La Romagna per l’Europa l’Europa per la Romagna

Cosa può fare l’Europa per la Romagna? Come possiamo trasformare le opportunità europee in occasioni concrete di crescita e di sviluppo per le nostre comunità? Ne parliamo giovedì 21 aprile a Cesenatico insieme a Lia Montalti (consigliere regionale, responsabile fondi europei PD Emilia Romagna), Matteo Gozzoli (capogruppo PD comune di Cesenatico) e Maria João Rodrigues (Europarlamentare, vicepresidente gruppo S&D, ex ministro per il lavoro e la solidarietà sociale del Portogallo).

Zoffoli_Cesenatico_Flyer

Profili nutrizionali: no alla classificazione dei cibi, sì ad una dieta sana

parmigiano reggianoOggi nella Sessione plenaria di Strasburgo siamo riusciti a bocciare il sistema inglese dell’etichetta a ‘semaforo’ sugli alimenti e abbiamo chiesto di rimettere in discussione il fondamento scientifico dei cosiddetti “profili nutrizionali”. La richiesta è stata approvata con 402 voti a favore, 285 contrari e 22 astensioni. Con il voto di oggi, l’Europarlamento invita la Commissione europea, visti i “gravi e persistenti problemi”, fra cui quelli “di distorsione della concorrenza” nell’attuazione del regolamento del 2006 relativo alle indicazioni nutrizionali e sulla salute fornite sui prodotti alimentari, “a riesaminare la base scientifica, l’utilità e la fattibilità di tale regolamento nonché eventualmente a eliminare il concetto di profili nutrizionali”.

La mia posizione è quella dei miei colleghi italiani, può essere riassunta in alcuni punti specifici:

I profili nutrizionali non hanno fondamento scientifico. Non esistono cibi “buoni” o cibi “cattivi” ma solo diete buone o diete cattive.

Da un punto di vista economico, le soglie stabilite dai profili nutrizionali possono generare conseguenze estremamente negative sulla competitività di vari settori della filiera agro-alimentare europea.

Prosegui la lettura…

Immigrazione: necessario un approccio globale; approvato il rapporto UE.

Idomeni, aprile 2016. Ph. Ivano di Maria - www.aroundtheborders.eu

Idomeni, aprile 2016. Ph. Ivano di Maria – www.aroundtheborders.eu

Approvata oggi nella Sessione Plenaria di Strasburgo la Relazione della collega Cécile Kyenge che analizza e modella il nuovo approccio che l’Unione Europea deve avere al tema dell’immigrazione. Abbiamo infatti rilevato come gli strumenti adottati fino ad oggi si stiano rivelando inefficaci a gestire il grande flusso di persone che continua ad arrivare ai confini europei e con questa relazione, che io ho convintamente votato, si disegna una vera e propria politica comune europea in materia di immigrazione che si basa su quei principi di solidarietà e condivisione delle responsabilità previsti dai Trattati ma rimasti inattuati.

Qui i punti principali della relazione Metsola – Kyenge:

Solidarietà: nella relazione viene richiamato il concetto europeo di solidarietà, che deve stare alla base delle nostre politiche. Si è disegnato un sistema coerente basato sulla condivisione delle responsabilità tra tutti gli Stati Membri.

Regolamento di Dublino: Una parte fondamentale della relazione è il superamento dell’attuale Regolamento di Dublino, che ha fallito alla prova, penalizzando in particolare i  Paesi frontalieri del sud Europa come l’Italia e la Grecia. Proponiamo che la domanda d’asilo non sia più rivolta allo Stato di prima accoglienza, ma all’Unione Europea e gestita solidalmente fra tutti i 28 Stati Membri.

Gestione frontiere esterne: Schengen è l’Europa, sospenderlo non risolve alcun problema. Nel Rapporto è indicata la chiave di soluzione per salvare la grande conquista di libertà che è Schengen, sinonimo e simbolo del sogno europeo.  E’ decisiva la gestione comunitaria delle frontiere esterne dell’Europa accelerando l’istituzione della Guardia Costiera e di Frontiera europea.

Visti umanitari: Basta viaggi della morte. Nella relazione si propone che che tutte le persone bisognose di protezione internazionale possano richiedere un visto umanitario presso ogni consolato o ambasciata di uno Stato terzo.

