Contro il terrorismo e la paura, unione politica dell’Europa subito

 

Dopo i tragici fatti di Parigi di venerdì scorso, tanto si è detto.

Personalmente mi sento di condividere completamente le parole del Movimento Federalista Europeo, a cui sono iscritto, e che trovate riportate qui sotto:

FARE PRESTO!

CONTRO IL TERRORISMO E LA PAURA, UNIONE POLITICA DELL’EUROPA SUBITO

 

Nell’unirsi . . . → Prosegui la lettura

Non basta vincere, Adesso! bisogna cambiare

“È stato un privilegio per me accompagnare la vostra speranza, fare questo tratto di strada insieme. Non siamo riusciti a cambiare la politica. Adesso sarà meraviglioso dimostrare che la politica non riuscirà a cambiare noi. Abbiamo dalla nostra parte l’entusiasmo, il tempo e la libertà. Ho ricevuto più di quanto ho dato. Vi ringrazio e . . . → Prosegui la lettura

BENIGNO ZACCAGNINI – “Occorre custodire intimamente un’anima rivoluzionaria, operando però nel concreto, con metodo”

Sono passati 100 anni, da quando, il 17 aprile 1912, nasceva a Faenza Benigno Zaccagnini.

Il suo esempio e la sua testimonianza sono il motivo dell’impegno in politica, di tanti di noi.

Chi lo ha conosciuto può affermare con certezza che Zaccagnini non ha mai cercato il potere (e forse ne aveva perfino paura), ma . . . → Prosegui la lettura

BENIGNO ZACCAGNINI – “Sl’è nota us farà dé”

Esattamente 100 anni fa, il 17 aprile 1912, nasceva a Faenza Benigno Zaccagnini.

Il suo esempio e la sua testimonianza sono il motivo dell’impegno in politica, di tanti di noi.

Cresciuto nell’Azione Cattolica e laureatosi in Medicina, si impegnò nella Resistenza scegliendo, come nome di battaglia “Tommaso Moro”; eletto all’Assemblea Costituente e confermato più volte . . . → Prosegui la lettura

Il cuore di un pastore per un’antimafia del sorriso

“Il male è veramente male quando ti ruba il sorriso. Il gusto della bellezza è la miglior forma di antimafia”.

Le riflessioni di monsignor Giancarlo Maria Bregantini, per tanti anni vescovo nella Locride, terra segnata dalla ‘Ndrangheta, gettano una luce nuova nel nostro impegno contro le mafie.

Trovo che il mirare alla costruzione di . . . → Prosegui la lettura

Nasce il Fondo regionale per il lavoro giovanile, con 20 milioni di euro

Crescita, lavoro e welfare le priorità. No all’aumento delle tasse. Queste le linee guida della proposta di Bilancio 2012, approvata dalla Giunta regionale e costruita assieme ai Comuni e a tutta la società regionale.

Un bilancio difficile, sul quale pesano, rispetto al 2010, 390,15 milioni di euro di tagli statali dovuti all’azzeramento dei trasferimenti ex . . . → Prosegui la lettura

DON LUIGI CIOTTI – “La speranza non è in vendita”

“In un mondo di ingiustizie sempre più intollerabili, la speranza rischia di diventare un bene alla portata di pochi. Vogliamo dire no a questa “falsa” speranza, esclusiva, fondata sulla disperazione degli esclusi”. Per farlo non è sufficiente indignarsi e riempire le piazze, bisogna trasformare la denuncia dell’ingiustizia in impegno concreto per costruire giustizia. Sono alcune . . . → Prosegui la lettura

Sulla strada di Francesco per costruire ponti di speranza

“Cominciate con il fare ciò che è necessario, poi ciò che è possibile. E all’improvviso vi sorprenderete a fare l’impossibile”.

C’è quasi un programma politico in queste parole di San Francesco d’Assisi, che festeggiamo oggi come Santo Patrono d’Italia.

In questa crisi epocale, che scuote gli assetti finanziari ed economici di gran parte del mondo, . . . → Prosegui la lettura

Sostenere le famiglie delle persone affette da autismo

Presentata un’interrogazione all’Assemblea Legislativa dell’Emilia-Romagna

L’autismo è una sindrome comportamentale causata da un disordine dello sviluppo biologicamente determinato, con esordio nei primi tre anni di vita. I bambini e gli adolescenti affetti da autismo (oltre 1000 in Emilia-Romagna) si ritirano in un mondo tutto loro, hanno difficoltà nella comunicazione verbale e non, problemi comportamentali e . . . → Prosegui la lettura

La macchina delle sberle

Attenzione! Lo straordinario esito referendario deve interrogare tutti. Lo dice bene Marco Tarquino, nel suo editoriale pubblicato su Avvenire di ieri, che riporto qui di seguito. Si è messa in moto una vera e propria “macchina delle sberle”. Oggi la dose maggiore è toccata indubbiamente a chi governa, ma i destinatari potenziali sono un . . . → Prosegui la lettura