Caccia allo storno: serve una regolamentazione

“Chiederemo un incontro ai Ministeri competenti per parlare dello storno e non solo”. Così gli europarlamentari PD Damiano Zoffoli, Renata Briano, David Sassoli, Paolo De Castro intervengono su uno dei temi più sentiti dai cacciatori italiani, uno dei problemi da troppo tempo irrisolti. Ragioni di carattere venatorio quindi, ma anche ragioni di natura agricola ed . . . → Prosegui la lettura

Gli Eurodeputati incontrano i vertici del mondo venatorio italiano a Bruxelles

 

Bisogna trovare una soluzione in linea con gli altri paesi del Mediterraneo per permettere la caccia allo storno in Italia, superando le attuali limitazioni, visto anche il parere dell’Ispra che conferma la buona conservazione della specie e i danni crescenti e certificati alle colture agricole; sto lavorando coi miei colleghi in questa direzione.

. . . → Prosegui la lettura

Risoluzione sulla caccia allo storno. Il Governo è responsabile di una situazione paradossale

Con una risoluzione presentata in Assemblea Legislativa, il Gruppo del Partito Democratico ha fatto proprio il documento unitario sottoscritto da tutte le associazioni agricole e venatorie (Confagricoltura, Coldiretti, Cia, Anuu, Enalcaccia, Arcicaccia, Italcaccia, Fidc, Anlc) dell’Emilia-Romagna in materia di caccia in deroga allo storno. Il documento è stato inviato al Governo perché provveda, a breve, . . . → Prosegui la lettura

La collaborazione tra cacciatori, agricoltori e ambientalisti è possibile

No alla privatizzazione della caccia. Le tasse venatorie tornino ai territori.

Il dialogo tra cacciatori, associazioni ambientaliste e mondo agricolo è possibile in nome della tutela della fauna e del territorio. E può dare risultati concreti, come il ritorno del lupo nell’alto imolese. È quanto è emerso ieri nel corso del convegno “Le politiche per . . . → Prosegui la lettura

Il Governo spara proclami sulla caccia evitando di fare l’unica cosa utile per ridurre i danni alla nostra agricoltura

Le polemiche sulla caccia, tra chi vorrebbe abolirla e chi liberalizzarla all’estremo, stanno facendo passare in secondo piano i gravi danni provocati dagli storni all’agricoltura: 437mila euro nella sola Emilia-Romagna. Il Governo non ha ottenuto dall’Unione Europea l’inserimento di questa specie tra quelle cacciabili e così la Regione è costretta, ogni anno, a ricorrere a . . . → Prosegui la lettura

Soddisfazione per la sentenza che autorizza la caccia allo storno

“La decisione del Consiglio di Stato (che segue analogo pronunciamento del Tar) – afferma Damiano Zoffoli, Consigliere regionale del Partito Democratico – di respingere la richiesta, avanzata da organizzazioni animaliste, di sospendere la caccia allo storno, conferma la validità della politica amministrativa della Regione Emilia-Romagna che autorizza la caccia allo storno in deroga, per contenere . . . → Prosegui la lettura

Caccia in deroga allo storno: il TAR dà ragione alla Regione Emilia-Romagna

Soddisfatto dal pronunciamento, la priorità è contenere i danni all’agricoltura del nostro territorio.

«L’ordinanza del TAR (Tribunale Amministrativo Regionale) di Bologna che rigetta la richiesta di sospendere l’uso della normativa adottata dalla Giunta Regionale dell’Emilia-Romagna per l’esercizio delle deroghe autorizzative del prelievo dello storno e della tortora dal collare in alcune realtà, a contenimento dei . . . → Prosegui la lettura