Prosegui la lettura…

Cielo unico europeo: una proposta per l’ambiente e il risparmio

airplaneUn report appena pubblicato della IATA, l’associazione delle compagnie aeree, mette a nudo tutte le inefficienze e le potenzialità del trasporto aereo europeo.

Leggendo lo studio si scopre che sui cieli d’Europa, ogni volo allunga il tragitto di almeno 50 km rispetto alla tratta più logica che dovrebbe seguire da aeroporto ad aeroporto, portando ad un aumento medio di 10 minuti ogni volo il tempo di permanenza in quota ed aumentando in questo modo i costi per i passeggeri e l’inquinamento ambientale.

Due sono le cause principali di questo problema: la presenza di corridoi militari che gli aerei non possono sorvolare e che li costringono a tragitti non lineari e la mancanza di un coordinamento unico europeo che gestisca i cieli in modo unitario, come già avviene ad esempio negli Stati Uniti d’America, rispetto ai 38 centri di coordinamento statali e regionali presenti oggi in Europa. Unificare il coordinamento dei cieli europei e dare la possibilità ai voli civili di poter aversare i corridoi militari, oltre a diminuire i tempi di percorrenza, consentirebbe un risparmio quantificato in circa 245 miliardi di euro in 20 anni per i cittadini europei.

Per questo dobbiamo lavorare per il progetto del “Single European Sky” (Cielo Unico Europeo); un progetto che potrebbe da solo ridurre del 10% l’impatto sull’ambiente e tagliando i costi complessivi del 50%, aumentando anche gli affari per tutta l’economia (turistica e industriale) che ruota attorno al mondo aeronautico.

 

ETS: i soldi risparmiati dal mercato delle emissioni devono essere redistribuiti ai comuni

CO2 emissionsLa commissione ambiente del Parlamento europeo sta discutendo la riforma degli ETS, il principale strumento adottato dall’Unione europea per ridurre le emissioni di gas a effetto serra nei settori industriali caratterizzati da maggiori emissioni di anidride carbonica. Questo sistema prevede che gli Stati facciano aste pubbliche per vendere “i diritti ad emettere anidride carbonica” alle imprese.

“Sono convinto – specifica l’on. Zoffoli, membro della commissione ambiente del Parlamento Europeo – che gli Stati membri debbano utilizzare il denaro proveniente dai proventi dalle aste ETS, pari per l’Italia nel 2015 a oltre 1 miliardo e 380 milioni, per azioni a sostegno del clima”.

“In questo contesto  – prosegue l’europarlamentare dem – serve un reale impegno a sostegno di quelli che sono i veri attori fondamentali della lotta al cambiamento climatico: gli enti locali. Quando i Sindaci e gli amministratori locali sono stati messi nelle condizioni di operare azioni concrete in questa lotta, ad esempio attraverso il Patto dei Sindaci, hanno dimostrato di essere i principali alfieri del benessere e del futuro dei propri cittadini.”

“Proprio per questo – conclude Zoffoli – plaudo all’iniziativa del membro del Comitato delle Regioni e capogruppo del PD nel consiglio comunale di Vittorio Veneto (TV) Marco Dus, che ha proposto un emendamento approvato l’altro ieri e che prevede che ogni Stato membro destini almeno il 20% degli introiti derivanti dalle vendite all’asta agli enti locali e regionali per opere di mitigazione degli effetti del cambiamento climatico. Questa cifra sarebbe stata pari a circa 276 milioni di euro aggiuntivi per gli enti locali nel 2015. Sosterrò questa proposta attivamente in Parlamento Europeo presentando un emendamento simile alla riforma della Direttiva ETS.”

Una proposta per un piccolo grande passo verso un’accoglienza condivisa

Ph. Ivano di Maria - www.aroundtheborders.eu

Ph. Ivano di Maria – www.aroundtheborders.eu

Rendere gli hotspot – i centri, cioè, di prima accoglienza ed identificazione dei migranti, sostanzialmente localizzati in Grecia e Italia – territori sovranazionali e non più parte dello Stato Membro nei quali sono insediati.

É questa la proposta, che io condivido, ribadita anche ieri dal collega Antonio Panzeri nel corso di un incontro del gruppo dei Socialisti e Democratici al Parlamento Europeo sulla Grecia e sul nuovo piano per l’immigrazione, che permetterebbe di risolvere il problema connesso col trattato di Dublino che oggi è uno dei principali ostacoli alla gestione del flusso di migranti che arrivano in Europa.

