Referendum sulle scuole bolognesi: “voterei B, come Buonsenso”

Domenica 26 maggio i cittadini di Bologna saranno chiamati ad esprimersi su un referendum consultivo in merito ai finanziamenti alle scuole dell’infanzia.

Nonostante il quesito sia, a mio avviso, fuorviante (non spiega che per la legge dello Stato le scuole si dividono tra statali e non statali, e quelle comunali, al pari di quelle private, . . . → Prosegui la lettura

Un Piano d’azione per una pubblica amministrazione sempre più verde

Con un obiettivo ambizioso: raggiungere il 30% di acquisti verdi entro il 2015.

Una pubblica amministrazione regionale sempre più sensibile ai temi dell’ambiente e dell’ecologia, che orienta le sue scelte ad un sistema di prodotti e servizi ispirati ai criteri di sostenibilità ambientale, con l’obiettivo di raggiungere la soglia del 30% di acquisti verdi sul . . . → Prosegui la lettura

Risoluzione sui precari della scuola: chiediamo garanzie per l’organico dell’Emilia-Romagna

Non si tratta semplicemente di una battaglia sindacale, pure giusta. Stiamo parlando del futuro dei nostri figli: una scuola di qualità ha bisogno di insegnati che possano dedicare tutto il tempo necessario ai propri alunni. Questa è l’idea di scuola del Partito Democratico, un’idea chiara e precisa. Purtroppo però, la Regione Emilia-Romagna, a fronte di . . . → Prosegui la lettura

Domenica e lunedì andiamo tutti a votare ai referendum. E votiamo 4 SÌ convinti!

Domenica 12 e lunedì 13 giugno saremo chiamati ad esprimerci su tre questioni cruciali per il futuro del nostro Paese: giustizia, energia nucleare, acqua pubblica. 4 saranno i quesiti referendari (uno sul legittimo impedimento, uno sul nucleare, due sull’acqua) e 4 saranno i SÌ convinti che scriverò sulla scheda elettorale.

4 SÌ nel merito:

. . . → Prosegui la lettura

Mille case a proprietà indivisa diventano a proprietà individuale

Un provvedimento utile, che consentirà anche di investire in edilizia sociale.

L’Assemblea Legislativa ha approvato la delibera della Giunta regionale che consente alle cooperative a proprietà indivisa che hanno usufruito di agevolazioni pubbliche (statali o regionali) di cedere in proprietà individuale, ai soci già assegnatari, gli alloggi realizzati.

Si stima che la conversione interesserà circa . . . → Prosegui la lettura