroscetticismo.

Prosegui la lettura…