Basterebbe infatti che gli hotspots passassero da gestioni nazionali ad una gestione sovranazionale con personale dell’Ue per ottenere una più equa condivisione dei costi e delle responsabilità. Se poi lo stato ospitante desse a tali centri carattere di extraterritorialità, come avviene per le ambasciate, i migranti accettati verrebbero ammessi direttamente in Europa e non in un singolo stato. Si supererebbe così alla radice il problema della revisione del trattato di Dublino, che come ogni trattato internazionale richiede revisioni condivise e non ammette modifiche unilaterali.

Potrebbe sembrare un passo di poco conto, ma non è così, sarebbe un passaggio fondamentale nell’accoglienza dei migranti, che avrebbero lo status di cittadini europei e non di cittadini greci, o italiani, e di conseguenza la possibilità di potersi spostare in Europa per raggiungere parenti o amici o semplicemente altri stati, consentendo una redistribuzione più equa dei migranti, che non sono tanti se suddivisi tra tutti i 28 stati membri, ma diventano difficili da gestire se si concentrano solo in alcuni paesi.

Reggio Emilia: resoconto di una giornata tra coop.sociali e riflessioni sull’impegno politico

Cooperative sociali, aiuto alle persone svantaggiate, solidarietà e impegno politico. Con queste parole si potrebbe riassumere la giornata di venerdì scorso a Reggio Emilia e provincia, nella quale ho avuto la fortuna di visitare due importanti cooperative sociali e di incontrare i ragazzi di Correggio.

La prima tappa è stata alla cooperativa sociale “Il Bettolino”, che si trova esattamente al confine tra i comuni di Novellara e Reggiolo, nella bassa reggiana. Una coop. nata alla fine degli anni ’80 con l’obiettivo di offrire lavoro, e quindi un’indipendenza sociale ed economica, ai ragazzi e le ragazze svantaggiate della zona.

Oggi sono 95 i dipendenti del Bettolino, che col tempo si è specializzato nella coltivazione e vendita di erbe aromatiche, in particolare di basilico, diventando uno dei più importanti fornitori per la grande distribuzione, con 600mila piantine coltivate all’anno e 1 800 000 vaschette di prodotti vendute nel solo 2015. Una particolarità del Bettolino è che per ottenere il riscaldamento necessario alla coltivazione delle piantine, utilizza in parte il gas prodotto da una vicina discarica, ottenendo una riduzione dei costi ma soprattutto dell’impatto ambientale delle proprie serre, in un’ottica di economia circolare importantissima.

Coop. Il Bettolino Prosegui la lettura…

Odysseus: un servizio civile europeo per inventare l’Europa

renziSi è svolto oggi, in occasione del Consiglio Europeo, il primo incontro a Bruxelles dell’associazione Volta, un think tank voluto da Matteo Renzi per riflettere sulle politiche italiane ed europee e proporre soluzioni nuove.

E proprio in occasione di questo incontro è stato presentato Odysseus, un programma innovativo di servizio civile europeo.

Se è vero infatti che il 57% dei giovani europei tra i 15 e i 24 anni fa coincidere l’Europa con la “libertà di movimento” e quindi con un’idea diversa di confine o di stato da quella delle generazioni precedenti, è vero anche che il programma Erasmus è destinato ad oggi ad una fascia socioeconomica privilegiata, quella che è iscritta all’Università e che ha i mezzi anche economici per potersi permettere di vivere per qualche mese all’estero. Dobbiamo invece pensare ad un programma di scambio per tutti quelli che invece non sono iscritti all’università ma hanno ugualmente il desiderio di conoscere il resto dell’Europa e vivere un’esperienza importante.

Con questo intento nasce l’idea di un servizio civile volontario europeo, che appunto consenta a tutti i giovani tra i 18 e i 25 anni, di poter svolgere qualche mese di volontariato all’estero, esattamente come avviene per il programma Erasmus. Un servizio che dovrebbe essere coordinato dagli Stati Membri e che si svolgerebbe su 3 filoni fondamentali: ambientale, sociale e culturale.

L’idea verrà presentata da Matteo Renzi al Consiglio Europeo di oggi, giuridicamente sarebbe possibile, serve la volontà politica di dare la possibilità anche a chi non è iscritto all’università di poter effettuare un’esperienza importante sia a livello personale che a livello di collettività europea come è ad oggi il programma Erasmus.

