Il rosario in dialetto romagnolo di don Luigi Giovannardi

Pregare in romagnolo non è una cosa da ridere. Per quanto il nostro dialetto sia schietto, sanguigno e a volte volgare, le preghiere in romagnolo sono di una tenerezza struggente. Non solo, e non tanto, per il testo, che in dialetto viene illuminato di luce nuova. Ma soprattutto perché quelle preghiere, recitate in quel modo, . . . → Prosegui la lettura

Domenica la 4a Festa del dialetto romagnolo “TE AD CHI SIT E’ FIOL?”

As avdem e’ prem ad loj de’ domelaedodge!

La formula ormai è collaudata, ma ogni anno non mancano certo le novità. Domenica 1° luglio nel borgo di Roversano, sulle prime colline cesenati poco oltre Molino Cento, torna “Te ad chi sit e’ fiol?”.

La festa del dialetto romagnolo, nata da un’idea di Damiano Zoffoli e . . . → Prosegui la lettura