Qui trovate il documento ufficiale del programma: Odysseus

Risultati elettorali in tre Länder tedeschi: un’analisi

germaniaSono andati ieri al voto tre repubbliche federate in Germania, con una popolazione pari ad oltre il 20% del totale tedesco. I tre Länder al voto – Baden-Württemberg, a sud-ovest; Rheinland-Pfalz, nella parte centro-occidentale del Paese; Sachsen-Anhalt, a nord-est – hanno rappresentato indubbiamente un test politico di portata generale, di cui si cercano di tratteggiare qui alcuni elementi.

1) La politica sui profughi (Flüchtlingspolitik) è stata senza dubbio elemento dirimente di queste elezioni, con ciò invertendo la tradizionale compostezza dell’elettorato tedesco, il quale assai di rado confonde candidati locali con temi nazionali e viceversa. È però sbagliato dire (come ha fatto Salvini stamattina) che queste elezioni rappresentino uno schiaffo per la politica d’accoglienza della Merkel: il tema dei profughi ha infatti determinato sia le fortune del neonato partito populista di destra AfD, sia quelle di candidati esterni alla CDU ma favorevoli alla linea Merkel (i primi ministri uscenti a Stoccarda, Kretschmann, e Magonza, Dreyer). Il tema ha dunque polarizzato il voto fra favorevoli e contrari, e a farne le spese è stata invece senza dubbio la stessa CDU, cui gli elettori hanno fatto pagare un lungo dibattito interno che ha cercato di tenere insieme favorevoli e contrari nel partito.

2) Il fattore personale, ovvero la capacità dei trascinamento dei candidati specie se capi del governo uscenti, è risultato oltremodo decisivo. La CDU ha subito in due Länder su tre perdite pesantissime (sia in Baden-Württemberg sia in Rheinland-Pfalz), ma nell’unico Land dove esprimeva il capo del governo regionale (Reiner Haseloff, presidente del Sachsen-Anhalt) ha invece ottenuto un buon risultato e limitato perdite a destra verso l’AfD. In crisi gravissima si conferma la SPD, con risultati da tracollo in due Länder su tre, mentre laddove esprimeva il capo del governo (Malu Dreyer nel Rheinland-Pfalz) il risultato del partito è buono oltre ogni attesa della vigilia. Clamorosa l’affermazione elettorale dei Verdi, che s’incoronano di un risultato storico nel Baden-Württemberg trascinati dal presidente uscente Winfried Kretschmann (primo partito col 30,3%), mentre negli altri due Parlamenti superano appena la soglia del 5%.

Prosegui la lettura…

Olio tunisino: no ad aumenti alle importazioni

OLIVESL’accordo con la Tunisia per l’importazione di 35mila tonnellate di olio d’oliva senza dazio in più, all’anno, che si vanno ad aggiungere alle 56 700 che già vengono importate, è sbagliato sotto vari punti di vista. É per questo che il mio voto oggi in plenaria è stato contrario.

Nonostante alcuni emendamenti, voluti soprattutto dalla delegazione del Partito Democratico, abbiano migliorato il testo di partenza introducendo soglie di importazione mensili, obbligo di tracciabilità dell’olio e divieto di proroga della misura, rimaniamo contrari ad un accordo che danneggia i produttori italiani, non aiuta i produttori tunisini e aumenta il rischio di frodi.

Infatti, calcoli alla mano, l’aumento di export corrisponde ad un 3% rispetto all’anno passato; troppo poco per aiutare veramente i produttori tunisini, che invece chiedono aiuti sulle tecnologie di produzione più che sull’acquisto di prodotto finito.

Tanto più che purtroppo sono già molti i casi scoperti in questi anni di frodi alimentari con olio prodotto in Tunisia mischiato a olio italiano e venduto come europeo; un aumento della fornitura tunisina a basso costo sul mercato non può che aumentare il rischio di contraffazioni alimentari.

Tutti noi siamo favorevoli ad aiutare la Tunisia, nostro alleato in prima linea nella lotta al terrorismo dell’Isis, che ha subito negli ultimi anni attacchi e violenze, ma non possiamo agire con provvedimenti simbolici che scontentano tutti; serve un piano serio e a lungo termine di collaborazione col paese nordafricano che preveda non solo una collaborazione a livello commerciale, ma anche a livello politico.